Il mercato azionario oggi: Wall Street oscilla dopo la testimonianza al Congresso di Powell

Martedì gli indici azionari di Wall Street hanno chiuso contrastati dopo che i commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell davanti al Congresso hanno fatto ben poco per modificare le aspettative del mercato sulla tempistica dei tagli dei tassi di interesse da parte della Fed.

L’indice Standard & Poor’s 500 e l’indice Nasdaq Composite sono aumentati dello 0,1% ciascuno, un valore sufficiente a spingere gli indici ai massimi storici per la seconda volta questa settimana.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,1% dopo aver trascorso gran parte della giornata oscillando tra piccoli guadagni e perdite.

Nella sua testimonianza martedì davanti alla commissione bancaria del Senato, Powell lo ha confermato L’inflazione è scesa Ha osservato che il tasso di inflazione negli Stati Uniti è aumentato significativamente negli ultimi due anni, sebbene rimanga al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale. Ha inoltre osservato che esiste il rischio che la Federal Reserve si muova per tagliare i tassi di interesse troppo tardi o troppo poco, avvertendo che qualsiasi scenario potrebbe alla fine indebolire l’economia e il mercato del lavoro.

La testimonianza di Powell non ha fornito molte nuove indicazioni sui piani della Fed su quando tagliare i tassi di interesse. Secondo i dati del CME Group, i trader continuano a scommettere che esiste una probabilità del 70% che la banca centrale riduca il tasso di interesse di riferimento a settembre.

“Il mercato non vede sorprese oggi, e ciò gli consente di crescere modestamente”, ha affermato Lisa Erickson, responsabile dei mercati pubblici presso la U.S. Bank Wealth Management.

I rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono leggermente aumentati nel mercato obbligazionario. Il rendimento dei titoli del Tesoro USA decennali è salito al 4,30% dal 4,28% di lunedì sera.

READ  Il dollaro USA può diventare digitale. Ecco cosa devi sapere

La Federal Reserve è rimasta cauta nell’agire sui tassi di interesse, mantenendo il tasso di interesse di riferimento al livello più alto in oltre due decenni, attendendo con cautela ulteriori segnali che l’inflazione si stia ancora raffreddando.

Sebbene i prezzi siano crollati drasticamente negli ultimi due anni a causa dell’aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, l’obiettivo della banca centrale è quello di raffreddare l’inflazione al suo obiettivo del 2% senza rallentare troppo la crescita economica.

La maggior parte delle misure dell’inflazione indicano un calo, anche se a un ritmo molto più lento nel corso del 2024. Il tasso si aggira intorno al 3% e continua a esercitare pressione sui consumatori, soprattutto su quelli a basso reddito.

Nella sua testimonianza di martedì, Powell ha osservato che “un’inflazione più elevata non è l’unico rischio che affrontiamo”. Ha affermato che tagliare i tassi di interesse “troppo tardi o troppo poco potrebbe indebolire indebitamente l’attività economica e l’occupazione”.

Un forte mercato del lavoro e la spesa al consumo hanno sostenuto la crescita economica, anche se il ritmo di crescita è rallentato. Anche la spesa per i consumi si è indebolita poiché l’inflazione ha spinto molte persone a spostare le proprie priorità verso le necessità piuttosto che verso i beni discrezionali. Anche i costi di finanziamento sono aumentati a causa dei tassi di interesse più elevati, aggiungendo maggiore pressione sui consumatori.

Wall Street spera in tassi di interesse più bassi quest’anno, il che potrebbe allentare parte della pressione su consumatori e investitori. La maggior parte degli esperti si aspetta che la Fed tagli i tassi di interesse quest’anno, ma non prima di settembre. La Federal Reserve terrà il prossimo incontro di politica monetaria alla fine di questo mese.

READ  Futures Dow: il rally del mercato svende con 'il peggio che deve ancora venire' in Ucraina; Rapporto sui lavori al clic

“Se la Fed non riesce a iniziare a tagliare i tassi di interesse nei prossimi due mesi, l’economia correrà il rischio di indebolirsi ulteriormente nel breve termine”, ha affermato Dave Sekera, capo stratega del mercato statunitense presso Morningstar, “e questo ci spingerebbe indietro anche quando “Ci aspettiamo che l’economia acceleri nuovamente.”

I guadagni dei titoli bancari hanno contribuito a compensare i cali osservati martedì nei settori industriale, energetico e in altri settori nell’indice Standard & Poor’s 500. Le azioni di JPMorgan Chase sono aumentate dell’1,2% e le azioni di Bank of America sono aumentate del 2%.

Il produttore di chip Intel è cresciuto di un altro 1,8% dopo un guadagno del 6,2% di lunedì poiché gli analisti ottimisti sottolineano che i prossimi processori dell’azienda saranno molto richiesti per prodotti legati all’intelligenza artificiale.

Le azioni della società di beni di consumo Helen of Troy, che produce prodotti Osprey e Oxo, sono scese del 27,7% dopo aver pubblicato risultati del primo trimestre ben al di sotto delle aspettative.

Le azioni hanno registrato guadagni costanti negli ultimi mesi, contribuendo a spingere l’indice S&P 500 a 36 massimi record quest’anno.

L’indice Standard & Poor’s 500 è salito di 4,13 punti chiudendo a 5.576,98 punti. L’indice Nasdaq ha guadagnato 25,55 punti chiudendo a 18.429,29 punti. L’indice Dow Jones è sceso di 52,82 punti chiudendo a 39.291,97 punti.

Powell testimonierà mercoledì davanti alla Commissione per i servizi finanziari della Camera. La sua testimonianza precede i nuovi aggiornamenti sull’inflazione più tardi questa settimana.

Wall Street si aspetta che l’ultimo rapporto governativo di giovedì mostri che i prezzi al consumo sono scesi al 3,1% a giugno dal 3,3% di maggio. Venerdì è previsto un rapporto sull’inflazione all’ingrosso, prima che i costi vengano trasferiti ai consumatori.

READ  Il fondatore di Archegos, Bill Hwang, è stato condannato per frode

I trader attendono anche con ansia diversi rapporti sugli utili questa settimana. Giovedì Delta Air Lines annuncerà i suoi risultati.

Venerdì è previsto che JPMorgan, Citigroup e Wells Fargo pubblicheranno i loro risultati finanziari. Questi aggiornamenti potrebbero fornire ulteriori informazioni sui livelli di debito dei consumatori e se le banche sono preoccupate per i pagamenti e potenziali inadempienze.

___

Lo scrittore economico dell’Associated Press Christopher Rugabere ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto