Novembre 27, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Un’enorme e misteriosa esplosione scoperta nello spazio profondo stupisce gli scienziati

Un'enorme e misteriosa esplosione scoperta nello spazio profondo stupisce gli scienziati

Gli astronomi possono rilevare potenti esplosioni di energia dall’universo profondo e profondo.

A volte la fonte di queste eruzioni è un mistero.

Gli scienziati hanno recentemente osservato una gigantesca esplosione a circa 130 milioni di anni luce dalla Terra. In precedenza, ehm Scopri una massiccia collisione Qui da una nota fusione di due stelle di neutroni – stelle collassate che sono forse gli oggetti più densi dell’universo. Ma questo drammatico evento, che ha prodotto una potente corrente di energia, ha cominciato a svanire. Dopo circa tre anni e mezzo, qualcos’altro, qualcosa di nuovoo creare un’altra strana esplosione o rilascio di energia.

“C’è qualcos’altro in corso in questo momento”, ha detto a Mashable Ido Berger, professore di astronomia all’Università di Harvard e uno degli scienziati che hanno scoperto questo nuovo evento cosmico.

L’esplosione di energia, catturata dall’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA (che rileva le emissioni da luoghi estremamente caldi dell’universo), è stata intensa. Gli astronomi lo paragonano a voce alta Creato quando un aereo in corsa rompe la barriera del suono.

a Nuova ricerca pubblicata in Lettere del diario astrofisicoAbrajita Hajela, l’astronomo che ha condotto la ricerca, ha spiegato che gli astronomi stanno proponendo due possibili scenari che potrebbero spiegare l’evento, nessuno dei quali è stato osservato in precedenza. Hajela è una studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia della Northwestern University.

  1. bagliore kilonova: Che cosa? In questa interpretazione rivoluzionaria, quando due stelle di neutroni (oggetti così densi che un cucchiaino di una stella di neutroni pesa circa un miliardo di tonnellate) si scontrano, provocano un’esplosione estremamente luminosa, chiamata kilonova. Una kilonova potrebbe essere di grande importanza per l’universo e la nostra vita: gli astronomi ritengono che in queste esplosioni si siano formati elementi e minerali importanti, come l’oro e il platino. “È una delle posizioni dominanti proposte per gli elementi più pesanti dell’universo”, ha spiegato. Hagelah.

    Ma dopo questa massiccia esplosione di kilonova, gli astronomi hanno suggerito che i detriti si siano riversati nello spazio, generando un’onda d’urto o un’esplosione. L’esplosione ha riscaldato qualsiasi cosa intorno ad essa, come gas o polvere di stelle. Questo è il bagliore kilonova o bagliore residuo che possiamo rilevare a milioni di anni luce di distanza.

  2. Buco nero: Un’altra possibilità è che la drammatica fusione della stella di neutroni abbia creato un buco nero – “un oggetto con una forza gravitazionale così forte che nulla, nemmeno la luce, può sfuggirgli”. spiega la Nasa Ora il materiale della collisione sta cadendo nel buco nero. Quando i detriti cadono, rilascia molta energia mentre orbita attorno al potente oggetto oscuro. Questa potrebbe essere la fonte di questa energia recentemente scoperta dallo spazio lontano.

Le stelle di neutroni si scontrano nell'illustrazione.

Rappresentazione artistica della collisione di due stelle di neutroni.
Credito immagine: National Science Foundation / LIGO / Sonoma State University / A. Simonnet

Gas caldi e detriti attorno alle stelle di neutroni

Visualizzazione artistica di gas caldo e detriti strappati dai neutroni prima che si scontrano.
Credito immagine: NASA Goddard Space Flight Center / CI Lab

Non sorprende che due stelle di neutroni si scontrano nello spazio. In effetti, è normale che le stelle orbitino vicino ad altre stelle nello stesso sistema solare. Molte stelle non sono sole come il Sole. “La maggior parte delle stelle si trova in realtà in sistemi con uno o più compagni”, ha spiegato Hagel. Alla fine, le stelle esauriscono il carburante e crollano. Quindi, le stelle di neutroni più dense possono perdere slancio e scontrarsi, provocando fusioni ed esplosioni di energia.

Ora, la domanda incombente è come gli astronomi determineranno se rileveranno un bagliore di kilonova o se la materia cade in un buco nero. Continueranno a vedere il tipo di luce, o radiazione, proveniente da questa posizione nello spazio profondo. Questo rivelerà la fonte. (Se il bagliore è più tardi, si aspetterebbero più emissioni radio; ma i buchi neri emettono emissioni di raggi X.)

Chissà cosa riveleranno queste seguenti osservazioni sugli eventi che hanno luogo nell’universo profondo?

“Questa non è la fine della storia”, ha detto Berger.