La guerra tra Israele e Hamas: il crollo del marciapiede costruito dagli Stati Uniti a Gaza. cosa è successo dopo?

WASHINGTON (AP) – Una serie di problemi di sicurezza, logistici e meteorologici hanno ostacolato un piano per fornire aiuti umanitari disperatamente necessari a Gaza attraverso Gaza. Molo costruito dall’esercito americano.

Interrotto da forti venti e onde pesanti a poco più di una settimana dall’inizio delle attività, il progetto si trova ad affrontare critiche per non essere all’altezza della fatturazione o degli impegni iniziali. $ 320 milioni Prezzo della carta.

Ma i funzionari statunitensi affermano che il ponte d’acciaio è collegato alla spiaggia di Gaza e al molo galleggiante È risolto Verrà riassemblato in un porto nel sud di Israele, quindi reinstallato e messo nuovamente in servizio la prossima settimana.

Mentre le prime stime del Pentagono indicavano che il molo avrebbe potuto trasportare fino a 150 camion carichi di aiuti al giorno quando fosse pienamente operativo, Questo non è ancora successo. Le cattive condizioni meteorologiche hanno invece ostacolato i progressi nel portare gli aiuti a Gaza dal molo Un attacco israeliano alla città di Rafah, nel sud del Paese Ciò ha reso difficile, se non impossibile, a volte, fornire aiuti alla regione attraverso le rotte terrestri.

Le reazioni dei gruppi umanitari sono state contrastanti, poiché hanno accolto con favore qualsiasi importo di aiuto ai palestinesi affamati intrappolati dalla guerra in corso tra Israele e Hamas per quasi otto mesi, e hanno denunciato il molo come una distrazione che allenta la pressione su Israele affinché apra più valichi di frontiera. che sono ancora… Lontani dalla vista. Più produttivo.

È uno “spettacolo secondario”, ha detto Bob Kitchen, un alto funzionario dell’International Rescue Committee.

L’amministrazione Biden ha affermato fin dall’inizio che il Dock non è mai stato concepito come una soluzione completa e che qualsiasi tipo di assistenza aiuta.

“Nessuno inizialmente aveva detto che questa sarebbe stata la soluzione miracolosa a tutti i problemi di assistenza umanitaria che ancora esistono a Gaza”, ha detto mercoledì il portavoce della Sicurezza nazionale John Kirby. “Penso che a volte ci sia l’aspettativa da parte delle forze armate statunitensi – perché sono così brave – che tutto ciò che toccano si trasformi in oro in un istante.”

READ  Biden esorta i leader di Egitto e Qatar a fare pressione su Hamas per un accordo sugli ostaggi con Israele

“Sapevamo che andare lì sarebbe stato difficile”, ha aggiunto. “Ed è dimostrato che è roba difficile.”

Prima della guerra, Gaza riceveva in media circa 500 camion carichi di aiuti al giorno. L’USAID afferma di aver bisogno di un flusso costante di 600 camion al giorno per alleviare la lotta per il cibo e riportare indietro le persone dalla Siria. Sull’orlo della fame.

Queste foto rilasciate da Maxar Technologies mostrano il molo appena completato nella Striscia di Gaza il 18 maggio 2024 e la parte superiore e rimanente del molo temporaneo il 29 maggio 2024. Una serie di problemi di sicurezza, logistici e meteorologici hanno ostacolato il piano per consegnare gli aiuti umanitari tanto necessari a Gaza attraverso un molo creato dall’esercito americano. Dopo poco più di una settimana dall’inizio delle attività, i critici si sono lamentati del fatto che il progetto non è stato all’altezza della sua fatturazione iniziale o del suo prezzo di 320 milioni di dollari. (Immagini satellitari © 2024 Maxar Technologies tramite AP)

Gli aiuti arrivati ​​attraverso il molo sono stati sufficienti a sfamare migliaia di persone per un mese, ma i dati delle Nazioni Unite mostrano che hanno a malapena intaccato i bisogni complessivi della popolazione di Gaza di 2,3 milioni di abitanti.

Ecco uno sguardo alla cronologia del dock, ai problemi che deve affrontare e cosa potrebbe accadere dopo:

Marzo: Pubblicità e preparazione

7 marzo: Lo ha annunciato il presidente Joe Biden Il suo piano per l’esercito americano di costruire un molo durante il suo discorso sullo stato dell’Unione.

“Stasera ho incaricato l’esercito americano di guidare una missione di emergenza per stabilire un molo temporaneo nel Mar Mediterraneo, sulla costa di Gaza, che possa ricevere grandi spedizioni di cibo, acqua, medicine e rifugi temporanei”, ha detto.

Ma anche in quei primi momenti, ha osservato che il molo avrebbe aumentato la quantità di aiuti umanitari che raggiungevano Gaza, ma Israele deve “fare la sua parte” e consentire l’arrivo di più aiuti.

READ  Hamas trasmette un video di propaganda di due ostaggi, uno dei quali è un cittadino americano rapito

8 marzo: il Magg. Gen. Pat Rader, portavoce del Pentagono, ha detto ai giornalisti che ci vorranno “fino a 60 giorni” per dispiegare le forze e realizzare il progetto.

12 marzo: quattro imbarcazioni dell’esercito americano che trasportavano tonnellate di attrezzature e parti di moli in acciaio sono partite dalla base congiunta Langley-Eustis in Virginia e si sono dirette nell’Oceano Atlantico per un viaggio previsto di un mese verso Gaza.

Il comandante della brigata, il colonnello dell’esercito Sam Miller, avverte che il processo di trasporto e costruzione dipenderà fortemente dalle condizioni meteorologiche e dalle eventuali onde alte incontrate.

Fine marzo: le navi militari statunitensi sono state esposte al mare aperto e alle intemperie durante la traversata dell’Atlantico, rallentando il loro ritmo.

Aprile: Costruire e sperare

1 aprile: sette Aiuta i lavoratori nella cucina centrale globale Sono stati uccisi in un attacco aereo israeliano mentre viaggiavano su veicoli chiaramente segnalati in una missione di consegna autorizzata da Israele.

Lo sciopero alimenta le continue preoccupazioni sulla sicurezza degli operatori umanitari e spinge le agenzie umanitarie a sospendere la consegna di aiuti umanitari a Gaza.

19 aprile: funzionari statunitensi hanno confermato che il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha accettato di contribuire a fornire aiuti a Gaza attraverso la rotta marittima una volta completati i lavori di costruzione.

25 aprile: iniziano i grandi lavori di costruzione della struttura portuale situata sulla spiaggia vicino a Gaza City. Il sito è il luogo in cui gli aiuti verranno consegnati dal ponte e forniti alle agenzie di soccorso.

30 aprile: le immagini satellitari mostravano la nave della marina americana USNS Roy P. Benavidez e le navi dell’esercito che lavoravano per assemblare il molo e il ponte a circa 11 chilometri (6,8 miglia) dalla costa.

Maggio: Il molo apre… poi chiude

9 maggio: la USS Sagamore è la prima nave che trasporta aiuti a lasciare Cipro e dirigersi verso Gaza e infine al molo. A Cipro è stata costruita una stazione avanzata di sicurezza e ispezione per esaminare gli aiuti provenienti da numerosi paesi.

16 maggio: superato il tempo obiettivo di 60 giorni Costruzione e montaggio del marciapiede Al largo della costa di Gaza, il ponte che collega alla spiaggia è stato completato dopo più di una settimana a causa delle condizioni meteorologiche e di altri ritardi.

READ  Sunak nel Regno Unito punta sul Servizio Nazionale: cos'è e in quali paesi lo hanno? | Novità degli interpreti

17 maggio: I primi camion che trasportano aiuti Per la Striscia di Gaza, il carico viene trasportato attraverso il molo di nuova costruzione fino all’area sicura sulla spiaggia, dove verrà scaricato e il carico distribuito alle agenzie di soccorso per la consegna via camion a Gaza.

18 maggio: folle di palestinesi disperati hanno invaso un convoglio di camion umanitari in arrivo dal molo, portando via il carico di 11 dei 16 veicoli prima che raggiungessero un magazzino delle Nazioni Unite per la distribuzione.

19-20 maggio: Il primo cibo sul marciapiede Secondo il Programma alimentare mondiale, un numero limitato di biscotti altamente nutrienti raggiunge le persone bisognose nel centro di Gaza.

Le organizzazioni umanitarie stanno sospendendo le consegne a domicilio per due giorni mentre gli Stati Uniti collaborano con Israele per aprire vie terrestri alternative dal molo e migliorare la sicurezza.

24 maggio: finora, poco più di 1.000 tonnellate di aiuti sono stati consegnati a Gaza tramite il molo costruito dagli Stati Uniti, e l’USAID in seguito afferma che tutti questi aiuti sono stati distribuiti all’interno di Gaza.

25 maggio: forti venti e forti onde hanno danneggiato il molo e hanno causato il trascinamento a riva di quattro navi dell’esercito americano che operavano lì, ferendo tre membri del servizio, di cui uno in condizioni critiche.

Due navi si sono arenate a Gaza vicino alla base del molo e due navi si sono arenate vicino ad Ashkelon in Israele.

28 maggio: la portavoce del Pentagono Sabrina Singh ha detto che gran parte del ponte è stata rimossa dalla spiaggia e portata in un porto israeliano per la riparazione. La base del ponte rimane sulla sponda di Gaza.

Si dice inoltre che gli aiuti vengono caricati a Cipro sulle navi e che saranno pronti per essere scaricati al molo una volta rimessi a posto.

29 maggio: due navi dell’esercito incagliate a causa del maltempo sono ora tornate in mare e le altre due navi sono state liberate vicino al molo con l’aiuto della Marina israeliana.

Cosa poi?

Nei prossimi giorni le parti del ponte verranno rimontate ed entro la metà della prossima settimana sarà trasportato di nuovo a Gaza Beach, dove il ponte sarà nuovamente collegato alla spiaggia, dice il Pentagono.

“Quando saremo in grado di reinstallare nuovamente il molo, potrete vedere gli aiuti fluire più o meno continuamente”, ha detto Singh martedì. “Continueremo a gestire questo molo temporaneo il più a lungo possibile.”

___

Ha contribuito la scrittrice di AP Ellen Knickmeier a Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto