Proseguono i colloqui su un trattato per porre fine all’inquinamento da plastica

OTTAWA, Ontario (AP) – I paesi hanno fatto progressi su un trattato per porre fine all’inquinamento da plastica mentre il quarto round di colloqui si è concluso martedì scorso in Canada.

Per la prima volta in questo processo, i negoziatori hanno discusso il testo di quello che sarebbe dovuto diventare un trattato globale. Delegati e osservatori Comitato negoziale intergovernativo sull’inquinamento da plastica Lo ha descritto come un segno positivo del fatto che, in questo quarto dei cinque incontri previsti, la conversazione si sta spostando dalle idee al linguaggio del trattato.

Ancora più controversa è l’idea di limitare la quantità di plastica prodotta. Ciò rimane nel testo nonostante le forti obiezioni da parte di paesi, aziende produttrici di plastica ed esportatori di petrolio e gas. La maggior parte della plastica è composta da combustibili fossili e sostanze chimiche.

Piace Sessione di Ottawa Al termine dei colloqui, il comitato ha deciso di continuare i lavori sul trattato prima del suo incontro finale entro la fine dell’anno in Corea del Sud.

Il direttore esecutivo dell'UNEP Inger Andersen e il ministro dell'Ambiente e del cambiamento climatico Stephen Guilbault partecipano a una conferenza stampa il 23 aprile 2024 a Ottawa, Ontario. (Adrian Wild/The Canadian Press tramite AP)

I preparativi per quella sessione si concentreranno su come finanziare l’attuazione del trattato, valutare le sostanze chimiche problematiche nei prodotti di plastica e prendere in considerazione la progettazione del prodotto. Il rappresentante del Ruanda ha affermato di aver ignorato l’elefante nella stanza non affrontando la produzione di plastica.

“In definitiva, non si tratta solo del testo, non si tratta solo del processo”, ha affermato Jyoti Mathur Philip, segretario esecutivo del comitato. “Si tratta semplicemente di creare un futuro migliore per le generazioni e per i nostri cari. Questo è il multilateralismo nella sua forma migliore, e possiamo riuscirci e ci riusciremo”.

READ  Colloqui per il cessate il fuoco al Cairo e notizie di guerra tra Israele e Hamas: aggiornamenti in tempo reale

I membri vogliono un trattato incentrato sul riciclaggio e sul riutilizzo della plastica, che a volte viene definito “mainstreaming”, ha affermato Stuart Harris, portavoce dell’industria per il Consiglio internazionale delle società chimiche.

Non vogliono porre un limite alla produzione di plastica e credono che le sostanze chimiche non dovrebbero essere regolamentate da questo accordo. Harris ha affermato che l’associazione è felice di vedere i governi riunirsi e accettare di completare il lavoro aggiuntivo, in particolare per quanto riguarda il finanziamento e la progettazione di prodotti in plastica.

Decine di scienziati dell’Alleanza degli scienziati per un trattato efficace sulla plastica sono venuti all’incontro per presentare ai negoziatori prove scientifiche sull’inquinamento da plastica, in parte, hanno detto, per dissipare la disinformazione.

“Ho sentito ieri che non esistono dati sulle microplastiche, il che è falso in modo verificabile: ci sono state 21.000 pubblicazioni su micro e nanoplastiche”, ha affermato Bethany Carne Almroth, professoressa di tossicologia ambientale all'Università di Göteborg in Svezia e co-direttore del progetto. coalizione. “È come Whac-A-Mole.”

Ha detto che gli scienziati sono stati molestati e intimiditi dai lobbisti e ha detto alle Nazioni Unite che un lobbista le ha urlato contro durante una riunione.

Il capo negoziatore dell'Ecuador, Walter Schuldt, ha affermato che, nonostante le differenze, i paesi rappresentati condividono una visione comune per andare avanti nel processo del trattato.

“Perché in definitiva stiamo parlando della futura sopravvivenza della vita, non solo della vita umana ma di tutti i tipi di vita su questo pianeta”, ha detto in un'intervista.

Ha detto di essere orgoglioso di partecipare e di contribuire “con il suo granello di sabbia” all'azione globale per affrontare la crisi ambientale.

I negoziati sul trattato iniziarono nel Uruguay nel dicembre 2022 Dopo che il Ruanda e il Perù hanno proposto la risoluzione che ha avviato il processo nel marzo 2022, i progressi sono stati lenti Colloqui di Parigi nel maggio 2023 E dentro Nairobi a novembre Mentre i paesi discutevano le regole di questo processo.

Quando migliaia di negoziatori e osservatori sono arrivati ​​a Ottawa, Luis Villas Valdivieso, presidente della commissione dell’Ecuador, ha ricordato loro il loro obiettivo di realizzare un futuro senza inquinamento da plastica. Ha chiesto loro di essere ambiziosi.

I delegati hanno discusso non solo del campo di applicazione del trattato, ma anche di sostanze chimiche problematiche, plastiche problematiche ed evitabili, progettazione, finanziamento e implementazione del prodotto.

FILE - Il ministro dell'Ambiente e del cambiamento climatico Stephen Guilbault è considerato presidente del comitato negoziale intergovernativo. L'ambasciatore Luis Villas Valdivieso parla durante una conferenza stampa, il 23 aprile 2024, a Ottawa, Ontario.  (Adrian Wild/The Canadian Press tramite AP, File)

Il ministro dell'Ambiente e del cambiamento climatico Stephen Guilbault, presidente del comitato negoziale intergovernativo, l'ambasciatore Luis Villas Valdivieso parla durante una conferenza stampa, il 23 aprile 2024, a Ottawa, Ontario. (Adrian Wild/The Canadian Press tramite AP)

I delegati hanno anche semplificato l’ingombrante insieme di opzioni emerse dall’ultimo incontro.

“Abbiamo fatto un grande passo avanti dopo due anni di lunghe discussioni. Ora abbiamo un testo da negoziare”, ha affermato Björn Biller, coordinatore internazionale dell’International Pollution Elimination Network. “Sfortunatamente, è necessaria una maggiore volontà politica per affrontare l’aumento della plastica produzione che “è andato fuori controllo”.

Molti si sono recati a Ottawa dalle comunità colpite dall’industria della plastica e dall’inquinamento. I residenti della Louisiana e del Texas che vivono vicino a impianti petrolchimici e raffinerie hanno distribuito cartoline indirizzate al Dipartimento di Stato americano dicendo: “Vorrei che tu fossi qui”.

Hanno viaggiato insieme come gruppo del movimento Break Free From Plastic, chiedendo ai negoziatori di visitare i loro stati per sperimentare in prima persona l’inquinamento dell’aria e dell’acqua.

“Questa è ancora la migliore opzione che abbiamo per vedere il cambiamento nelle nostre comunità. Sono state rilevate dalle multinazionali. Non posso rivolgermi al governo parrocchiale”, ha detto Joe Banner, della parrocchia di St. John the Baptist in Louisiana sento che questa è l'unica possibilità che ho. ” La possiedo e spero di aiutare la mia comunità a riprendersi e guarire da questo. “

I membri dell’Indigenous Caucus hanno tenuto una conferenza stampa sabato per affermare che le microplastiche stanno contaminando il loro approvvigionamento alimentare e che l’inquinamento minaccia le loro comunità e gli stili di vita che saranno loro garantiti per sempre. Sentivano che le loro voci non venivano ascoltate.

“Abbiamo interessi più grandi. Queste sono le nostre terre ancestrali che sono state inquinate dalla plastica”, ha detto Jorisa Lee dalla Nuova Zelanda dopo l’evento “Siamo titolari di diritti, non parti interessate. Dovremmo avere più spazio per parlare e prendere decisioni rispetto alle persone che causano il problema.

Nella Bay of Plenty, un punto caldo dei frutti di mare sulla costa settentrionale della Nuova Zelanda, sedimenti e molluschi sono pieni di minuscole particelle di plastica. Lee ha aggiunto che considerano le “risorse” della natura come tesori.

“I modi indigeni possono aprire la strada”, ha detto Lee. “Ciò che stiamo facendo ora chiaramente non funziona”.

Vi Waghiyi ha viaggiato dall'Alaska per rappresentare le popolazioni indigene dell'Artico. Ricorda ai decisori politici che questo trattato deve proteggere le persone dall’inquinamento causato dalla plastica per le generazioni future.

“Siamo venuti qui per rappresentare la coscienza, per assicurarci che prendano la decisione giusta per tutte le persone”, ha detto.

___

La copertura climatica e ambientale di AP riceve sostegno finanziario da molteplici fondazioni private. AP è l'unico responsabile di tutti i contenuti. Cerca punti di accesso Standard Per collaborare con enti di beneficenza, elenco dei sostenitori e aree di copertura finanziate AP.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto