Yoon Suk Yeol: il presidente della Corea del Sud è sopraffatto da una piccola cipolla?

  • Di Jean Mackenzie
  • Corrispondente da Seul

fonte dell'immagine, Ricostruzione del Partito Coreano

didascalia dell'immagine,

Cho Kuk, leader dell'opposizione, fa campagna elettorale con una borsa Dior e una piccola cipolla

A febbraio, il prezzo di una mela in Corea ha raggiunto i 7 dollari (5,50 sterline), anche se in un grande magazzino di lusso. Qui i prezzi della frutta sono alti, ma questo supera il limite per gli elettori che lottano per punire i prezzi elevati dei generi alimentari.

Nel tentativo di rispondere alle loro preoccupazioni, il presidente Yoon Suk Yeol ha visitato un mercato alimentare e si è meravigliato di quanto le cipolle fossero “a prezzi ragionevoli”. Il mercato in questione era infatti fortemente sovvenzionato. Ne sono seguiti indignazione e ridicolo online.

“Il Presidente verrà abbattuto con una piccola cipolla”, ha brontolato un leader dell'opposizione.

Ma i prezzi dei prodotti alimentari sono solo uno dei tanti motivi per cui il partito conservatore del presidente Yoon ha perso le elezioni parlamentari della Corea del Sud, viste come un voto di fiducia durante i suoi primi due anni in carica.

Il signor Yoon è sempre stato impopolare. Da quando è stato eletto con la percentuale di voti più bassa nella storia della Corea del Sud – 0,7% – il suo indice di gradimento si è aggirato attorno al 30-40%. Il mese scorso, la metà degli intervistati ha affermato di aver svolto il lavoro “peggiore” di sempre.

Il politologo e sondaggista Lee Changxin ha dichiarato: “Ci sono diversi incidenti nella sua posizione. Il primo è una serie di gaffe diplomatiche che hanno fatto notizia a livello internazionale, come quando il signor Yoon è stato sorpreso a imprecare al microfono poco dopo aver incontrato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. I coreani ritenevano che Yoon avesse offuscato la loro reputazione all’estero e questi incidenti erano imbarazzanti.

Poi c'era sua moglie, la First Lady Kim Kyon-hee, che, secondo il prof. Lee, “è amata dal popolo più del presidente”.

È stato accusato di aver plagiato la sua tesi universitaria e di aver commerciato in azioni. L'anno scorso è emerso un filmato in cui lei apparentemente violava le leggi anti-corruzione accettando una costosa borsa Dior. Nonostante inizialmente abbia svolto un ruolo attivo come first lady, da allora la signora Kim è stata vista raramente in pubblico con suo marito.

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

Gli analisti dicono che il signor Yoon è meno popolare della first lady Kim Kyon-hee

Yoon ha alienato gli elettori anche a causa del suo stile politico conflittuale. A volte si dice che Yoon, un ex pubblico ministero senza precedente esperienza politica, si comporti più come un avvocato che come un politico.

“È testardo, non ascolta né scende a compromessi e ha sviluppato una tendenza quasi autoritaria”, ha affermato il dottor Lee del Korea Institute for National Unification.

In breve, il presidente Yoon non è riuscito a conquistare elettori che vanno oltre la sua leale base di sostegno conservatore. Il risultato è che il suo partito non è riuscito a ottenere il controllo del parlamento, il che significa che sarà più difficile per lui approvare leggi e risolvere questioni urgenti, come un’economia stagnante, prezzi immobiliari irraggiungibili e una popolazione in rapido invecchiamento.

Prima di mercoledì l’opposizione controllava già il parlamento. La sconfitta lo rende l’unico presidente nella storia costituzionale della Corea del Sud ad affrontare una legislatura guidata dall’opposizione durante il suo unico mandato di cinque anni. La sua autorità è stata gravemente indebolita e rischia quello che gli analisti chiamano “un'anatra zoppa”.

Relazioni amichevoli e crepe crescenti

Con la sua agenda interna allo sbando, Yoon ha finora concentrato i suoi sforzi sulla politica estera, ed è riuscito a farsi degli amici all’estero nonostante la sua impopolarità in patria. È entrato in carica con il desiderio che la Corea del Sud giocasse un ruolo più importante sulla scena mondiale, determinato ad abbandonare quella che considerava la miopia del suo predecessore.

Yoon si è presentato come un sostenitore dei valori liberali e democratici e ha promesso di denunciare coloro che non vi aderiscono. Quindi la sua strategia era quella di essere duro con Pyongyang. Ha aumentato le esercitazioni militari nella penisola, ha imposto sanzioni economiche al Nord e ha reagito ogni volta che Kim Jong Un lo ha provocato.

I suoi critici dicono che era inutilmente provocatorio. Il Nord sta lanciando più armi che mai e le relazioni tra le due Coree sono le peggiori degli ultimi anni.

Ma il suo rapporto con l’America è sbocciato. Il rafforzamento dell’alleanza di sicurezza di Seoul con Washington è stato fondamentale per la politica estera di Yoon. Quando ha fatto una serenata al presidente Biden con la sua interpretazione di American Pie di Don McLean alla Casa Bianca, è stato un'indicazione di come entrambi i paesi cantino dalla stessa lunghezza d'onda. Yun ha ascoltato gli Stati Uniti, che li esortano a rafforzare le loro alleanze in Asia per contrastare la Cina.

Titolo del video,

GUARDA: Il presidente sudcoreano canta American Pie per Joe Biden

Yoon si è guadagnato ulteriore rispetto da parte degli Stati Uniti quando ha seppellito le storiche controversie con il Giappone per stimolare una relazione di sicurezza tripartita tra Tokyo, Seul e Washington a un costo politico considerevole. La mossa si è rivelata impopolare a livello nazionale, ma i diplomatici occidentali hanno elogiato il leader per il suo coraggio e il suo coraggio. La mancanza di legami di sicurezza tra Giappone e Corea del Sud è stata vista come uno dei principali anelli deboli in Asia.

Ma tale coraggio ha un costo. In passato, la Corea del Sud ha camminato sul delicato filo del rasoio tra Stati Uniti e Cina, bilanciando attentamente le esigenze del suo alleato militare e del suo principale partner commerciale. Questo approccio è chiamato “ambiguità strategica”. Ma l'ambiguità non è nello stile di Yoon. Ha criticato la Cina e messo in guardia sul suo comportamento nei confronti di Taiwan, con grande rabbia di Pechino. Questo è qualcosa che i leader sudcoreani non hanno mai fatto prima. I commenti del signor Yoon erano apparentemente impulsivi e hanno lasciato alcuni nel suo gruppo inquieti.

“Alcuni del governo hanno la sensazione di aver permesso che le relazioni con la Cina diventassero troppo tese, e che sia necessario ristabilire l'equilibrio dopo le elezioni, soprattutto per rinnovare i legami economici”, ha detto Dongmin Lee, professore di scienze politiche a Tangkook. Università. .

Sebbene sposare i valori liberali e democratici sia un nobile obiettivo, alcuni qui sostengono che non sia la migliore strategia per un paese intrappolato tra Cina e Russia, soprattutto in un momento in cui entrambe si stanno avvicinando al nemico. Come ha affermato un funzionario, “la Corea del Nord è un fattore in ogni decisione che prendiamo”.

La sfida più grande e imprevedibile che Yoon dovrà affrontare nel prossimo anno sarà il possibile ritorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Mentre era presidente, Trump si è avvicinato a Kim Jong Un e ha minacciato di ritirare tutte le forze statunitensi dalla Corea del Sud. Qualunque sia la direzione che sta prendendo Yoon, la rielezione di Trump potrebbe costringerlo a cambiare rotta.

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

Yun ha ricevuto elogi per l’importante vertice a tre con il presidente Biden e il primo ministro giapponese Fumio Kishida nel 2023.

Sebbene Yun si sia allineato con l’Occidente come difensore della democrazia, il suo governo è stato accusato di arretramento democratico in patria.

Ha bollato i suoi oppositori come “comunisti”, ha attaccato i media per “notizie false” e il suo ufficio ha perseguito i giornalisti critici per diffamazione. È stata accusata di alimentare la segregazione di genere promettendo di abolire il ministero governativo per l'uguaglianza di genere. Incapace di farlo senza il sostegno parlamentare, il Ministro del Genere ha invece lasciato il posto vacante.

Questo è quanto emerge da un recente rapporto del Varieties of Democracy Institute svedese La democrazia della Corea del Sud è su un “pendio discendente”. Dall'insediamento del presidente Yoon. Secondo Jeongmin Kim, direttore editoriale del servizio di notizie Korea Pro, lo studio ha guadagnato popolarità nel paese: “È chiaro che almeno i liberali e i centristi possono riconoscere l'ipocrisia e sentirsi a disagio. Guardate i leader occidentali elogiare Yoon come uno dei difensori della democrazia .”

Sebbene le divisioni parlamentari siano comuni in Corea del Sud, Yoon non si è mai riconciliato con il leader dell’opposizione. Invece, è ricorso al siluro delle leggi di veto del suo presidente. Ha usato il veto più di ogni altro presidente dagli anni '80. Ciò gli valse la reputazione di qualcuno a cui non importava essere popolare, ma faceva ciò in cui credeva indipendentemente da ciò che gli altri dicevano o pensavano.

“Sembra che ciò che interessa davvero a Yun sia essere ricordato con affetto dai suoi sostenitori più accaniti e nei libri di storia, non quello che gli altri, il parlamento o anche il suo stesso partito pensano di lui”, ha detto Jeongmin Kim.

Yoon Suk Yeol potrebbe essersi già guadagnato un posto nei libri di storia con la sua riconciliazione con il Giappone. Ma senza il suo potere, avrebbe meno influenza all’estero. A livello nazionale, data la mancanza di sostegno, i sudcoreani possono aspettarsi più caos parlamentare, ostilità politica e polarizzazione.

READ  Le Migliori 10 forno a legna per pizza del 2024: La Classifica Approvata dagli Esperti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto