Gli Stati Uniti sostengono il gas mentre il mondo si muove verso le energie rinnovabili

Secondo l’annuale Global Review of Electricity condotta dalla società di ricerca energetica Ember, la quantità di emissioni di elettricità e gas serra generate dalle centrali elettriche a combustibili fossili raggiungerà probabilmente il picco nel 2023. Ciò significa che la civiltà umana ha probabilmente superato un importante punto di svolta, secondo Imber: i paesi probabilmente non genereranno mai più così tanta elettricità dai combustibili fossili.

Lo scorso anno un record pari al 30% dell’elettricità mondiale proveniva da fonti energetiche rinnovabili, grazie soprattutto alla crescita dell’energia solare ed eolica. A partire da quest’anno, l’inquinamento derivante dal settore energetico inizierà probabilmente a diminuire, con un calo del 2% nella quantità di elettricità proveniente da combustibili fossili previsto per il 2024 – un declino che Ember prevede accelererà nel lungo termine.

“Una svolta importante nella storia dell’energia”

“Un calo delle emissioni del settore energetico è ormai inevitabile. Il 2023 sarà probabilmente il punto cruciale – un importante punto di svolta nella storia dell’energia”, ha affermato Dave Jones, direttore di Ember Insights, in una dichiarazione inviata via email. Dipende da quanto velocemente continuerà la rivoluzione delle energie rinnovabili”.

È una trasformazione che sarebbe potuta avvenire molto più rapidamente se non fosse stato per gli Stati Uniti, che sono già in atto Il più grande produttore di gas al mondo, Utilizzando quantità standard Gas l’anno scorso. Imber ritiene che senza gli Stati Uniti, la produzione di elettricità alimentata a gas sarebbe diminuita a livello globale nel 2023. Le economie globali, esclusi gli Stati Uniti, lo scorso anno hanno generato 62 terawattora in meno di elettricità alimentata a gas rispetto all’anno precedente. Ma gli Stati Uniti hanno aumentato la produzione di elettricità da gas di quasi il doppio di tale importo nello stesso arco di tempo, ovvero altri 115 terawattora di gas nel 2023.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Gran parte del problema è che gli Stati Uniti stanno sostituendo la maggior parte delle loro vecchie centrali elettriche alimentate a carbone, il combustibile fossile più sporco, con centrali alimentate a gas anziché con alternative prive di carbonio. “Gli Stati Uniti stanno sostituendo un combustibile fossile con un altro”, ha detto Jones. “Dopo due decenni di forte dipendenza dall’energia del gas, gli Stati Uniti hanno davanti a sé un grande viaggio per realizzare un sistema energetico veramente pulito”.

Secondo Ember, gli Stati Uniti ricavano solo il 23% della loro elettricità da energie rinnovabili, una percentuale inferiore alla media globale del 30%.

“Le tecnologie obsolete del secolo scorso non possono più competere con le massicce innovazioni e la caduta delle curve dei costi nel campo delle energie rinnovabili e dello stoccaggio”, ha affermato in una nota e-mail Christiana Figueres, ex segretaria esecutiva della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Il rapporto di Ember segue da vicino altre previsioni dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), che in ottobre ha descritto la transizione all’energia pulita come “inarrestabile”. Agenzia internazionale per l’energia Aspettatevi il picco della domanda globale di carbone, gas e petrolio in questo decennio (per tutti gli usi energetici, non solo per l’elettricità). Si prevede inoltre che le fonti energetiche rinnovabili costituiranno quasi il 50% del mix elettrico mondiale entro il 2030.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto