Dicembre 8, 2021

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Lancio SpaceX-NASA: missione Crew-3 integrata con ISS

Questa missione, nota come Crew-3, è la quarta joint venture tra SpaceX e la NASA per effettuare viaggi regolari verso l’ISS per mantenere presidiata la stazione spaziale di 21 anni. Dal ritiro del suo programma di navetta spaziale nel 2011, la NASA vuole avere un maggiore controllo, lasciando la Russia come l’unico paese in grado di fornire il trasporto ISS.

La missione Crew-3 è iniziata mercoledì sera quando gli astronauti hanno costruito la loro capsula Crew Dragon su uno dei razzi Falcon 9 di SpaceX alti 200 piedi sulla rampa di lancio del Kennedy Space Center in Florida. Il razzo è stato sollevato dopo le 9 ET di notte, prima che la navicella iniziasse a manovrare in orbita e dirigersi verso la ISS, spingendo la capsula in orbita.

Questo compito arriva mentre i team di SpaceX e della NASA affrontano due problemi nella progettazione della capsula Crew Dragon. Innanzitutto, un problema che causava una perdita nella toilette di bordo è stato risolto nella capsula Crew-3 prima della partenza, evitando un altro scenario simile a quello sperimentato dagli astronauti Crew-2 che hanno viaggiato attraverso la capsula Crew Dragon lunedì. La stazione spaziale è tornata sulla Terra.

Gli astronauti di Crew-2 hanno scoperto che il loro gabinetto che perdeva aveva inquinato le pareti della loro navicella spaziale e, per evitare ulteriori complicazioni, sono stati costretti a fare affidamento sulla “biancheria intima” durante il viaggio di nove ore.

L’altro problema che NASA e SpaceX stanno attualmente affrontando è relativo ai paracadute di Crew Dragon. Durante l’ammaraggio dell’equipaggio-2 di lunedì, uno dei quattro paracadute ha impiegato un po’ più di tempo per esplodere completamente rispetto all’altro.

READ  COP26: La nuova bozza di accordo ha un linguaggio senza precedenti nell'eliminazione graduale dei sussidi al carbone e ai combustibili fossili

Kathy Luthers, capo del volo spaziale umano della NASA, ha detto ai giornalisti che l’urgenza di rivisitare i paracadute di SpaceX e NASA Crew-3 arriva nella speranza di evitare un problema simile al ritorno dalla ISS sei mesi dopo.

“La cosa che mi fa sentire un po’ più fiducioso… è che il rallentamento della navicella spaziale era solo nominale per noi, il che è una buona notizia”, ​​ha detto Luthers.

Incontra gli astronauti di Crew-3

Kayla Barron, che ha conseguito un master in ingegneria nucleare presso l’Università di Cambridge, è stata selezionata come astronauta della NASA nel 2017 e proviene direttamente dal campo di lavoro, che include condizioni di vita estreme e sottomarini a lungo isolati. Diventato Barone È stata una delle prime donne a servire su un sottomarino della Marina Già nel 2010.

“Sta a me avere l’esperienza di vivere e lavorare sotto la superficie dell’oceano e creare la connessione per vivere e lavorare nel vuoto dello spazio e capire che tipo di squadra è stata utilizzata per renderlo un successo”, Baron detto ai giornalisti. Lo scorso mese. “Tutti questi partner mi hanno dato… la fiducia necessaria per candidarmi [for NASA’s astronaut corps] Innanzitutto. “

Anche Raja Sari si è unito all’equipaggio di astronauti della NASA nel 2017 come uno dei suoi nuovi arrivati, e questo viaggio segna il suo primo volo nello spazio. Ha conseguito un master in aeronautica e aeronautica presso il MIT e una laurea presso la US Navy Test Pilot School, che ha una lunga storia di fornitura di gasdotti agli astronauti.

Sari e Baron sono stati entrambi selezionati per gli astronauti Artemis della NASA, che potranno volare verso future missioni sulla luna. “In termini di crescita personale e opportunità di imparare da persone esperte, un viaggio all’ISS è “la migliore formazione per noi”, ha aggiunto Baron.

READ  L'incendio di Alice vicino a Santa Barbara chiude l'autostrada 101

Questa è la prima volta nello spazio per il tedesco Matthias Maurer dell’ESA, che avrà l’opportunità di condurre passeggiate spaziali e utilizzare un nuovo braccio robotico, che è stato recentemente portato alla stazione spaziale su un veicolo spaziale russo.

“Questa mano può portare carichi scientifici dall’interno e dall’esterno della stazione tramite la camera di equilibrio russa. [will be] È possibile condurre esperimenti all’esterno senza dover camminare nello spazio “, ha affermato.

Il pilota della missione, Tom Marshburn della NASA, è l’unico astronauta senior a bordo. Ha un background in fisica e un dottorato in medicina, ed è entrato per la prima volta nella NASA come chirurgo aeronautico nei primi anni ’90. È entrato a far parte dell’Official Astronaut Force nel 2004 e in precedenza ha volato sulla ISS su uno space shuttle e una missione russa Soyuz.

Alla domanda su cosa si aspetta di più, Marshburn Detto ai giornalisti “Sicuramente uno dei picchi del tuo tempo è avere l’opportunità di intraprendere viaggi nello spazio, ma molti di noi si aspettano di più da ciò che facciamo ogni giorno in laboratorio”.

L’ISS conduce da due decenni ricerche scientifiche per gli astronauti di tutto il mondo. La stazione spaziale è diversa da qualsiasi altro laboratorio al mondo: in un ambiente di microgravità, gli eventi fisici e biologici non sono intrappolati dall’attrazione terrestre. Pertanto, fare lo stesso esperimento fatto a terra presso la stazione darà agli scienziati una migliore comprensione di base di come funziona qualcosa.

La ricerca supervisionata dagli astronauti di Crew-3 include un tentativo di sviluppare un “cristallo perfetto” per migliorare la nostra comprensione dei processi biologici, l’impatto del cibo sulla salute degli astronauti e un esperimento. Sensore di guida video per smartphone Per guida, guida e controllo Astrobe Robot a volo libero.