Cameron Sutton si trovava nella struttura dei Lions quando il mandato d'arresto è stato emesso al pubblico

Cameron Sutton era al centro di allenamento dei Detroit Lions la scorsa settimana quando la squadra ha scoperto il mandato di arresto, ha detto lunedì il presidente della squadra Rod Wood.

Wood, parlando dalla sede della NFL a Orlando, in Florida, Lo ha detto a Fox 2 a Detroit Un membro della squadra è riuscito a parlare con Sutton e gli ha consigliato di costituirsi. I Lions hanno rilasciato Sutton il giorno successivo.

“Gli suggerisco di rivolgersi a un avvocato e di fare la cosa giusta per costituirsi”, ha detto Wood alla stazione televisiva. “Poi ci siamo incontrati per il resto della giornata e la mattina dopo per decidere se rilasciarlo”.

Wood ha detto che Sutton “è venuto inaspettatamente all'allenamento. Abbiamo potuto parlare con lui personalmente – non io, ma altri membri dello staff – e ha lasciato l'edificio. Lo abbiamo rilasciato il giorno successivo e non è successo niente”. Da allora nessuno gli ha più parlato”.

L'ufficio dello sceriffo della contea di Hillsborough ha emesso il mandato d'arresto per Sutton la scorsa settimana, poiché le autorità non sono state in grado di localizzare Sutton dal 7 marzo, quando è stato emesso il mandato d'arresto. Sutton rischia l'accusa di percosse domestiche per strangolamento, un reato di terzo grado punibile fino a cinque anni di prigione.

Sutton, 29 anni, si è unito ai Lions come free agent senza restrizioni lo scorso anno con un contratto triennale da 33 milioni di dollari dopo aver trascorso le sue prime sei stagioni nella NFL con i Pittsburgh Steelers. Wood ha detto a Fox 2 che è stata “una decisione difficile” rilasciare Sutton, “ma è stata la decisione giusta”.

READ  Kyrie Irving: la NBA ha multato i Brooklyn Nets di $ 50.000 per aver consentito al giocatore di entrare negli spogliatoi della squadra

“Stiamo andando avanti. Voglio assicurarmi che tutti sappiano che non lo abbiamo rilasciato per qualcosa che ha a che fare con il tetto o con i soldi che potremmo dovergli. Era la cosa giusta da fare per l'organizzazione.”

“Lo abbiamo rilasciato con una designazione dopo il 1 giugno, che ci permetterà di affrontare eventuali implicazioni di cap su due stagioni contro una. Permetteremo che il processo tra noi, lui e il sindacato vada avanti”, ha detto, specificando esattamente cosa accadrà. Ma i soldi non erano nella mia mente quando abbiamo preso le nostre decisioni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto