Le macchie solari che ancora una volta hanno scatenato la storica aurora e tempesta solare

Macchie solari AR3664che è stato visto l’ultima volta lanciare potenti brillamenti solari nella nostra direzione che hanno generato aurore storiche e diffuse, si è rivolto ancora una volta alla superficie del Sole e ha già scatenato un brillamento di classe X all’inizio di lunedì.

Noè Centro di previsione meteorologica spaziale Ha registrato un bagliore al largo del lembo sudorientale del sole di magnitudo X2.8. I brillamenti X sono la classificazione più forte dei brillamenti, anche se all’inizio di questo mese ne abbiamo visti diversi più forti. Più alto è il numero, più intenso sarà il bagliore, che potrebbe causare interruzioni alla radio e ad altre comunicazioni sulla Terra.

Tuttavia, la forza del brillamento è solo uno dei tanti fattori che influenzano il modo in cui i disturbi solari influenzano i sistemi del nostro pianeta. Infatti, l’aurora boreale e i guasti al sistema elettrico sono strettamente legati alle espulsioni di massa coronale (CME), che sono esplosioni di particelle cariche che possono impiegare alcuni giorni per raggiungere la Terra. Le CME sono anche direzionali, quindi quando una macchia solare viene sparata direttamente sulla Terra, è probabile che produca impatti più forti.

La fonte della tempesta supersolare del 10 maggio che ha generato l’aurora vista in tutti i 50 stati per la prima volta dopo decenni è stata anche la macchia solare AR3664, quando è stata puntata direttamente verso la Terra all’inizio di maggio. Il Sole ruota sul proprio asse come la Terra e la macchia solare AR3664 ha trascorso le ultime settimane sul lato opposto del Sole rivolto lontano dal nostro pianeta, ma ora sta ruotando di nuovo dalla nostra prospettiva.

AR3664 sembra avere ancora del vapore rimasto dopo i suoi viaggi, e anche un’altra macchia solare, AR3691, sta crescendo e sviluppando il potenziale di X-flare mentre la sua linea di lancio si avvicina alla Terra.

Tutto ciò significa che potremmo essere pronti perché ciò che è stato visto il 10 maggio apparirà nella prossima settimana o due.

Non sono state ancora pubblicate previsioni ufficiali che includano una ripetizione della massiccia tempesta di questo mese, ma il sole è una cosa molto volubile. Impareremo molto su ciò che accadrà osservando attentamente questa settimana.

Se l’X-flare di lunedì è indicativo, è che c’è più entusiasmo in arrivo, soprattutto perché molti ritengono che questo ciclo solare sia a un anno o più di distanza dal picco di attività.

ForbesPresto potrebbe verificarsi una tempesta solare più intensa di quella avvenuta lo scorso fine settimana

READ  Un pianeta potrebbe avere una mente propria?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto