9 finalisti del James Beard Award sono stati nominati nella regione di Washington e la maggior parte ha annuito nel giro di un decennio

La James Beard Foundation ha selezionato nove ristoranti e chef di Washington DC e Maryland come finalisti per i suoi prestigiosi premi culinari: il maggior numero di finalisti della regione ad essere premiato in più di un decennio.

In particolare, due membri del ristorante vietnamita Moon Rabbit della DC sono finalisti: Kevin Tien come miglior chef della regione del Medio Atlantico e Susan Bai come miglior pasticcere o panettiere.

I Beard Awards sono tra i più alti riconoscimenti nazionali che possono essere ricevuti da ristoratori, chef e ristoranti, premiando l’eccellenza nella cucina, nel servizio, nell’ospitalità e nel business. I finalisti sono stati annunciati mercoledì mattina al Waldorf Astoria Hotel di D.C. in quello che si è rivelato essere uno speciale evento celebrativo per la gente del posto. Il numero di finalisti provenienti dalla regione è stato superiore a quello di molte altre prestigiose destinazioni gastronomiche, come San Francisco, Seattle o Manhattan e Brooklyn messe insieme.

Altri candidati all'area per il miglior chef sono Tony Conti dell'Inferno Pizzeria Napoletana a Darnestown, nel Maryland, e Harley Pitt di Bas Rouge a Easton, nel Maryland. Tian di Moon Rabbit è stato nominato come Chef emergente dell'anno nel 2018 ed è stato semifinalista come miglior chef nel 2019. Il ristorante ha fatto notizia a livello nazionale per aver chiuso la sua sede a Wharf nel maggio 2023 e riaperto vicino a Gallery Place a gennaio.

Bai, la pasticciera di Moon Rabbit, dice di essere rimasta scioccata nell'apprendere della sua nomina, ma anche entusiasta e sperando per il meglio alla cerimonia di premiazione finale. Che si terrà a Chicago l'8 giugno. “È un lavoro molto duro, non solo da parte mia ma anche da parte dei miei colleghi. Abbiamo dato tutto ciò che avevamo insieme, e questo è ciò che ci ha portato su questa strada.” Alla festa. “Penso che i miei dessert siano fuori dagli schemi: incorporo molti elementi deliziosi. È unico e penso che sia qualcosa che tutti vorrebbero provare.”

READ  The Rock non pensa di disputare altri match dopo WrestleMania 40

Michael Rafidi, dell'acclamato ristorante mediorientale Albi del Navy Yard, è stato nominato finalista per il premio nazionale Outstanding Chef. Rafidi, che è anche dietro allo Yellow Cafe e al Navy Yard di Georgetown, è finalista nella categoria Miglior chef della regione del Medio Atlantico nel 2023. (Rob Rubba di Oyster Oyster ha vinto il premio come miglior chef dell'anno nel 2023, quindi se Rafidi torna a… Casa, il premio, che sarà vittorie consecutive per gli chef della regione.)

Lo chef Masako Morishita, del ristorante di cucina giapponese Perry's ad Adams Morgan, ha ricevuto una nomination nella categoria Chef emergente, che onora uno chef che la Beard Foundation ritiene “molto probabilmente in grado di avere un impatto significativo negli anni a venire”. Morishita ha detto al critico gastronomico del Post Tom Sietsema che preferisce l'avventura nella sua cucina, una caratteristica che ha imparato da sua nonna. Sietsma ritiene che i suoi piatti, incluso l'okonomiyaki a forma di cuore, abbiano infuso vita a Perry's, che celebrerà il suo 40° anniversario nel 2024.

I premi hanno riconosciuto anche l'eccellenza negli alcolici locali: Tail Up Goat di Adams Morgan ha ricevuto una nomination come finalista per Outstanding Wine and Other Beverage Program, e Clavel Mezcaleria a Baltimora ha ricevuto una nomination per Outstanding Bar. Sia Clavel Mezcaleria che Tail Up Goat sono stati nominati più volte in diverse categorie, anche se questa è la prima nomination di Tail Up Goat per gli alcolici, essendo stato precedentemente nominato per il lavoro dei suoi chef. Il proprietario e direttore delle bevande Bill Jensen attribuisce la nomination di quest'anno all'impegno del ristorante nel trovare quelli che definisce vini “sottovalutati”.

READ  Il principe William intende tornare ai suoi doveri di membro della famiglia reale "WFH".

“Siamo aperti da otto anni e il nostro programma sul vino si è evoluto notevolmente in questo periodo”, ha affermato Jensen. “[What sets us apart is] Il nostro desiderio di rischiare negli angoli meno conosciuti del mondo del vino e la nostra passione per il vino come parte integrante di una vita ben vissuta. Sono particolarmente orgoglioso dei nostri abbinamenti di vini. Ci sono molti abbinamenti di sgabelli offerti dai baristi, ma è una delle cose di cui siamo più orgogliosi. Ho davvero voglia di fare abbinamenti con vino o bevande analcoliche che arricchiscono incommensurabilmente l'esperienza.

Per quanto riguarda gli affari, Hollis Wells Silverman dell'Eastern Point Collective ha ricevuto una nomination per l'Outstanding Restaurateur Award, che premia l'eccellenza nella proprietà di ristoranti e nella costruzione di comunità. I ristoranti dell'Eastern Point Collective includono Duck & the Peach, La Collina, Wells Cocktail Bar nell'Eastern Market e Méli nell'Adams Morgan.

Anche Lindsay Ovkasik e Edward Lee della Lee Initiative, un'organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla diversità e all'inclusione nel settore della ristorazione, sono stati insigniti del Premio umanitario 2024. Sebbene i suoi ristoranti originali si trovino a Louisville, Lee è il direttore culinario di Succotash nel Penn Quarter e nel National Harbour l'iniziativa di Lee aprirà un ristorante no-profit chiamato M. Francis nell'area di Union Market entro la fine dell'anno.

Fritz Hahn ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto