BHP propone l’acquisizione da 31 miliardi di sterline di Anglo American in un massiccio accordo minerario

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

BHP ha proposto un'acquisizione da 31 miliardi di sterline di Anglo American, che unirebbe due società minerarie globali e si classificherebbe come uno dei più grandi affari del settore da anni.

Il più grande gruppo minerario del mondo ha dichiarato giovedì di aver offerto 0,7097 azioni BHP per ogni azione Anglo, nel tentativo di espandere il proprio portafoglio di miniere di rame.

BHP ha affermato che la sua offerta valorizza ciascuna azione Anglo a £ 25,08. Le azioni di Anglo sono aumentate del 13% a 24,89 sterline nelle prime negoziazioni a Londra, dando alla società un valore di mercato di 30,5 miliardi di sterline.

Si prevede che la domanda di rame aumenterà a causa dell’abbandono globale dei combustibili fossili. Il metallo è ampiamente utilizzato nei progetti di energia rinnovabile e nelle auto elettriche.

BHP ha affermato che l’accordo aumenterebbe la sua “esposizione alle materie prime rivolte al futuro attraverso le attività di rame di livello mondiale di Anglo American”. Il legame tra i due gruppi quotati sarà uno dei più influenti nel settore minerario da quando Glencore ha acquisito Xstrata nel 2013.

Anglo possiede alcune delle miniere di rame più ambite del settore in Perù e Cile, ma il CEO Duncan Wanblad è sotto forte pressione da dicembre, quando la società ha annunciato profondi tagli alle sue previsioni di produzione. Anglo ha detto di aver ricevuto un'offerta non richiesta da BHP e la sta esaminando.

La divisione diamanti e l'unità platino di De Beers sono state colpite dal calo dei prezzi. Le azioni della società quotata a Londra sono scese di oltre un terzo dall'inizio dello scorso anno prima di risalire dopo la notizia dell'offerta.

READ  Gli Stati Uniti forniscono un prestito record per il progetto Lithium Americas in Nevada

Giovedì le azioni di BHP, quotata principalmente a Sydney e con un valore di mercato di 229 miliardi di dollari australiani (149 miliardi di dollari americani), sono scese dello 0,6% a 45,23 dollari australiani.

Come parte dell'accordo, BHP propone lo spin-off di due unità di Anglo: Anglo American Platinum, la divisione del platino conosciuta come Amplats, e Kumba Iron Ore, entrambe quotate in Sud Africa, ha detto Anglo.

È probabile che questa proposta susciti polemiche in Sud Africa in vista delle elezioni generali del paese a maggio.

L'approccio di BHP ad Anglo arriva un anno dopo che la società mineraria con sede a Melbourne ha completato l'acquisizione da 9,6 miliardi di dollari australiani della rivale australiana Oz Minerals, aumentando la sua esposizione al rame.

L'accordo ha dato il via a una serie di transazioni nel settore, ma da allora il management di BHP ha affermato che sarà disciplinato nel suo approccio verso ulteriori fusioni e acquisizioni, poiché si concentrerà sull'integrazione di Oz e sul finanziamento dello sviluppo delle sue operazioni sulla potassa.

BHP ha abbandonato la sua quotazione iniziale a Londra nel 2022, semplificando la propria struttura aziendale per prepararsi meglio a potenziali opportunità di consolidamento in seguito alla cessione delle sue attività di petrolio e gas, che si sono fuse con l'australiana Woodside nello stesso anno.

Anglo, fondata 107 anni fa, è tra le 25 società di maggior valore della Borsa di Londra, e la proposta di BHP rischia di alimentare la preoccupazione per le società che fuggono dalla capitale britannica.

Alcuni investitori di BHP hanno affermato che ci sono pochi dettagli sul fatto che l'acquisizione possa attrarre gli azionisti, ma altri hanno affermato che aveva senso data l'attenzione di BHP sulla crescita del proprio portafoglio di rame.

L'accordo sarà giudicato in ultima analisi in base al suo costo, ha affermato Andy Forster, direttore degli investimenti di Argo Investments, che possiede azioni di BHP. “Ha senso per il rame, ma come sempre con transazioni grandi e complesse [it is] “È difficile completarlo senza distruggere valore lungo il percorso”, ha affermato.

Christopher LaFemina, analista di Jefferies, ha affermato in una nota che Anglo “potrebbe essere una soluzione interessante al giusto prezzo”, ma ha affermato che qualsiasi accordo potrebbe affrontare problemi antitrust a causa della posizione condivisa delle società nel rame.

“Se BHP perseguisse effettivamente questo accordo, saremmo sorpresi se non emergessero altri offerenti”, ha affermato.

Anglo è assistita da Centreview, Goldman Sachs e Morgan Stanley. UBS e Barclays stanno fornendo consulenza a BHP sulla proposta, secondo persone a conoscenza della questione.

Bloomberg ha riferito per la prima volta che BHP stava valutando l'acquisizione di Anglo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto