Dicembre 8, 2021

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Cina e Stati Uniti hanno unito le forze per chiedere una riduzione delle emissioni

Aubrey Webson, capo della Coalition of Small Island States, ha affermato che la bozza “non è il linguaggio decisivo per chiamare questo momento”, uno dei paesi più minacciati dai cambiamenti climatici.

Gli scienziati affermano che i paesi dovrebbero ridurre le emissioni globali di combustibili fossili della metà in questo decennio in modo che la temperatura globale media non superi 1,5 gradi Celsius o 2,7 gradi Fahrenheit rispetto ai livelli preindustriali. Oltre tale limite, i rischi di ondate di calore mortali, siccità, incendi, inondazioni ed estinzioni di specie aumentano in modo significativo. Il pianeta si è già riscaldato a 1,1 gradi Celsius.

I negoziatori qui, da quasi 200 paesi, potrebbero richiedere modifiche significative alla bozza mentre i negoziati entrano nella loro estensione finale e più difficile. Secondo la tradizione, ciascuna delle parti deve firmare un nuovo accordo globale. Se un paese si oppone, i colloqui diventeranno un ostacolo.

Il primo ministro britannico Boris Johnson è tornato a Glasgow mercoledì, esortando i paesi a mettere da parte le differenze e raggiungere un accordo. “Il mondo ha chiesto ai leader di ogni paese di riconoscere la necessità di stare qui e agire”, ha detto. “Se non riusciamo a consegnarlo, il mondo lo troverà completamente incomprensibile”.

Ma costringere i paesi di tutto il mondo a spostare i propri interessi politici interni e acquisiti, che dipendono dai combustibili fossili per gran parte della loro energia, in una nuova direzione è una sfida difficile..

Il sig. Kerry ha affermato che i paesi non hanno altra scelta che lavorare insieme. “Non è una cosa preferita”, ha detto. “È scienza, è matematica e fisica, è il percorso che dobbiamo prendere.

READ  McAuliffe lotta per coinvolgere i Democratici politicamente esausti vicini alla campagna della Virginia

Molti esperti affermano che l’accordo congiunto tra Cina e Stati Uniti è inferiore all’accordo del 2014 tra Stati Uniti e Cina per il controllo congiunto delle emissioni, che ha contribuito a promuovere l’accordo sul clima di Parigi tra quasi 200 paesi un anno dopo.