Starliner decolla per il primo volo con gli astronauti della NASA

Dopo aver effettuato due viaggi sulla rampa di lancio senza mai raggiungere lo spazio, due astronauti della NASA sono finalmente entrati in orbita mercoledì a bordo di un veicolo costruito dal gigante spaziale Boeing.

Il viaggio inaugurale della Starliner per trasportare gli astronauti arriva dopo quattro anni e sei giorni con gli astronauti a bordo. La Boeing è ora pronta ad offrire questo servizio, ma in passato una serie di costosi ritardi ha impedito agli astronauti di far volare il veicolo della compagnia. SpaceX, una volta visto in volo, ha inviato in orbita un totale di 13 equipaggi.

Il volo del tanto atteso veicolo Boeing è l’ultimo passo negli sforzi della NASA per fare maggiore affidamento sul settore privato per il programma di volo spaziale umano.

“Questa è un’altra pietra miliare nella straordinaria storia della NASA”, ha dichiarato l’amministratore della NASA Bill Nelson durante una conferenza stampa dopo il lancio.

Quando lo Starliner arriverà giovedì alla stazione spaziale, si unirà alla capsula Dragon dell’equipaggio di SpaceX già attraccata lì. I funzionari della NASA erano fermamente convinti che dovessero esserci due diversi veicoli spaziali statunitensi in grado di trasportare gli astronauti in orbita.

“Ci piace sempre avere un backup”, ha affermato il Sig. Nelson ha detto. “È più sicuro per i nostri astronauti.”

Se il lavoro del veicolo andrà bene, fornirà alcune buone notizie per Boeing, il cui record di sicurezza aerea è stato sottoposto a un attento esame dopo che il pannello laterale di un jet dell’Alaska Airlines è esploso durante il volo all’inizio di quest’anno.

READ  Walmart prende sul serio i metaware

Anche la divisione spaziale della Boeing è sotto pressione, con la missione dello Starliner che durerà anni più a lungo di quanto l’azienda o la NASA si aspettassero. Test software inadeguati, valvole del propellente corrose, nastro infiammabile e un componente chiave del sistema del paracadute si sono rivelati più deboli del previsto.

Gli astronauti Butch Wilmore, a sinistra, e Suni Williams lasciano l’Operations and Checkout Building a Cape Canaveral mercoledì mattina.debito…Joe Radle/Getty Images

Pochi minuti prima del lancio, il comandante della missione Butch Willmore ha detto: “Accendiamo un po’ questo razzo. Spingiamolo verso il cielo”

“Andiamo, Calypso, portaci nello spazio e ritorno”, dice Suni Williams, l’altro membro dell’equipaggio che funge da pilota, riferendosi alla capsula a cui ha dato il nome della nave utilizzata dall’oceanografo Jacques Cousteau.

video

Tamilizzazione

“Suni ed io siamo orgogliosi di condividere questo sogno di viaggiare nello spazio con ognuno di voi. E detto questo, accendiamo un po’ di fuoco questo razzo e spingiamolo in cielo mentre questi duri americani lo preparano. “Andiamo a Calipso. Portaci nello spazio e ritorno.

debitodebito…NASA, tramite Reuters

Alle 10:52 ET, i motori del razzo Atlas V si accesero e sollevarono la navicella spaziale Starliner su un percorso curvo nello spazio. Il lancio del volo di oggi e i primi segmenti in orbita hanno fornito un gradito sollievo, svolgendosi senza intoppi.

video

Tamilizzazione

“Houston, Starliner. “Roger.”

Il lettore video è in fase di caricamento
debitodebito…NASA tramite Reuters

“Sto ridendo, credetemi”, ha detto Mark Nappi, il funzionario della Boeing responsabile dello Starliner. “Ma è un’emozione un po’ contenuta perché ci sono molte fasi in questo lavoro. Abbiamo completato la prima.

video

Tamilizzazione

“Hai una bella manetta.” “Buona manetta.” “Buon burnout dell’SRB.” “Bel SRB.”

Il lettore video è in fase di caricamento
debitodebito…NASA, tramite Reuters

Durante il viaggio verso l’orbita si è verificato un leggero guasto nel sistema di raffreddamento. Il sistema di raffreddamento, chiamato sublimatore, utilizzava leggermente più acqua del previsto. Una volta in orbita, la navicella spaziale passò a un diverso sistema di raffreddamento, un radiatore, e mentre gli ingegneri indagavano sull’accaduto, ciò non influì sulla missione.

Sig. Wilmore e la signora Williams si unirà alla stazione giovedì alle 12:15.

Lungo la strada, il sig. Wilmore e la signora Williams si prenderà il tempo per testare manualmente il volo della navicella spaziale, cosa che normalmente non è necessaria se non in caso di emergenza. Anche i sistemi di supporto vitale saranno attentamente controllati.

Gli astronauti rimarranno sulla stazione spaziale per almeno otto giorni prima di tornare sulla Terra. L’attività consiste in un totale di 87 obiettivi del test. “Ci sono molti, li definirei obiettivi per test di volo di tipo ergonomico”, ha affermato il Sig. Pannolino ha detto. “Come si adattano i sedili? Come funzionano i costumi? Come sono le scene?”

Dopo la missione, la NASA e la Boeing esamineranno i dati del volo per completare la certificazione dello Starliner. La navetta sarà pronta a lanciare voli operativi una volta all’anno per trasportare gli equipaggi della NASA durante il loro soggiorno di sei mesi sulla stazione spaziale. Ogni capsula Starliner – Boeing ne ha due per le missioni orbitali – è progettata per 10 missioni.

video

Il lettore video è in fase di caricamento
debitodebito…NASA, tramite Reuters

La rotta per il volo di mercoledì era in preparazione da anni.

Nel 2014, la NASA ha assegnato contratti a Boeing, la compagnia missilistica gestita da Elon Musk, e SpaceX, e la NASA ha iniziato a pagare la Russia per costruire sostituti per le navette spaziali che trasportavano gli astronauti sulla stazione spaziale prima del loro pensionamento nel 2011. Gli astronauti viaggiano sui razzi Soyuz.

Il Congresso era scettico e il gruppo commerciale tagliò ripetutamente i soldi richiesti dalla NASA per il programma. All’epoca SpaceX era in crescita, ma non era la forza dominante nel settore della missilistica come lo è oggi. La scelta di Boeing ha contribuito a rassicurare i legislatori sul fatto che la NASA stava facendo un buon investimento.

La NASA aveva inizialmente affermato che Starliner e Crew Dragon di SpaceX sarebbero stati pronti entro il 2017.

Entrambe le società hanno impiegato più tempo del previsto, cosa non insolita nel settore aerospaziale.

Ma a dicembre 2019, Boeing sembrava essere in dirittura d’arrivo. Poi un test dello Starliner senza astronauti andò storto a causa di problemi al software e l’attracco previsto fu interrotto. La NASA ha etichettato il volo come una “chiamata ravvicinata ad alta visibilità” perché i difetti del software avrebbero potuto portare alla distruzione del veicolo spaziale se non fossero stati risolti prima del rientro.

Ad aprile, la capsula Starliner emerge dal terminal commerciale e dall’impianto di lavorazione delle merci a Cape Canaveral.debito…Chandan Khanna/Agence France-Presse — Getty Images

Boeing e NASA hanno deciso di ripetere il test senza commissione, ma il test è stato ritardato a causa della corrosione delle valvole del propellente e lo Starliner non è stato lanciato di nuovo fino a maggio 2022.

Poi sono sorti altri problemi. Il nastro protettivo avvolto attorno all’isolamento del cablaggio divenne infiammabile e se i tre paracadute dello Starliner non fossero stati aperti correttamente, un componente vitale ma fragile del sistema di paracadute si sarebbe rotto.

Questi ritardi sono costati a Boeing 1,4 miliardi di dollari e, mentre Starliner era a terra, SpaceX ha lanciato nove missioni con equipaggio per la NASA (una, Crew-8, attualmente di stanza) e quattro missioni commerciali aggiuntive con passeggeri non NASA.

Le prove di lancio di quest’anno sono iniziate il 6 maggio. L’aereo si è schiantato a causa di una valvola difettosa nel razzo Atlas V. Una piccola perdita di elio è stata scoperta nel sistema di propulsione dello Starliner, portando ad un’indagine durata settimane.

Un secondo tentativo di lancio sabato è avvenuto 3 minuti e 50 secondi prima del decollo, finché i computer che gestivano autonomamente le parti finali della sequenza di lancio non hanno riscontrato un problema e hanno interrotto il conto alla rovescia.

Nei giorni successivi, i tecnici hanno sostituito un componente elettrico difettoso, ponendo le basi per il successo del lancio di mercoledì.

Niraj Chokshi Rapporto contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto