Dicembre 8, 2021

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Il GOP del Senato sta bloccando il diritto di voto di legge per la terza volta quest’anno

WASHINGTON – I repubblicani hanno bloccato la legislazione per migliorare il diritto di voto per la terza volta quest’anno mercoledì, lasciando ai democratici poche opzioni per spostare il disegno di legge al di fuori del cambiamento del regime del Senato filippino e dell’approvazione dell’opposizione del GOP.

Tutti i 50 democratici e indipendenti hanno votato a favore dell’adozione del Freedom of Voting Act, ma 50 repubblicani hanno votato per porre fine alla proposta, affermando che sarebbe necessario contrastare gli sforzi negli stati controllati dai repubblicani per imporre nuove restrizioni al voto . Dopo le elezioni del 2020.

“Queste leggi renderanno difficile per milioni di americani partecipare al loro governo”, ha affermato il senatore Chuck Schumer, un democratico di New York e leader della maggioranza. “Se c’è qualcosa che merita l’attenzione del Senato, se c’è una questione che merita di essere discussa su questo sito, è che protegge la nostra democrazia dalle forze che stanno cercando di sbrogliarla dall’interno”.

Die, che aveva almeno 10 voti in meno dei Democratici, aveva bisogno di occuparsi di un Philipster, e c’erano poche prove che qualsiasi repubblicano potesse essere coinvolto. (Il signor Schumer ha cambiato il suo voto in “no” all’ultimo minuto, consentendo alle regole del Senato di riconsiderare il disegno di legge in futuro e di mantenere il conteggio ufficiale da 49 a 51.)

Il senatore Mitch McConnell, leader repubblicano e di minoranza in Kentucky, ha attaccato mercoledì la proposta avanzata dai democratici, una versione di compromesso di un voto più ampio che i repubblicani hanno bloccato due volte in precedenza.

“Esiste ancora lo stesso centro marcio”, ha detto Mr. McConnell ha detto della nuova legge. “Finché i Democratici del Senato saranno impegnati nella loro agenda radicale, questa organizzazione continuerà a fare il lavoro messo da parte dai Framers e manterrà le idee terribili sulle loro tracce”.

READ  La frustrazione e la resistenza nel villaggio dovrebbero essere lasciate in mare

Il disegno di legge fisserebbe gli standard federali per il voto anticipato e per corrispondenza e renderebbe il giorno delle elezioni una festa nazionale. Gli elettori devono fornire una qualche forma di identificazione prima di votare, a cui molti democratici si sono opposti in precedenza, anche se sarà molto meno probabile rispetto a misure simili imposte dai repubblicani.

Il compromesso è stato fatto per ottenere il sostegno del senatore della Virginia Occidentale Joe Munch III, l’unico democratico ad opporsi a un disegno di legge completo sul suffragio. Approvato dall’Assemblea in agosto. Il signor Manzin ha cercato di riconquistare il sostegno degli immigrati diverse settimane dopo, ma non è riuscito, sperando che i democratici indebolissero Philippester per spingere i criteri che aveva aiutato a scrivere.

Alla luce del voto, i maggiori Democratici si sono riorganizzati e il sig. Mancin e altri senatori hanno detto che proveranno di nuovo a persuadere i Democratici.

“Torneremo di nuovo con i nostri colleghi per supplicarli di apportare le modifiche necessarie per approvare questo disegno di legge”, ha affermato Chris Van Hollen, senatore democratico del Maryland.