El Niño si aggrappa ostinatamente alla vita, ma il modello La Niña alimentato dall’uragano si profila all’orizzonte

College Park, nel Maryland -El Niño è ancora qui… a malapena.

Le condizioni tropicali nel Pacifico continuano a mantenere un certo calore superiore alla media in parti significative delle regioni centrali e orientali, raggiungendo la soglia minima di almeno 0,5°C (0,9°F) per mantenere un’allerta El Niño. La NOAA ha annunciato giovedì nel suo aggiornamento mensile.

Ma i giorni di El Niño sono ancora contati, prevede la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). La maggior parte dei modelli di previsione indicano un continuo raffreddamento delle acque in questa regione dell’Oceano Pacifico, con una probabilità del 79% che le condizioni di El Niño finiscano entro il prossimo mese.

Si tratta di un annuncio già fatto da altre agenzie meteorologiche nazionali in tutto il mondo, inclusa l’Australia, che utilizzano metodi di reporting diversi rispetto alla NOAA. El Niño è già stato dichiarato il mese scorso.

Quando La Niña o El Niño non domina quello che è noto come modello El Niño Southern Oscillation (ENSO), è considerata una condizione neutra, a volte definita assenza di rugiada.

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) afferma che, nonostante il continuo riscaldamento degli oceani, l’atmosfera nel Pacifico tropicale mostra ancora segni che l’influenza di El Niño sta svanendo e diventando neutrale.

READ  Le azioni Amazon saltano su una divisione di 20 a 1

È ancora probabile che si verifichi uno spostamento verso il modello opposto di La Niña, che potrebbe dare impulso alla prossima stagione degli uragani.

L’Australia annuncia la fine del fenomeno El Nino nell’Oceano Pacifico tropicale

Effetti meteorologici di un evento neutro

Passare da El Niño a una zona neutrale probabilmente non significherà alcun cambiamento climatico immediato in Nord America, ma il FOX Forecast Center monitorerà gli effetti durante l’estate e la prossima stagione degli uragani.

La stagione meteorologica inizia il 1 giugno, la stessa data dell’inizio della stagione dei cicloni tropicali di quest’anno.

Gli anni neutrali sono passati dall’essere solo una manciata di sistemi tropicali ad essere tra i più attivi mai registrati, ma le stagioni sotto un regime neutrale sono solitamente più influenti di quelle che si verificano durante un El Niño.

Sul fronte della temperatura, tutti gli eventi neutri degli ultimi due decenni hanno prodotto estati in cui le temperature erano al di sopra o ben al di sopra della media.

L’estate neutra ENSO del 2019 è stata la stagione più calda mai registrata in Nord America, con temperature record lungo le coste occidentali e orientali.

Cos’è lo stile neutro?

La Niña si avvicina alla stagione degli uragani?

Anche se la neutralità è in atto, non sembra che passerà molto tempo prima che il Pacifico tropicale si raffreddi trasformandosi direttamente in un modello La Niña.

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ritiene che ci sia una probabilità del 69% che la temperatura dell’acqua scenda oltre i -0,5°C entro la fine dell’estate, con una probabilità dell’83% entro l’autunno.

READ  I lavoratori della Mercedes-Benz in Alabama chiedono un voto sulla sindacalizzazione

Tuttavia, gli esperti della Colorado State University e molti altri ritengono che l’imminente La Niña svolga un ruolo importante nell’intensificare la stagione degli uragani del 2024.

I modelli di La Niña in estate e all’inizio dell’autunno tendono a indebolire i venti di livello superiore nel bacino atlantico che normalmente contribuirebbero allo scioglimento delle tempeste emergenti.

I ricercatori hanno affermato di aspettarsi che nel 2024 si formeranno 23 tempeste nominate, di cui 11 potrebbero raggiungere lo status di uragano. Si prevede che cinque degli 11 uragani raggiungeranno lo stato di uragano maggiore con venti di almeno 180 km/h.

La stagione degli uragani atlantici del 2024 potrebbe essere tra le più attive mai registrate, prevedono gli esperti

Ma anche con o senza La Niña, che aiuta a formare un uragano con una parte superiore del corpo favorevoleModelli di livello L’estensione di oltre un anno delle temperature record dell’oceano nell’Atlantico sta sollevando preoccupazioni per una stagione degli uragani molto attiva all’orizzonte.

La serie record di temperature calde per l’Oceano Atlantico termina dopo 421 giorni

La Niña: ribalta il copione dell’inverno negli Stati Uniti

Mentre ci spostiamo dalla stagione degli uragani di fine anno verso l’autunno e l’inverno, la fase La Niña è tipicamente associata al clima secco negli Stati Uniti meridionali e al clima più fresco e umido nell’Oceano Pacifico. Nord Ovest E parti del nord.

Sarebbe l’opposto di ciò che abbiamo visto in generale lo scorso inverno con El Niño.

READ  Un paio di WarnerBros. I membri del consiglio di Discovery si dimettono durante l'indagine antitrust del Dipartimento di Giustizia

La California ha sopportato il peso maggiore di numerose tempeste, molte delle quali erano tempeste meteorologiche fluviali, lasciando gran parte dello stato ben al di sopra della media delle precipitazioni.

Mentre il potente Pacific Jet Stream abbraccia continuamente il sud, diversi temporali colpiscono il Texas e la costa del Golfo. La Florida ha vissuto uno dei dicembre e gennaio più nuvolosi mai registrati. Secondo i dati del climatologo dell’Alaska Brian Bretschneider.

Nel frattempo, a parte una forte epidemia artica alimentata dal vortice polare a metà gennaio, l’inverno è stato molto mite nella parte settentrionale del paese.

Minneapolis aveva solo 29,5 pollici di neve – quasi 22 pollici sotto la media – e le persone potevano giocare a golf e installare piscine durante l’inverno in un’area conosciuta più per le temperature sotto zero e le bufere di neve.

Il nuoto e il golf potrebbero essere spostati di nuovo a un evento più estivo se La Niña prenderà piede il prossimo inverno.

Il prossimo aggiornamento mensile regolare della NOAA sul modello ENSO è previsto per il 13 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto