Il sorvolo di Europa della NASA suggerisce di mescolare “qualcosa” sotto il ghiaccio

I segni sulla superficie di Europa suggeriscono che la crosta ghiacciata è alla mercé delle acque sottostanti. Ancora più importante, la recente visita di Giunone rivela cos’è l’attività dei pennacchi, che se reale consentirebbe alle future missioni di campionare l’oceano interno senza la necessità di atterrare.

Sono passati quasi due anni da quando Giunone si è avvicinata al massimo ad Europa, ma le sue osservazioni sono ancora in fase di analisi. In particolare, nonostante abbia orbitato attorno a Giove solo dal 2016, le cinque immagini scattate da Giunone il 29 settembre 2022 sono le prime immagini ravvicinate di Europa dall’ultima visita della sonda Galileo nel 2000.

Ciò rappresenta un’omissione scioccante da uno dei mondi più enigmatici del Sistema Solare, ma potrebbe aver fornito una base di riferimento più lunga per vedere cosa è cambiato.

Europa è l’oggetto più morbido del Sistema Solare, grazie al costante riassorbimento guidato dal suo oceano interno. Tuttavia, è anonimo e Giunone ha trovato alcuni crateri dalle pareti ripide, larghi da 20 a 50 chilometri (da 12 a 31 miglia) e che indicano modelli di frattura.Vera oscillazione polare”.

“Una vera onda polare si verifica quando il guscio ghiacciato di Europa si stacca dal suo interno roccioso, provocando elevati livelli di stress sul guscio, portando a modelli di frattura prevedibili”, ha affermato la dott.ssa Candy Hansen del Planetary Science Institute. Rapporto.

L’idea alla base della vera oscillazione polare è che il guscio sopra l’oceano interno di Europa ruota a una velocità diversa rispetto al resto della Luna. Si pensa che le correnti all’interno dell’oceano influenzino il movimento della conchiglia, spostando l’acqua sottostante e trascinando con sé la conchiglia. Mentre l’attrazione gravitazionale di Giove e delle sue lune più grandi trasforma Europa in una gigantesca palla di pressione, le correnti sono guidate dal riscaldamento all’interno del nucleo roccioso di Europa.

READ  Le Migliori 10 acero rosso giapponese del 2024: La Classifica Approvata dagli Esperti

Nel processo, le interazioni tra l’oceano e la calotta glaciale si allungano e si contraggono, creando le crepe e le creste osservate dalla visita della Voyager 2.

Hansen fa parte di una squadra che esamina le immagini di Giunone dell’emisfero meridionale di Europa. “Questa è la prima volta che questi modelli di frattura sono stati mappati nell’emisfero australe, suggerendo che l’effetto delle vere oscillazioni polari sulla geologia della superficie di Europa è più esteso di quanto precedentemente riconosciuto”, ha detto lo scienziato.

Non tutti i cambiamenti nelle mappe di Europa sono il risultato delle correnti oceaniche interne. Anche la NASA sembra cadere nelle illusioni ottiche. “Il Crater Quern non esiste più”, ha detto Hansen. “Una volta pensato per essere un cratere da impatto largo 13 miglia – uno dei pochi crateri da impatto documentati in Europa – il Quern viene rivelato nei dati Junocom come un insieme di creste che si intersecano che formano un’ombra ovale.”

Tuttavia, Giunone dà più di quanto serve. Il team è entusiasta di chiamare l’ornitorinco per la sua forma, piuttosto che per le sue caratteristiche che non dovrebbero andare insieme. Sembra che le formazioni di creste sul suo bordo stiano collassando e il team pensa che il processo potrebbe essere causato da sacche di acqua salata che si sono parzialmente infiltrate nel guscio di ghiaccio.

Questa caratteristica è stata chiamata dagli scienziati planetari che non hanno mai visto un vero ornitorinco, delineata in giallo con l’area della cresta in blu.

Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI

Tali sacche costituirebbero interessanti bersagli indiretti per la sonda Europa Clipper, ma ancora più interessanti sono le macchie scure depositate dall’attività criovulcanica.

READ  L'albergatore di Bitcoin Elon Musk vuole vendere azioni Tesla per un valore di 23 miliardi di dollari, conclude il sondaggio su Twitter

“Queste caratteristiche indicano l’attuale attività superficiale e la presenza di acqua liquida nel sottosuolo di Europa”, ha affermato Heidi Becker del Jet Propulsion Laboratory. Tale attività è stata confermata nei geyser di Encelado, ma ci sono prove contrastanti sul fatto che sia attualmente in corso su Europa.

Un’operazione del genere potrebbe campionare segni di vita nell’oceano interno senza atterrare, perforare, volare attraverso un pennacchio e raccogliere del ghiaccio.

Attualmente, la marea polare può causare cambiamenti molto modesti nella posizione delle caratteristiche della superficie di Europa, ma ci sono prove che milioni di anni fa si sia verificato un cambiamento di oltre 70 gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto