Il regista americano Brent Renat ucciso dalle forze russe in Ucraina | Ucraina

Brent Renat, un pluripremiato regista americano apparso sul New York Times e altri organi di stampa, è stato ucciso dalle forze russe nella città di Irfin a Flash Point, appena fuori Kiev. Il fotografo americano Juan Arredonto è rimasto ferito.

Renat, 51 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da uomini armati russi mentre era in servizio domenica, secondo la polizia locale e diverse fonti ucraine.

Jane Ferguson, una giornalista del vicino PBS Newshow, ha twittato quando Renat è stato ucciso: Non c’era nulla che i medici ucraini potessero fare per aiutarlo a quel punto. Agente di polizia ucraino indignato: ‘Dì all’America, racconta al mondo cosa hanno fatto a un giornalista.

Clifford Levy, vicedirettore capo del New York Times, ha pubblicato una dichiarazione su Twitter affermando che, contrariamente a quanto riportato in precedenza, Renaud non stava lavorando per il giornale.

“[The New York Times] Sono stato profondamente rattristato nell’apprendere della morte di un giornalista americano Ucraina, Brent Renat. Brent è un fotografo e regista di talento, ma non è mai venuto a lavorare per il New York Times in Ucraina. Circolavano i primi rapporti secondo cui aveva lavorato per il Times perché indossava il distintivo del Times Press che gli era stato assegnato per un lavoro molti anni prima.

READ  L'Asia è in ritardo rispetto agli Stati Uniti, rally del mercato azionario in euro tramite Reuters

Levy ha aggiunto: “La morte di Brent è una perdita terribile. Giornalisti coraggiosi come Brent corrono grandi rischi per esporre e testimoniare al mondo la devastazione e la sofferenza causate dall’occupazione russa dell’Ucraina.

Il capo della polizia regionale di Kiev, Andrei Nebitov, ha dichiarato in una dichiarazione: “Gli occupanti stanno brutalmente uccidendo anche i giornalisti dei media internazionali che cercano di esporre la verità sulle atrocità delle truppe russe in Ucraina”.

Aradonto, 45 anni, vincitore del World Press Photo e professore associato alla Columbia University, ha detto che lui e la Renault sono andati a filmare i rifugiati in fuga da Irbine e sono stati uccisi dalle truppe vicino a un checkpoint. Ha filmato descrivendo cosa è successo mentre era in cura in ospedale, suggerendo che fossero fuggiti in un’imboscata.

“Abbiamo superato il checkpoint e hanno iniziato a sparare” dice il giornalista ferito a Irbine – Video

“Abbiamo attraversato il primo ponte a Irfin. Filmeremo tutti i profughi che se ne vanno. Siamo saliti in macchina… Qualcuno si è offerto di portarci su un altro ponte, abbiamo superato un checkpoint e hanno iniziato a spararci addosso”, ha detto Arrotondo. “Quindi l’autista è tornato indietro e hanno continuato a sparare… eravamo in due. Il mio amico Brent Renat, gli hanno sparato e se n’è andato.

Quando l’intervistatore ha chiesto come stava Renat, Arodonto ha risposto: “Non lo so. Ho visto che gli hanno sparato al collo. E ci siamo lasciati”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jack Sullivan ha dichiarato alla CNN: “Se un giornalista americano viene ucciso, è un evento scioccante e terrificante.

“Ecco perché stiamo lavorando molto duramente per imporgli gravi conseguenze e stiamo cercando di assistere gli ucraini in tutta la possibile assistenza militare contro l’assalto di queste forze russe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto