Giugno 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

I paesi vogliono boicottare la vodka russa. Ecco perché non ha funzionato

I paesi vogliono boicottare la vodka russa.  Ecco perché non ha funzionato
Finora, i funzionari dell’Ohio, dello Utah e del New Hampshire hanno chiesto ai negozi di liquori di rimuovere dagli scaffali i prodotti di fabbricazione russa o con il marchio russo, una mossa principalmente rivolta alla vodka perché È strettamente legato al paese.
Il governatore dello Utah Spencer Cox richiedere Sabato, i negozi di liquori statali “hanno rimosso tutti i prodotti a marchio russo prodotti dalla Russia”, affermando che l’invasione russa dell’Ucraina è stata una “flagrante violazione dei diritti umani”.

Il governatore del New Hampshire Chris Sununu ha emesso un proclama simile, chiedendo anche la rimozione degli “alcoolici di fabbricazione russa a marchio russo”.

Queste mosse sono in gran parte simboliche – e potrebbero anche mancare lo scopo previsto – poiché pochissimi marchi importati negli Stati Uniti producono ancora vini in Russia.

Molti dei marchi di vodka più venduti con origini in Russia sono ora distillati in più paesi, inclusi gli Stati Uniti.

Ad esempio, alcuni proprietari di bar stanno protestando contro l’invasione Sbarazzati di Stoli Vodka. Il problema è che è solo di nome russo, che è liberamente tradotto come “capitale” a causa delle sue origini a Mosca. La vodka è in realtà prodotta in Lettonia e la società ha sede in Lussemburgo, un membro della NATO che si è espresso contro l’invasione russa.
Russian Standard è uno dei pochi marchi di vodka che è effettivamente russo.

In una dichiarazione alla CNN Business, il gruppo Stoli ha affermato che “condanna inequivocabilmente l’azione militare in Ucraina ed è pronto a sostenere il popolo ucraino, le nostre squadre e i nostri partner”.

“Per decenni, il gruppo Stoli ha sostenuto gli emarginati e a rischio di aggressione indebita. Ora siamo con tutti gli ucraini e i russi che chiedono la pace”, ha affermato un portavoce dell’azienda.

Smirnov è un’altra marca è confuso per essere russo. Sebbene faccia risalire la sua eredità alla Russia del 19° secolo, l’azienda è stata a lungo di proprietà del gigante britannico degli alcolici. Diageo (DEO) È prodotto in Illinois.

Il governatore dell’Ohio Mike DeWine è stato più preso di mira con il suo annuncio. Sabato, ha detto ai quasi 500 negozi di liquori dello stato “di smettere di comprare e vendere tutta la vodka prodotta da Russian Standard, l’unica distilleria d’oltremare di proprietà russa venduta in Ohio”.

Russian Standard, insieme alla meno nota vodka Green Mark, è una delle poche marche di alcol importate dalla Russia e vendute negli Stati Uniti. La società madre, Roust International, è di proprietà di Rustom Tariq, l’oligarca russo che possiede anche la Russian Standard Bank. La società di alcolici non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento della CNN Business.

Questi boicottaggi sono in gran parte simbolici perché la vodka di fabbricazione russa rappresenta una percentuale molto piccola delle vendite annuali di vodka di circa $ 7 miliardi, secondo il Distilled Liquor Council (DISCUS), l’organizzazione commerciale nazionale che rappresenta i produttori di alcolici.

READ  Le immagini satellitari mostrano la Russia che costruisce difese per proteggere i siti militari a nord-ovest di Kiev

Meno dell’1% della vodka consumata negli Stati Uniti viene prodotta in Russia. In effetti, più della metà della vodka consumata localmente viene prodotta qui, secondo i dati di IWSR Drinks Market Analysis, un’azienda globale che tiene traccia delle vendite di alcolici.

DISCUS ha affermato che la vodka importata dalla Russia è in declino da diversi anni, in calo del 79% dal 2011.