L’amministrazione Biden svela i limiti più severi di sempre sulle emissioni automobilistiche statunitensi per promuovere i veicoli elettrici

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Biden al Salone dell'auto di Detroit 2022

Il presidente Joe Biden ha annunciato le norme più severe sulle emissioni di scarico delle automobili mai introdotte negli Stati Uniti, nel tentativo di accelerare il passaggio dell’industria automobilistica ai veicoli elettrici.

L’obiettivo è che il 56% di tutte le nuove auto americane vendute siano elettriche entro il 2032, un aumento massiccio rispetto ai livelli attuali.

In una concessione alle case automobilistiche, l'obiettivo è stato allentato rispetto alla bozza dello scorso anno.

Ma l’amministrazione Biden afferma che continuerà a ridurre in modo significativo i gas serra.

Secondo l’Environmental Protection Agency, il regolamento emanato mercoledì eviterebbe l’emissione di sette miliardi di tonnellate di anidride carbonica nei prossimi 30 anni.

La nuova misura limita sempre più anno dopo anno la quantità di inquinamento consentito dagli scarichi dei veicoli. Le case automobilistiche che non rispettano i nuovi standard dovranno affrontare multe salate.

Le aziende saranno ancora in grado di produrre veicoli a benzina, purché rappresentino una percentuale in diminuzione della loro linea di prodotti totale.

Gli Stati Uniti stanno adottando un approccio più moderato rispetto all’Unione Europea e al Regno Unito, poiché vieteranno tutte le vendite di auto a benzina a partire dal 2035.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato l’anno scorso che avrebbe rinviato il divieto britannico di cinque anni rispetto alla scadenza originaria del 2030.

L’industria automobilistica statunitense ha citato la lenta crescita delle vendite di veicoli elettrici nella sua opposizione al progetto di norme dello scorso anno che avrebbe garantito che tali veicoli rappresentassero il 67% di tutte le nuove auto vendute nel 2032.

Lo scorso anno le auto elettriche hanno rappresentato meno dell’8% del totale delle vendite di auto nuove.

L’Alliance for Automotive Innovation, un gruppo commerciale che rappresenta l’industria automobilistica, ha accolto con favore la lentezza del lancio, ma ha affermato che l’obiettivo è ancora “molto ambizioso”.

La misura è stata ampiamente accolta con favore dai gruppi ambientalisti, anche se alcuni attivisti hanno espresso disappunto per il fatto che non fosse più forte.

Ma si prevede che le regole dovranno affrontare sfide legali da parte dell’industria petrolifera e degli stati a guida repubblicana. Alla fine la questione potrebbe essere risolta dalla Corte Suprema.

Questa politica evidenzia il filo del rasoio politico che Biden deve percorrere.

Mentre si candida alla rielezione contro il rivale repubblicano Donald Trump, il presidente sta cercando di conquistare i lavoratori del settore automobilistico nello stato potenzialmente cruciale del Michigan, adottando allo stesso tempo misure per affrontare il cambiamento climatico, una questione chiave per molti democratici.

Trump si è impegnato, se vincesse le elezioni di novembre, ad abrogare le norme ambientali emanate da Biden.

La portavoce della campagna di Trump, Carolyn Levitt, ha affermato che le regole “costringeranno gli americani ad acquistare auto costose che non vogliono e non possono permettersi, distruggendo nel frattempo l'industria automobilistica americana”.

Secondo la pubblicazione specializzata Kelley Blue Book, lo scorso anno il prezzo medio di vendita di un veicolo elettrico era di circa 53.500 dollari, circa 5.000 dollari in più rispetto alle auto a benzina.

Lo stipendio medio annuo negli Stati Uniti è di circa $ 59.000.

Anche il presidente della Camera repubblicana Mike Johnson ha criticato la politica, definendola “un'altra campagna radicale anti-energia che limiterà le scelte dei consumatori, aumenterà i costi per le famiglie americane e distruggerà le case automobilistiche”.

READ  Stop & Shop afferma che stanno arrivando decisioni "difficili" sulla chiusura dei negozi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto