È morto all’età di 58 anni il rapper Brother Marquez, membro dei 2 Live Crew

È morto all’età di 58 anni il rapper Brother Marquez, membro del popolare gruppo rap 2 Live Crew.

Il gruppo ha annunciato la morte del nativo di New York sui social media. È morto lunedì.

“Mark Ross, alias Brother Marquez, della troupe di 2Live è andato al loft”, ha scritto il gruppo. Su Instagram Accanto a una sua foto.

È morto all’età di 58 anni il rapper Brother Marquez, membro del popolare gruppo rap 2 Live Crew. WireImage

Da allora la didascalia è stata aggiornata in “Mark Ross, alias il fratello Marquez della squadra di 2 Live, è morto”.

La causa della morte non è stata rivelata in questo momento.

A confermarlo è stato il direttore del gruppo TMZ. Fonti hanno riferito al quotidiano che non vi era alcun sospetto criminale.

Il rapper Uncle Luke, il leader della band, ha reso omaggio al suo ex membro sui social media.

Il rapper, il cui vero nome è Luther Campbell, ha dichiarato: “Esprimo le mie condoglianze alla famiglia del fratello Márquez e ai suoi numerosi fan provenienti da tutto il mondo dopo aver appreso della sua morte”. Scritto su X.

Il fratello Marquez è nato a Rochester, il cui vero nome è Mark D. Ross, e si è unito a un gruppo hip-hop di Miami quando aveva 19 anni nel 1986. Immagini Getty

“Abbiamo combattuto molte battaglie per la cultura (e) abbiamo fatto ottima musica insieme, cosa che non dimenticherò mai. Recentemente siamo tornati insieme per combattere un’altra battaglia per riprenderci il catalogo che ci è stato rubato il suo nome per il bene della sua famiglia”.

“Il fratello Marquez che conosco vuole che celebriamo la sua vita (e) è esattamente quello che farò. Riposa in pace, fratello”, ha aggiunto Campbell, che attualmente si sta preparando a candidarsi al Congresso nel suo stato natale, la Florida.

Il fratello Marquez è nato a Rochester, il cui vero nome è Mark D. Ross, e si è unito a un gruppo hip-hop di Miami quando aveva 19 anni nel 1986.

READ  Zoe Saldaña dice che sarà una grande perdita per la Marvel se non trovano un modo per riportare in vita i Guardiani della Galassia, anche se ha smesso di interpretare Gamora
Il gruppo ha annunciato la morte del nativo di New York sui social media. È morto lunedì. @theofficial2livecrew/Instagram

Il gruppo pubblicò il loro album di debutto “The 2 Live Crew Is What We Are” nello stesso anno.

Il rapper Fresh Ice Kid, il cui vero nome era Chris Wong Won, è morto nel 2017. Era anche un co-membro del popolare gruppo rap.

Marquez è stato uno dei membri più importanti della 2 Live Crew, insieme ai rapper Uncle Luke, Fresh Kid Ice e Mr. Mixx.

Il loro status di leggende dell’hip-hop guadagnò rapidamente lo status di rapper, il cui album del 1989 “As Nasty As They Wanna Be” fu al centro di un caso di oscenità di alto profilo.

Marquez è stato uno dei membri più importanti della 2 Live Crew, insieme ai rapper Uncle Luke, Fresh Kid Ice e Mr. Mixx. Immagini Getty

“As Nasty As They Wanna Be” – l’album il cui singolo “Me So Horny” campionava frasi oscene pronunciate da una prostituta vietnamita nel film di guerra di Stanley Kubrick del 1987 “Full Metal Jacket” – è stato dichiarato legalmente osceno nel 1990 dal giudice federale del sud della Florida. Jose González Jr.

La sentenza minacciava di condannare penalmente i venditori di musica per aver distribuito l’album e di aver messo la museruola agli artisti con testi espliciti.

La sentenza di Gonzalez fu annullata due anni dopo dalla Corte d’Appello dell’Undicesimo Circuito degli Stati Uniti – e i membri dei 2 Live Crew furono assolti in un processo separato dopo essere stati arrestati per aver eseguito alcune delle canzoni dell’album a un concerto.

L’album del gruppo del 1989 “As Nasty As They Wanna Be” è stato al centro di un caso di oscenità storico. Immagini Getty

La controversia che circonda l’album ha dato origine alla hit del gruppo “Banned in the USA” del 1990, che includeva il divieto della sentenza iniziale del tribunale, il loro successivo arresto e una difesa a tutto campo della “libertà di espressione”.

READ  Benedict Cumberbatch risponde alle critiche di Sam Elliott

Il gruppo è attualmente impegnato in una battaglia legale con la Lil Joe Records sui diritti e la proprietà della musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto