Informazioni recenti sulla crisi del confine Ucraina-Russia: annunci in diretta

I leader mondiali stanno lottando per trovare una soluzione diplomatica continua Tensioni Russia-UcrainaIl discorso risale al 2015 Accordo di Minsk Una possibile via d’uscita dalla crisi.

L’accordo, nella capitale bielorussa, è stata la seconda (e più importante) violazione del genere nel tentativo di porre fine a un sanguinoso conflitto durato 10 mesi nell’Ucraina orientale.

Ma Minsk II non è completamente implementato ei suoi problemi principali sono ancora irrisolti.

Ecco cosa ti serve sapere:

Chi sono i protagonisti? Un raro incontro tra leader russi, ucraini, tedeschi e francesi nel febbraio 2015 ha cercato di portare la pace nelle parti dell’Ucraina occupate dai separatisti filo-russi l’anno precedente. Quelle aree, in Ucraina Zona del Donbass, conosciuta come Repubblica popolare di Luhansk (LPR) e Repubblica popolare di Donetsk (DPR). Il governo ucraino a Kiev ha insistito sul fatto che entrambe le aree erano sotto l’occupazione russa.

I colloqui mirano a lavorare per una soluzione politica per la regione.

Di conseguenza, Minsk II è stata firmata da leader separatisti in Russia, Ucraina e rappresentanti dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). In seguito, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione.

Quali sono i termini del contratto? Un cessate il fuoco. Nel febbraio 2015 c’erano ancora aspri combattimenti tra le forze ucraine e i ribelli filo-russi in alcune aree e gli ucraini hanno subito pesanti perdite.

Ritiro di armi pesanti dal fronte.

L’OSCE – un organismo di sicurezza di 57 membri che comprende gli Stati Uniti e il Canada – controlla dal fronte.

Conversazione sulle elezioni locali nelle aree occupate dai ribelli sostenuti dalla Russia.

READ  La stagione dello shopping natalizio è arrivata, ma è tornata?

Al ripristino dei pieni legami economici e sociali tra le due parti, ad esempio, possono essere concesse pensioni.

Per riprendere il controllo dello stato ucraino al confine con la Russia.

Ritiro di tutte le forze straniere e mercenari.

La riforma costituzionale che concede una certa autonomia alle regioni orientali del Donbass in Ucraina non è più sotto il controllo del governo centrale.

Leggi la storia completa qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto