La Svizzera vince l’Eurovision dopo un concorso musicale politicamente carico, messo in ombra dalla controversia israeliana



CNN

Lo svizzero Nemo ha vinto un’elezione caotica e politicamente carica gara musicale Eurovisionvincitore di una competizione svoltasi in Svezia e oscurata da polemiche e fischi sulla presenza israeliana.

L’evento solitamente divertente – uno dei più seguiti nel calendario culturale globale – è caduto in subbuglio negli ultimi giorni, poiché gli organizzatori hanno cercato, senza riuscirci, di contenere la rabbia diretta alla delegazione israeliana.

Ma Nemo, uno dei preferiti durante tutto il processo, ha conquistato il pubblico con una straordinaria performance di “The Code”, un inno che rivoluziona il genere sul loro viaggio verso l’accettazione della loro identità non binaria.

“Spero che questa competizione mantenga le sue promesse e continui a difendere la pace e la dignità per ogni persona”, ha detto Nemo dopo aver ritirato il trofeo.

La loro vittoria, la prima in assoluto per una persona non binaria all’Eurovision, è stata la prima della Svizzera dopo quella di Celine Dion nel 1988.

Malmö ha ospitato il concorso in occasione del cinquantesimo anniversario del successo degli ABBA all’Eurovision, ma l’evento si è presto trovato al centro di scomodi riflettori politici e le tensioni hanno raggiunto l’apice nelle ore precedenti la finale.

I manifestanti hanno affermato che l’evento è stato un “insabbiamento artistico” della guerra di Israele contro Hamas a Gaza, che ha ucciso più di 34.000 palestinesi da quando è stata lanciata in seguito agli attacchi del 7 ottobre contro Israele.

Ma gli organizzatori del concorso, la European Broadcasting Union (EBU), hanno difeso fermamente la presenza israeliana, insistendo sul fatto che il concorso è apolitico – una linea diventata sempre più insostenibile quando artisti, conduttori e fan si sono scontrati sulla presenza del cantante israeliano Eden Golan.

READ  Timothée Chalamet si trasforma in Bob Dylan nel film biografico "Completely Unknown" - guarda la foto

Golan è stata fischiata da alcuni membri del pubblico durante la sua esibizione, mentre alcuni hanno voltato le spalle o hanno lasciato l’arena, ma più partecipanti hanno accolto con favore la performance israeliana.

Fuori dalla piazza, la polizia ha circondato un piccolo gruppo di manifestanti filo-palestinesi, tenendoli separati dalla folla arrivata per l’evento al grido di “Palestina libera, libera!” E “Boicottare l’Eurovision”.

Ma l’Unione europea di radiodiffusione sarà sollevata dal fatto che la finale – uno degli eventi più tesi nella storia dell’Eurovision – si sia svolta in gran parte senza incidenti.

L’Eurovision è stato “più grande e più folle di quanto mi aspettassi”, ha detto Nimmo alla CNN prima della finale. “C’è molta profondità nell’Eurovision che non conoscevo prima.”

“Se vinco, farò una grande festa sul lago nella mia città natale, Belle”, hanno detto alla CNN.

Un concorrente è stato squalificato poche ore prima dell’evento: il pilota olandese Joost Klein, che è stato espulso dalla finale dopo un “incidente nel backstage”. L’EBU ha fornito pochi dettagli sull’incidente, ma i fan arrabbiati hanno espresso chiaramente la loro rabbia per la decisione durante la finale fischiando i rappresentanti dell’EBU quando sono apparsi sullo schermo.

Nel frattempo, l’irlandese Bambi Thug ha detto alla CNN, prima dell’evento, che era “la decisione sbagliata” non escludere Israele, come fece la Russia due anni fa.

L’evento di sabato sera prevedeva celebrazioni degli ABBA e di altre star della musica svedese e esibizioni di 26 finalisti che spaziavano tra generi, linguaggi e stili.

L’evento del prossimo anno si terrà in Svizzera, dopo la vittoria di Nemo. La data e la città che ospiterà il concorso verranno comunicate nei prossimi mesi.

READ  Tom Holland nella recensione di Romeo e Giulietta: la star non è da biasimare, ma questo evento di produzione globale è "senza vita"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto