Gli Stati Uniti riprendono le consegne di aiuti navali a Gaza dopo aver riparato il molo

Comando centrale/AP degli Stati Uniti

In questa foto fornita dal Comando Centrale degli Stati Uniti, gli aiuti umanitari arrivano a Gaza l’8 giugno 2024.



CNN

Oggi, sabato, sono riprese le consegne di aiuti navali a Gaza dopo la chiusura di un porto temporaneo istituito dagli Stati Uniti È stato risolto un giorno faLo ha annunciato il Comando Centrale degli Stati Uniti.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha dichiarato in un comunicato che quasi 500 tonnellate, ovvero più di 1 milione di sterline, di aiuti sono stati consegnati sabato mattina, ora locale. Condividi su XÈ la prima consegna da quando il molo si è disintegrato il mese scorso.

La consegna è avvenuta lo stesso giorno in cui l’esercito israeliano ha salvato quattro ostaggi in un’operazione dichiarata dalle autorità di Gaza 236 persone furono uccise Più di 400 altri sono rimasti feriti.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha chiarito sabato che il molo “compreso il suo equipaggiamento, personale e mezzi” non è stato utilizzato nell’operazione.

“Il molo temporaneo sulla costa di Gaza è stato istituito per un solo scopo: aiutare a trasportare a Gaza ulteriori aiuti salvavita tanto necessari”, ha affermato in una nota il comando centrale degli Stati Uniti. Post separato su X.

Un funzionario americano ha detto sabato alla CNN che il molo, chiamato Joint Logistics Over the Shore, o JLOTS, non è stato utilizzato nell’operazione. “Comprendiamo che l’IDF non ha utilizzato un veicolo con contrassegni umanitari, o alcuna piattaforma umanitaria, inclusa la struttura JLOTS, per condurre operazioni di salvataggio di ostaggi”, ha detto il funzionario.

READ  Nuovi dettagli sul piano "falsa bandiera" della Russia spingono gli Stati Uniti a prepararsi al peggio in Ucraina

Il molo, utilizzato oltre a far cadere gli aiuti dagli aerei e a trasportarli tramite camion attraverso i posti di frontiera, è stato danneggiato ed è crollato a causa delle forti onde alla fine del mese scorso. In meno di due settimane di attività, il molo ha contribuito a consegnare circa 1.000 tonnellate di aiuti a Gaza.

Ha affrontato gli Stati Uniti Una serie di sfide Con il molo, inclusa la pianificazione delle operazioni israeliane a Rafah, la determinazione di chi trasporterà gli aiuti dal molo a Gaza e questioni logistiche come le condizioni del mare e del tempo.

Otto mesi dopo l’inizio della guerra tra Israele e Hamas, i gruppi per i diritti umani hanno descritto:indescrivibileCondizioni di vita a Gaza. Agenzia alimentare delle Nazioni Unite Avvisato a maggio Che i palestinesi del nord soffrono di una “massiccia carestia” che si estende al sud, e che più di un milione di persone, ovvero metà della popolazione di Gaza, vivono in una “carestia”.Si prevede che affronterà la morte e la fame“A metà luglio, un rapporto delle Nazioni Unite ha messo in guardia questa settimana.

Mentre i funzionari israeliani insistevano sul fatto che non vi era alcun limite alla quantità di aiuti che potevano entrare a Gaza, le Nazioni Unite accusavano le autorità di imporre “Restrizioni illegaliriguardanti le operazioni di soccorso, comprese le rotte terrestri chiuse, le interruzioni delle comunicazioni e gli attacchi aerei.

Gli Stati Uniti hanno condotto una serie di lanci umanitari a Gaza in collaborazione con la Royal Jordanian Air Force, anche se sono stati sospesi nelle ultime settimane a causa di operazioni militari nel nord di Gaza, ha detto venerdì il vice ammiraglio Brad Cooper. Ha aggiunto che le operazioni di lancio dovrebbero riprendere “nei prossimi giorni”.

READ  Una donna dello Utah descrive "l'orrore" nel vedere il suo figliastro detenuto e picchiato dopo un tentativo di colpo di stato nella RDC

Jennifer Hansler, Philip Wang, Natasha Bertrand, Hailey Britsky, Rachel Wilson e Sana Noor Haq della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto