È morto all’età di 61 anni il colosso americano della musica indie

È morto all’età di 61 anni il musicista e produttore americano Steve Albini, noto soprattutto per il suo lavoro con gruppi come Nirvana, The Pixies e PJ Harvey.

Albini è stato un attore implacabile nella scena indie statunitense degli anni ’80 e ’90, frontman di band tra cui Big Black e Shellac.

La sua influenza era evidente anche nelle migliaia di album che ha prodotto e ingegnerizzato.

Includono l’LP Surfer Rosa dei Pixies e In Utero dei Nirvana.

Kurt Cobain reclutò Albini per registrare il seguito del loro film di grande successo Nevermind nel 1993, dopo essere rimasto colpito dal suo lavoro con Big Black, The Pixies e The Breeders.

Tuttavia, Albini originariamente non era un fan dei Nirvana, pensando che fossero una versione ordinaria del suono di Seattle.

Il musicista e produttore americano Steve Albini nella sala di controllo

Foto di Albini nel suo studio Electric Audio a Chicago nel 2005 [Getty Images]

Secondo quanto riferito, accettò di lavorare con loro perché si sentiva dispiaciuto per loro, credendo che fossero alla mercé della loro major, e voleva dare loro un suono più abrasivo.

L’atmosfera grezza risultante dell’album non ha impressionato l’etichetta di Geffen, che ha insistito per remixare i singoli “Heart-Shaped Box” e “All Apologies”.

In Utero ha venduto cinque milioni di copie solo negli Stati Uniti, e Albini ha commentato: “Lo amo molto più di quanto pensassi”.

In generale non gli è piaciuto il titolo del prodotto, Lo ha detto al Guardian l’anno scorso Preferiva essere accreditato come tecnico perché vedeva il suo ruolo nel registrare la band piuttosto che nel modellarne il suono.

Si rifiutò anche di prendere royalties, addebitando solo una tariffa forfettaria perché considerava non etico guadagnare soldi dal lavoro di un artista a tempo indeterminato.

READ  Tom Hanks si rammarica dell'espulsione di Conor Ratliff dalla Band of Brothers

Gestiva il suo studio, Electrical Audio, a Chicago, e si stava preparando a pubblicare To All Trains di Shellac, il suo primo album dal 2014, il 17 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto