Il miliardario Ken Griffin chiede che Harvard venga rimproverata durante le proteste contro la guerra

L’investitore miliardario Kenneth Griffin ha invitato sabato la sua alma mater, l’Università di Harvard, ad abbracciare i “valori occidentali”, affermando che i disordini nei campus universitari sono il prodotto di una “rivoluzione culturale” nell’istruzione americana.

Griffin, fondatore dell’hedge fund statunitense Citadel, ha dichiarato in un’intervista al Financial Times che gli Stati Uniti hanno “trascurato l’istruzione come mezzo per perseguire la verità e acquisire conoscenza” negli ultimi dieci anni.

“Harvard deve mettere in primo piano il fatto che rappresenta la meritocrazia in America…”, ha detto Griffin, aggiungendo che le scuole devono “abbracciare i valori occidentali che hanno costruito una delle più grandi nazioni del mondo”.

Griffin, che ha donato più di mezzo miliardo di dollari ad Harvard, ha dichiarato a gennaio che avrebbe interrotto le donazioni all’università a causa del modo in cui gestisce l’antisemitismo nel campus.

“Quello che vedete ora è il prodotto finale di questa rivoluzione culturale nell’istruzione americana che sta accadendo nelle università americane, in particolare, utilizzando il modello dell’oppressore e dell’oppresso”, ha detto Griffin al Financial Times.

Ken Griffin, fondatore e CEO di Citadel, parla alle sessioni della conferenza globale Milken 2024 presso il Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, California, Stati Uniti, 6 maggio 2024. (Credito: Reuters/David Swanson)

“Le proteste sono come performance artistiche”

“Le proteste nei campus universitari sono molto simili alla performance artistica…”, ha detto.

Ha aggiunto: “La libertà di espressione non ti dà il diritto di assaltare o vandalizzare un edificio”. “Questa non è libertà di espressione. Questo è solo caos.”

Le dichiarazioni di Griffin arrivano nel momento in cui sono stati arrestati dozzine di attivisti filo-palestinesi nei campus di tutta l’America, nell’ultima repressione delle manifestazioni che hanno scosso le università americane.

Gli studenti che protestano chiedono un cessate il fuoco nell’incursione israeliana a Gaza e hanno chiesto che le loro scuole ritirino le aziende legate a Israele.

READ  Un calo simile nelle vendite poiché l’inflazione persiste

Dai primi arresti di massa alla Columbia University il 18 aprile, almeno 2.600 manifestanti sono stati arrestati in più di 100 proteste in 39 stati e Washington D.C., secondo l’organizzazione giornalistica no-profit The Appeal.

Griffin, che ha iniziato a commerciare dal suo dormitorio ad Harvard, ha parlato alla conferenza dell’Association of Managed Funds a Miami a gennaio sulle università americane d’élite e ha criticato l’istruzione universitaria, accusando “un’agenda di diversità, equità e inclusione”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto