Giugno 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Una massiccia esplosione solare catturata da un’astronave a energia solare

SOHO orbita solare gigante eruzione solare

Il punto di vista di Solar Orbiter e Soho dell’eruzione gigante – primo piano. Credito: Solar Orbiter Team / EUI, SOHO / LASCO, ESA e NASA

Agenzia spaziale europea /[{” attribute=””>NASA Solar Orbiter spacecraft has captured the largest solar prominence eruption ever observed in a single image together with the full solar disc.

Solar prominences are large structures of tangled magnetic field lines that keep dense concentrations of solar plasma suspended above the Sun’s surface, sometimes taking the form of arching loops. They are often associated with coronal mass ejections, which if directed towards Earth, can wreak havoc with our technology and everyday lives.

Quest’ultimo evento si è verificato il 15 febbraio 2022 e si è esteso per milioni di chilometri nello spazio. L’espulsione di massa coronale non era diretta verso la Terra. In effetti, si sta allontanando da noi. Non c’è traccia dell’eruzione sul disco solare di fronte al veicolo spaziale – che attualmente si sta avvicinando alla linea della Terra e del Sole – il che significa che deve aver avuto origine dal lato del Sole rivolto verso di noi.

Solar Orbiter cattura l'esplosione solare gigante

L’immagine Extreme Ultraviolet Imager del Full Sun Imager a bordo della navicella ESA/NASA Solar Orbiter ha catturato un’enorme esplosione solare il 15 febbraio 2022. Le protuberanze solari sono grandi strutture fatte di linee di campo magnetico interconnesse che mantengono dense concentrazioni di plasma solare sospeso sopra la superficie. . La superficie del Sole assume spesso la forma di anelli arcuati. Questa è la più grande eruzione solare notevole mai osservata in una singola immagine con l’intero disco solare. Credito: Solar Orbiter / EUI Team / ESA e NASA

Le foto sono state scattate da “Full Sun Imager” (FSI) di . Imaging UV estremo (EUI) sul Solar Orbiter. FSI è progettato per guardare l’intero disco solare anche durante i passaggi vicino al Sole, come durante il prossimo corridoio del perielio il mese prossimo. Al più vicino avvicinamento il 26 marzo, che vedrà il veicolo spaziale passare entro 0,3 volte la distanza tra il Sole e la Terra, il Sole riempirà una porzione molto più ampia del campo visivo del telescopio. Al momento, c’è ancora molto “margine di larghezza” attorno al disco, che consente all’FSI di catturare dettagli sorprendenti per circa 3,5 milioni di km, che è cinque volte il raggio del Sole.

READ  Gli orizzonti degli eventi sono fabbriche sintonizzabili per l'entanglement quantistico

Altri telescopi spaziali come ESA/NASA SOHO .satellite Spesso si vede l’attività solare in questo modo, ma più vicino al sole o più lontano dalla membrana, che blocca il bagliore del disco solare per consentire immagini dettagliate della corona stessa. Pertanto, l’importanza osservata dal Solar Orbiter è il più grande evento del suo genere catturato in un singolo campo visivo insieme al disco solare, aprendo nuove possibilità per apprendere come eventi come questi si collegano per la prima volta al disco solare. Allo stesso tempo, SOHO Può fornire viste complementari a distanze maggiori.

C’erano anche altre missioni spaziali che osservavano l’evento, inclusa la Parker Solar Probe della NASA. La prossima settimana, il Solar Orbiter e la Parker Solar Probe eseguiranno osservazioni personalizzate congiunte durante il passaggio del perielio di Parker.

Anche i veicoli spaziali non dedicati alla scienza solare hanno sentito la loro esplosione – Agenzia Spaziale Europea /[{” attribute=””>JAXA BepiColombo mission, currently in the vicinity of Mercury’s orbit – detected a massive increase in the readings for electrons, protons, and heavy ions with its radiation monitor.

And while this event did not send a blast of deadly particles towards Earth, it is an important reminder of the unpredictable nature of the Sun and the importance of understanding and monitoring its behavior. Together with ESA’s future dedicated space weather mission Vigil, which will provide unique views of events like these, we can better protect our home planet from the Sun’s violent outbursts.