Elezioni di Panama: il popolo di Panama ha votato per eleggere un nuovo presidente

PANAMA CITY (AP) – I panamensi hanno iniziato a votare domenica In un’elezione Anche se l’ex presidente del paese non era in votazione, era consumato dall’esposizione al dramma che lo circondava.

Gli elettori si sono messi in fila fuori dai seggi elettorali mentre il caldo torrido si abbatteva sulla nazione centroamericana, solitamente sonnolenta. I panamensi, desiderosi di cambiamento dopo mesi di disordini politici e proteste, stanno valutando le promesse di prosperità economica e la repressione dei migranti contro la corruzione.

Più di 50 paesi andranno alle urne nel 2024

“L’elezione di Panama sarà una delle più complicate della sua storia moderna. Il referendum è stato caratterizzato da una maggiore frammentazione politica e dal malcontento sociale all’uscita Il presidente Laurentino CortizoLo ha detto Arantza Alonso, analista statunitense senior della società di consulenza sul rischio Verisk Maplecroft, prima dell’inizio del sondaggio.

La corsa presidenziale è rimasta in acque incerte fino a venerdì mattina, quando la Corte Suprema di Panama si è pronunciata a favore del principale candidato alla presidenza José Raúl Mulino consentito di operare. Ha affermato che era idoneo nonostante le accuse secondo cui la sua nomina non era valida perché non era stato eletto alle primarie.

Mulino è entrato tardi nella corsa per sostituire l’ex presidente Riccardo Martinelli Raggiungere obiettivi come candidato del partito. Il focoso Martinelli è stato interdetto dalle candidature a marzo dopo essere stato incarcerato per più di 10 anni per riciclaggio di denaro.

Martinelli, il magnate degli affari che è stato presidente di Panama dal 2009 al 2014, ha dominato gran parte della corsa. Ha condotto una campagna per il suo ex compagno dall’interno delle mura dell’ambasciata del Nicaragua Ha chiesto asilo a febbraio Dopo aver ricevuto asilo politico. Domenica mattina il Mulino è stato scortato dai fotografi all’interno dell’ambasciata del Nicaragua e ha avvolto Martinelli in un grande abbraccio, chiamandolo “fratello”.

READ  Elezioni in Russia: un sondaggio organizzato potrebbe dare a Putin un altro mandato

In assenza di Martinelli, Mulino mantenne il legame con l’ex presidente. Raramente si vede senza il suo cappello blu “Martinelli Mulino 2024” e si è impegnato ad aiutare Martinelli se eletto, una mossa accolta con favore dai sostenitori dell’ex presidente.

L’autista dell’autobus Juan Jose Tinoco, 63 anni, era tra quelli in coda fuori da un seggio elettorale nella zona costiera di Panama City. Tinoco, che vive in un quartiere operaio di piccole case di cemento circondate da grattacieli di lusso, ha detto che intende votare per Mulino perché è la cosa più vicina a Martinelli che può ottenere. Durante il mandato dell’ex presidente.

“Abbiamo servizi sanitari, istruzione, spazzatura nelle strade… e una corruzione che non scompare mai”, ha detto Tinoco. “Abbiamo soldi qui. È un paese di grande ricchezza, ma abbiamo bisogno di un leader che si dedichi ai bisogni di Panama.

Il Mulino aveva promesso di creare l’economia ronzante vista sotto Martinelli, e si è fermato di colpo Migrazione attraverso il Darien GapIl pericoloso tratto di giungla che collega Colombia e Panama è stato attraversato lo scorso anno da mezzo milione di migranti.

Nella mente di molti elettori ci sono le proteste anti-minerarie che hanno scosso il paese per settimane lo scorso anno e la siccità che ha di fatto bloccato il commercio attraverso il Canale di Panama.

Il messaggio di Mulino ha avuto risonanza tra molti elettori stufi dell’establishment politico di Panama, con molti come il 68enne autista Uber Emanuel Romero che concordano sul fatto che il paese ha bisogno di un cambiamento, ma con un nuovo leader.

READ  Serena Williams salta l'Australian Open per infortunio

L’auto di Romero era dipinta con gli striscioni del candidato Ricardo Lombana, che denunciava la corruzione e cercava i voti dei giovani panamensi desiderosi di cambiamento.

“Se vogliamo vedere la corruzione e il nostro Paese allo sbando, votiamo per le stesse persone. “Voterò per un indipendente, credo che farà cose migliori per salvare il Paese”, ha detto Romero.

Mulino è in testa con circa il 35% dei voti, mentre i suoi rivali sono più indietro. Secondo un sondaggio di marzo dell’Istituto panamense di studi civici, l’ex presidente Martin Torrijos era secondo con il 15%, mentre gli ex candidati alla presidenza Romulo Roux e Lombana hanno ricevuto rispettivamente il 14% e il 12%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto