“Billy, sei il bambino di sette anni più duro che conosciamo.”

Jimmy Kimmel ha condiviso sui social media che suo figlio ha subito il suo terzo intervento a cuore aperto durante il fine settimana del Memorial Day.

Il conduttore del talk show notturno ha dedicato un messaggio a suo figlio, alla sua famiglia e a tutti coloro che sono coinvolti nell’intervento di Billy.

“Questo fine settimana, nostro figlio Billy ha subito il suo terzo intervento a cuore aperto (di tre, speriamo)”, ha condiviso Kimmel. Instagram. “Abbiamo affrontato questa esperienza con molto ottimismo e altrettanta paura e ne siamo usciti con una nuova valvola all’interno di un bambino felice e sano.”

IL Jimmy Kimmel dal vivo! Il conduttore ha elogiato il team del Children’s Hospital di Los Angeles, dove è stato curato suo figlio Billy.

“Camminare per questo ospedale, incontrare i genitori più vulnerabili, i bambini che soffrono e gli operatori dei miracoli che fanno tutto il possibile per salvarli è un’esperienza umiliante”, ha scritto Kimmel. “Ci auguriamo che non abbiate mai bisogno del CHLA, ma se lo avete, sappiate che aiuta le famiglie indipendentemente dalla loro capacità di pagare, grazie in gran parte all’Affordable Care Act (un altro ringraziamento al defunto senatore John McCain) e alla generosa donazioni da… Come la Disney, sono orgoglioso di lavorare per questo, soprattutto da parte di persone generose come te.

Il comico ha anche ringraziato gli “amorosi sconosciuti che hanno avuto il tempo di pregare per il nostro bambino e di trasmettergli energia positiva”, e ha anche rivolto alcune parole alla sua famiglia.

Ha aggiunto: “Grazie a mia moglie Molly per essere più forte di quanto sia ragionevole per qualsiasi madre, e a Billy, sei il bambino di 7 anni più duro (e divertente) che conosciamo”. “Ci sono molti genitori e bambini che non hanno la fortuna di tornare a casa dopo cinque giorni”.

READ  Richard Dreyfuss fa commenti transfobici alla proiezione di "Jaws" e il locale si scusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto