Alibaba esporta convertibili per un valore di 4,5 miliardi di dollari per finanziare i riacquisti

(Bloomberg) – Alibaba Group Holding Ltd. ha venduto 4,5 miliardi di dollari in obbligazioni convertibili, una vendita record in dollari da parte di una società asiatica, assicurandosi il capitale necessario per riacquistare azioni e investire in attività tra cui l’intelligenza artificiale.

I più letti da Bloomberg

La principale società cinese di e-commerce ha prezzato le sue obbligazioni con scadenza nel 2031 con una cedola dello 0,5% e un premio di conversione del 30%. Un banchiere coinvolto nell’operazione, che ha chiesto l’anonimato perché le informazioni sono private, ha affermato che il volume delle sottoscrizioni per l’operazione ha superato sei volte, con circa 250 investitori iscritti.

Gli analisti hanno affermato che Alibaba sta approfittando dei bassi costi di finanziamento e del forte aumento delle sue azioni per raccogliere fondi. L’azienda ha bisogno di soldi per investire nelle sue attività principali e nel cloud, che hanno entrambe indebolito la quota di mercato durante la repressione del settore da parte delle autorità cinesi e i successivi disordini interni. Allo stesso tempo, la vendita indica la sua opinione che il titolo sia sottovalutato.

Alibaba ha dichiarato in un comunicato che una parte dei proventi dell’offerta sarà utilizzata per riacquistare 14,8 milioni di ricevute di deposito americane al momento della definizione del prezzo dell’accordo, nonché per finanziare futuri riacquisti.

“Questa mossa rappresenta un’opportunità per accedere a liquidità all’estero a condizioni favorevoli, a un tasso dello 0,5%”, ha affermato John Choi, analista di Daiwa Capital Markets Hong Kong Ltd. “In questo modo possono iniziare immediatamente a implementare riacquisti di azioni proprie, cosa che la società posso dire che è più vantaggioso per gli azionisti perché il riacquisto sarebbe più diluitivo.

Per saperne di più: Il riacquisto da 25 miliardi di dollari da parte di Alibaba non riesce a calmare gli investitori

Secondo i dati compilati da Bloomberg, l’offerta di Alibaba rappresenta la più grande emissione di debito legato ad azioni denominato in dollari da parte di una società asiatica. Secondo i dati, l’operazione batte l’emissione di obbligazioni quinquennali da 2,9 miliardi di dollari da parte di Sea Ltd. Singapore nel settembre 2021.

READ  Ho vinto la lotteria immobiliare a New York e l'affitto della mia casa è di 1.000 dollari al mese

L’accordo con Alibaba ha attirato una forte partecipazione da parte dei fondi statunitensi, ha detto il banchiere, aggiungendo che la società era in contatto con le banche per vendere le obbligazioni convertibili da alcuni mesi. Dato l’obiettivo della società di riacquistare le azioni legate a questo accordo, è stata data priorità agli investitori che volevano acquistare debito convertibile e vendere azioni come copertura contro di esso, ha aggiunto la persona.

Meccanismo

Le obbligazioni convertibili consentono alle aziende di prendere in prestito denaro a tassi inferiori rispetto ai normali prestiti di mercato, sebbene tali offerte possano incidere sul prezzo delle azioni dell’emittente a causa della potenziale conversione del debito in azioni.

Alibaba consentirà agli investitori di convertire le proprie obbligazioni in azioni se il prezzo degli ADR aumenta del 30% rispetto ai livelli attuali. In questo caso, ciò potrebbe significare che Alibaba dovrebbe emettere nuove azioni da consegnare agli investitori, con il rischio di minori profitti. Per ridurre questo rischio, la società ha incluso una caratteristica delle cosiddette “operazioni caped call” nelle obbligazioni convertibili, secondo un documento di scambio.

Questa caratteristica è simile allo spread rialzista, che consiste in una call lunga con un prezzo strike più basso e una chiamata short con un prezzo strike più alto. In questo accordo, Alibaba acquisterà opzioni call con un prezzo di esercizio del 30% superiore al prezzo corrente delle azioni e venderà opzioni call con un prezzo di esercizio del 100% superiore al prezzo corrente. Questo meccanismo può aiutare ad alleviare la pressione diluitiva sugli utili, anche se il prezzo delle azioni è molto più alto.

Bloccare

Le azioni delle società tecnologiche cinesi sono aumentate da febbraio, poiché il governo ha segnalato un maggiore sostegno al settore mentre le valutazioni convenienti hanno attirato gli investitori. La vendita di Alibaba arriva dopo che il rivenditore online rivale JD.com Inc. All’inizio di questa settimana sono scaduti in cinque anni un totale di 2 miliardi di dollari in obbligazioni convertibili.

READ  AMC sta usando i soldi di Meme per comprare una miniera d'oro. È "strano", dice l'analista.

Le società tecnologiche cercano di “detenere dollari statunitensi offshore per mantenere la flessibilità nel riacquistare azioni mentre investono all’estero”, ha affermato Gary Tan, gestore di portafoglio presso Allspring Intrinsic Emerging Markets Equity. “Siamo un po’ delusi dal premio di conversione più basso, il che potrebbe indicare che la transizione di Alibaba verso la ripresa della crescita sta richiedendo più tempo del previsto.”

I leader di Alibaba appena insediatisi a Hangzhou segnalano da mesi al mercato che considerano la loro azienda sottovalutata e, in alcuni casi, stanno mettendo i loro soldi dove dicono. Il co-fondatore Jack Ma e il suo luogotenente di lunga data Joe Tsai – tornato a ricoprire la carica di presidente a settembre – hanno acquistato azioni Alibaba per la prima volta dopo anni all’inizio del 2024.

I loro prezzi sono aumentati di quasi il 29% nel mese terminato il 17 maggio. Il titolo è stato messo sotto pressione questa settimana dopo che la società ha aperto la strada al taglio dei prezzi su alcuni servizi di intelligenza artificiale e cloud, sollevando preoccupazioni per una guerra dei prezzi nel mercato emergente dell’intelligenza artificiale in Cina.

Giovedì gli ADR hanno chiuso in ribasso del 2,3% a 80,80 dollari. Venerdì le azioni Alibaba quotate a Hong Kong hanno chiuso in ribasso dello 0,6%.

La società cerca di trovare un equilibrio tra la restituzione di liquidità e l’investimento in attività esistenti e nuove, compresa l’intelligenza artificiale, hanno detto giovedì Tsai e il CEO Eddie Wu in una lettera agli azionisti.

Cosa dice Bloomberg Intelligence:

L’offerta di obbligazioni convertibili di Alibaba potrebbe sollevare il controllo sulle modifiche ai suoi piani per una quotazione iniziale a Hong Kong entro la fine di agosto e sulla tempistica per ottenere un rendimento a due cifre sul capitale investito. L’intenzione della società di utilizzare i proventi obbligazionari per acquistare azioni era più mirata di quella di JD.com. — Analisti Katherine Lim e Trini Tan.

READ  McDonald's prevede di vendere le ciambelle Krispy Kreme nelle sue sedi negli Stati Uniti entro la fine del 2026

Tsai e Wu stanno reinvestendo nelle attività principali di Alibaba, anche se cerca di recuperare quote di mercato nei servizi cloud da rivali sostenuti dallo stato come China Telecom. Ciò è particolarmente cruciale in quanto l’azienda cerca di rivendicare la propria pretesa nella fiorente arena dell’intelligenza artificiale, un mercato in cui nessuna singola azienda può rivendicare un vantaggio inattaccabile.

La società ha annunciato questa settimana che stabilirà per la prima volta la propria sede in Messico, rivelando al contempo un piano per costruire almeno sei data center in mercati chiave tra cui Malesia, Tailandia, Filippine e Corea del Sud nei prossimi tre anni.

Le obbligazioni convertibili di Alibaba sono state commercializzate con una cedola annuale compresa tra lo 0,25% e lo 0,75% e un premio di conversione compreso tra il 30% e il 35%, secondo i termini dell’accordo precedentemente esaminati da Bloomberg News.

L’offerta – che secondo la società include una cosiddetta opzione Greenshoe che potrebbe aumentare la dimensione dell’accordo di 500 milioni di dollari – si aggiunge a un mese già intenso per le emissioni di obbligazioni convertibili. A livello globale, questo mese ci sono stati affari di questo tipo per un valore di 10,2 miliardi di dollari, sminuiti rispetto al conteggio di 4 miliardi di dollari di aprile, dopo che la pausa della stagione degli utili ha interrotto una serie di oltre 10 miliardi di dollari in mesi, secondo i dati compilati da Bloomberg.

La chiusura dell’offerta di Alibaba è prevista per il 29 maggio, ha affermato la società. Ai possessori di titoli convertibili potrebbe essere richiesto di riacquistare tutti o parte dei loro titoli il 1° giugno 2029.

Citigroup, JPMorgan Chase & Co., Morgan Stanley, Barclays PLC e HSBC Holdings hanno contribuito a organizzare l’accordo, secondo i termini precedentemente visti da Bloomberg News.

–Con l’assistenza di Charlotte Yang, Jenny Yu, Qin Wang, Edwin Chan e Shi Wang.

(Aggiunge ulteriori dettagli nel secondo, settimo, nono e decimo paragrafo.)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto