Estratto dal libro di memorie di Katie Ledecky Just Add Water: My Life in Swimming

La 10 volte medaglia olimpica Katie Ledecky ha scritto un libro di memorie da leggere in estate in vista delle Olimpiadi di Parigi del 2024. Ledecky è unica tra i suoi coetanei, una campionessa imponente che vince costantemente da quando aveva 15 anni alle Olimpiadi di Londra del 2012 scava più a fondo Conoscendo la personalità di Ledecky, questa è l’opportunità per te.

Acquista qui: Basta aggiungere acqua: la mia vita da nuotatore

Adattato da:

Basta aggiungere acqua: la mia vita da nuotatore

Copyright © 2024 di Katie Ledecky. Ristampato con il permesso di Simon & Schuster, Inc. tutti i diritti sono salvi.

introduzione

Sono in piscina.

Sono sempre in piscina. Ore al giorno, quasi tutti i giorni, fin da quando ero bambino seduto sullo scalino laterale, a fare bolle e scalciare i piedi. La piscina è il mio rifugio e lo è sempre stata. È il mio parco giochi, il mio hobby, la mia passione, il mio posto di lavoro e la mia ancora di salvezza.

Non molto tempo fa, un giornalista chiese a uno dei miei allenatori una stima del tipo di distanza che avrei percorso nei diversi anni della mia carriera. Pensava che avrei facilmente nuotato da Bethesda, nel Maryland, dove sono cresciuto, a Tokyo, dove ho gareggiato alle ultime Olimpiadi. Era folle immaginare che tutti i sentieri che avevo percorso a nuoto, messi insieme, potessero condurmi attraverso il mare.

Quando rivedo le statistiche pubblicate sul mio nuoto, mi si aprono gli occhi su da quanto tempo pratico questo sport. Prendiamo ad esempio gli 800 gratuiti. Ora ho ventinove dei trenta migliori successi della storia. Ci sono tanti atleti che non credo abbiano nuotato nemmeno ventinove 800 stile libero in vita loro. Probabilmente ho nuotato più di 800 e 1500 stili liberi in assoluto.

Vedere quei numeri e capire quanta strada ha fatto il mio corpo mi fa apprezzare la longevità della mia carriera. Quando guardo il numero di occasioni in cui ho nuotato in un dato evento, anno dopo anno, mi ritrovo con la stessa conclusione: Wow, ci sono un sacco di gare di nuoto. In media, nel corso della mia carriera di nuotatore, stimo di nuotare nove volte all’anno. Sono passati vent’anni ormai. Sono 180 riunioni. Ciò significa un incontro di più giorni 180 in cui svegliarmi con l’eccitazione unica che mi riempie il giorno della gara, facendo innumerevoli giri e riscaldamenti e aspettando il mio turno durante le qualifiche per tuffarmi nella mia gara. In qualche modo, mi sembra ancora ieri che ho immerso i piedi nella piscina per la prima volta.

Sono molte cose: figlia, sorella, laureata a Stanford, olimpionica, ma l’architettura che supporta e sostiene tutti questi ruoli è la mia identità di nuotatrice. Ecco perché, se vuoi trovarmi, devi prima guardare la piscina.

Oggi la piscina fa male. Beh, mi fa male. Mi sento le braccia e le gambe come se fossero piene di cemento. Sto intensificando i miei allenamenti per cercare di qualificarmi per le Olimpiadi di Parigi, che saranno la mia quarta Olimpiade.

La mia storia è unica perché non ho iniziato presto con l’obiettivo di diventare un atleta professionista. Faccio gare di nuoto da quando avevo sei anni – ormai più di vent’anni – ma ho iniziato come nuotatore davvero intermedio. La mia ambizione iniziale come concorrente era semplicemente quella di attraversare la piscina senza fermarmi. Durante la mia prima nuotata – 25 minuti – mi sono letteralmente fermato sulla linea della pista una decina di volte. È diventata una gara tra me e la ragazza accanto a me per vedere chi si fermava meno. Continuavamo a fermarci per toglierci il cloro dalla faccia e assicurarci di non finire in un’altra corsia. È stato divertente.

READ  Lomachenko tira fuori "No Mas-Chenko"; Qual è il futuro di Kambosos?

Ho sentito molti compagni nuotatori dire che quando erano bambini, sapevano sempre di voler andare ai Giochi, ma non è stata questa la mia esperienza. All’epoca guardavo gli olimpionici e pensavo che dovevi essere un supereroe per arrivare a quel livello. Non riuscivo a collegare quello che stavo facendo in piscina con quello che li vedevo fare in TV. Sembrano così veloci, così concentrati, così ultraterreni.

Eppure eccomi qui ad entrare in quello che noi nuotatori chiamiamo il nostro “anno olimpico”, una stagione che porta con sé un’ondata di promesse. L’anno olimpico inizia il 1° settembre, quando si riparte dopo la pausa estiva. Il nuoto universitario continua durante il semestre autunnale, poi le gare di campionato iniziano a febbraio e marzo. Sono tutte iarde a corto raggio. A quel tempo, le persone si allenavano ancora per le prove olimpiche e, come nuotatore professionista, non gareggiavo più nelle gare a squadre. Durante l’autunno e l’inverno, gli allenamenti e le gare possono includere metri di corsa breve, metri di corsa breve e metri di corsa lunga. Da marzo fino alla fine dell’estate è limitata a gare lunghe. Una volta terminata l’ultima competizione estiva dell’anno preolimpico (per me si trattava dei Campionati del mondo alla fine di luglio 2023), allora diventa come:Oh, è ora. L’anno olimpico è iniziato.

Mentre giro la pagina del calendario per l’inizio dell’anno olimpico, sento l’eccitazione. Il senso di urgenza cala. L’orologio inizia a ticchettare più forte. Ogni nuotata conta.

Lo sto sperimentando mentre scrivo questo, in realtà. Sto facendo un po’ di più di quanto farei normalmente in piscina e sto intensificando ogni aspetto del mio allenamento in modo da poter ridurre di secondi i miei tempi precedenti. So che devo essere più in forma di quanto ero l’anno scorso e più veloce di quanto ero agli ultimi Giochi. Voglio andare avanti con me stesso.

Forse l’ho sempre desiderato.

Sto immaginando la mia prima mietitrebbia della Summer League. Temperatura, odore di cloro e come si mescola con l’aria. Affilato e rivestito. IO Amore Quell’odore. Quando avevo tre anni, mia madre portava me e mio fratello in una piscina vicino a casa nostra. Mio fratello sapeva davvero nuotare, e ricordo di aver fatto il bob, dove afferri il bordo e ti immergi su e giù nell’acqua. Mia madre è stata quella che mi ha insegnato a galleggiare sulla schiena e a trattenere il respiro.

Gli esseri umani non sono nuotatori naturali. A differenza della maggior parte degli animali, dobbiamo imparare. Non entriamo nelle nostre vite pronti a nuotare. Piuttosto il contrario. Molti di noi hanno una paura naturale dell’acqua, il che è un avvertimento logico, date le conseguenze di non sapere come sopravvivere.

Non ho mai avuto questa paura.

Non è che non ho paura. Adoro i cani, ma alcuni animali mi spaventano. Ho paura che le persone che amo muoiano. Trovo i film horror sgradevoli. Ma la piscina non mi ha mai spaventato. Puoi guardare video di bambini che sollevano i piedi mentre si tuffano nell’acqua bagnata o di bambini che urlano durante le lezioni di nuoto. Ma non vedevo l’ora di immergermi nell’acqua. È stato amore a prima immersione.

READ  Goran Dragic firma con i Nets: il portiere veterano cercherà il titolo a Brooklyn dopo l'acquisizione dal Tottenham, afferma il rapporto

Ricordo che giocavo a squali e pesciolini, Marco Polo, la sensazione di tuffarmi in una piscina prima di imparare qualsiasi colpo. Mi sono sentito più a mio agio in acqua che sulla terraferma. Mi sentivo libero.

Il nuoto mi ha colpito in modo diverso rispetto ad altri sport. È stata offerta resistenza. Questo passaggio fondamentale dal movimento nell’aria al movimento nell’acqua è stato al centro del mio rapporto con la piscina. Questo ed i paradossi inerenti all’acqua fornita. L’acqua mi faceva sentire senza peso anche se mi costringeva a sollevare più peso mentre nuotavo. In piscina ero libero e potevo girare, girare e ruotare il mio corpo in ogni direzione. Sono stato anche circondato da un recinto di cemento. Rappresentava la creatività entro certi limiti. Quando non ero in piscina, desideravo galleggiare. Mi è mancata la resistenza. Volevo, più di ogni altra cosa, mettere alla prova i miei limiti in acqua. Così ho fatto. A partire dall’età di sei anni. E da allora non si è più fermata.

Ho nuotato la mia prima gara il 25 giugno 2003. Mi è stato assegnato il terzo corso. Come ho detto, non ero un miracolo che si tuffasse nell’acqua e riuscisse a zoomare fino in fondo. Eccomi lì, dondolando con gli occhiali, asciugandomi il naso mentre mi fermavo sulla corda del sentiero, cosa che spesso (fermandomi e asciugandomi il naso). Durante una di queste soste, i miei occhi sono caduti su altri bagnanti che mi passavano accanto. Qualcosa è scattato. Ho lasciato andare la corda e ho nuotato, avanzando, con le braccia che giravano come mulini a vento finché non ho colpito il muro. È riuscita a piazzarsi seconda nello stile libero da otto e meno di 25 yard.

Mio padre ha filmato la gara con la sua videocamera e quando ho finito mi ha intervistato dal bordo della piscina.

“Raccontami la tua prima gara, come l’hai trovata?” Chiesto.

“Grande!” Ho risposto, con il cuore che mi batteva come un tamburo nel petto. Mi ha chiesto a cosa stavo pensando in piscina.

“Niente!” Ho detto.

Poi ha detto: “Sto solo cercando di finire, giusto?”

“Sto solo provando”, risposi, sorridendo tutto il tempo.

Sorrido sempre quando penso a questo video. Non perché fosse la mia prima gara ma per il modo in cui ho risposto a mio padre. Le mie osservazioni da bambino di sei anni, emozionato ed esausto, sono diventate il modello per il mio intero viaggio di nuoto. Grande. difficile. Sto solo cercando di finire.

Nei vent’anni trascorsi da quel giorno, il nuoto non ha mai smesso di essere uno sport difficile. unico. Mette alla prova sia il mio corpo che la mia psiche. Mi sfida mentre immagino una maratona, una maratona con il peso aggiuntivo della forza dell’acqua che mi ricorda ad ogni colpo quello contro cui sto lottando. Ma secondo me, difficile In un certo senso rende il nuoto fantastico. Fare del proprio meglio è radicato nel mio DNA da generazioni. Il punto è sforzarsi. Questo è ciò che rende significativa una cosa semplice come il nuoto.

READ  Il commissario Rob Manfred si unisce ai colloqui mentre i Closed Players della MLB si incontrano per il quinto giorno consecutivo

Mi rendo conto che da bambino non ne capivo l’importanza. Ma una parte della mia mente o del mio corpo capiva che la felicità sarebbe derivata dall’essere in un luogo in cui la mente poteva calmarsi e il corpo poteva impegnarsi di più. Il nuoto è una professione straordinaria perché dipende dalla volontà del nuotatore, in questo caso io. Sono l’unico che era lì in piscina con me in ogni fase del percorso. Ho avuto la fortuna di essere guidato da una serie di allenatori saggi e devoti che erano disposti a risollevarmi senza fare del nuoto la mia unica ragione d’essere. La mia famiglia ha fatto la stessa cosa. Non sono stato spinto da nessuno ad esibirmi tranne che da me stesso. Tra i tanti colpi di scena del destino che portano alla grandezza, questo sistema di supporto è stato quello di cui sono più grato. Questo è ciò a cui merito di avermi mantenuto sano e stabile in tutti questi anni.

Il mio obiettivo era migliorarmi attraverso il nuoto. Per scoprire chi sono e da cosa sono stato creato. La piscina ha fornito lo strumento perfetto per quel viaggio. Medaglie olimpiche, record mondiali, sono risultati straordinari. Ma sono ancora più grato per come il nuoto mi ha formato. Il modo in cui l’impegno mi ha reso la versione migliore di me stesso.

Una cosa che ho imparato, e forse la cosa più importante, è che sei quello che sei in questo momento solo grazie a tutti i momenti che lo hanno preceduto. Il passato è il prologo nel nuoto. Lo stesso vale per la vita. Il nuoto mi ha trasformato in qualcuno che altrimenti non sarei stato. Molto tempo dopo che un altro nuotatore avrà battuto i miei record, avrò ancora il vantaggio di crescere dentro e accanto alla piscina. Spero che la mia determinazione possa resistere a qualsiasi lampo di fama sportiva. Sarebbe il regalo di una vita.

Durante tutto il tempo in cui nuotavo, le persone mi chiedevano come sono arrivato dove sono adesso. Speculano sulla mia fisiologia, analizzano la geometria del mio corpo e esaminano attentamente i miei allenamenti. Per molte persone nella comunità sportiva, sono un enigma da risolvere. Un codice che, se violato, consentirebbe loro di replicare i miei risultati. Quando ero giovane, lo chiesero ai miei genitori. Poi i miei allenatori. Ora le menti curiose arrivano alla fonte.

Questo libro è la mia risposta. Il mio tentativo di mettere tutte le componenti della mia vita nel nuoto.

Non puoi diventare un atleta di successo senza l’aiuto di molti altri. Mentre ora rifletto sulla mia infanzia, adolescenza e sui vent’anni, posso iniziare a capire e comprendere come e perché sono diventato la persona che sono oggi. Persone che hanno influenzato la mia personalità. Luoghi che mi hanno accolto. Le esperienze di vita che mi hanno trasformato nel nuotatore appassionato che sono oggi hanno aperto i miei occhi e il mio cuore a tutte le possibilità finché non è rimasto altro che aggiungere acqua.

Fine dell’estratto

Partecipa per vincere concorsi speciali Nuoto Nuoto Notizie Instagram. Tre vincitori riceveranno una copia del libro con una targa firmata da Katie!

Copyright © 2024 di Katie Ledecky. Ristampato con il permesso di Simon & Schuster, Inc. tutti i diritti sono salvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto