Giugno 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Gli analisti affermano che le forniture alternative non saranno in grado di sostituire completamente il petrolio russo

Gli analisti affermano che le forniture alternative non saranno in grado di sostituire completamente il petrolio russo

Gli analisti hanno affermato martedì che, sebbene ci siano alternative al petrolio russo, saranno insufficienti o logisticamente difficili se gli Stati Uniti e i loro alleati vieteranno le importazioni di energia russa.

“Non c’è modo che nemmeno l’OPEC+ e persino l’Iran e il Venezuela messi insieme possano rimediare”, ha detto a Squawk Boxes Asia della CNBC Vandana Hari, fondatrice della società di intelligence energetica Vanda Insights.

La guerra della Russia in Ucraina non mostra segni di cedimento Gli Stati Uniti e gli alleati intervengono sul divieto delle importazioni russe di petrolio e gas naturale. prezzi del petrolio Dal 2008 ha raggiunto livelli senza precedenti, sebbene questi guadagni siano stati successivamente ridotti. C’era anche la preoccupazione che la Russia potesse rispondere interrompendo le forniture di gas naturale all’Europa.

Harry ha detto che certamente potrebbe sostituire alcune delle capacità russe.

Russia Esporta circa 5 milioni di barili di greggio al giornoSecondo l’Agenzia internazionale per l’energia. Harry ha detto che circa due milioni di persone potrebbero essere sostituite da tale importo se i membri dell’OPEC Arabia Saudita, Iraq, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti “possono aumentare le loro capacità allo stesso tempo al massimo delle loro potenzialità”.

Scelte di titoli e tendenze di investimento da CNBC Pro:

Tuttavia, Harry ha affermato che gran parte della capacità inutilizzata all’interno dell’OPEC e dei suoi alleati, noti come OPEC+, è anche russa.

Il problema, ha detto, è che l’OPEC+ dovrà “riaprire” il suo sistema di quote di produzione “e non sembra ancora propenso a fare nulla del genere”. Eventuali tagli o aumenti della produzione nei paesi OPEC+ sono misurati su base di riferimento: maggiore è questo numero, più petrolio un paese può pompare.

READ  Le azioni cinesi crollano mentre i timori normativi svaniscono

Regina Mayor, leader statunitense dell’energia e delle risorse naturali di KPMG, ha aggiunto che l’OPEC+ è “incredibilmente disciplinato su come riportare il petrolio greggio sul mercato”.

“Ci sono altre fonti di approvvigionamento di petrolio”, ha detto martedì alla CNBC. “È davvero discutibile la rapidità con cui possono iniziare online e la logistica per portarli dove ne hanno davvero bisogno”.

Altrove, si dice che anche gli Stati Uniti siano in trattative con il Venezuela per revocare le sanzioni sul suo petrolio, poiché sono fonti di alternative alla Russia.

Ma anche se quelle sanzioni fossero state revocate, Harry ha detto che libererebbe solo altri 100.000 barili al giorno dal Venezuela – “certamente nulla che potrebbe nemmeno avvicinarsi a compensare l’interruzione dell’approvvigionamento russo”.

Russia Il terzo produttore di petrolio al mondo Dopo gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita. È anche un file Il più grande esportatore di greggio verso i mercati mondiali E il più grande fornitore di gas naturale all’Unione Europea, circa il 43%.

La scorsa settimana, lo ha detto alla CNBC il capo dell’energia europea L’Unione Europea ha un piano di emergenza Nel caso in cui la Russia interrompesse le forniture di gas dal blocco. L’Unione Europea ha più volte parlato della necessità di diversificare i propri fornitori, ma questo non si è concretizzato. Ora, nel mezzo di una guerra in Ucraina sul fianco orientale, la Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, ha affermato di voler porre fine una volta per tutte a questa dipendenza dalla Russia.

Silvia Amaro della CNBC ha contribuito a questo rapporto.