Settembre 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Guerra russo-ucraina: aggiornamenti in tempo reale e le ultime notizie

Guerra russo-ucraina: aggiornamenti in tempo reale e le ultime notizie

Przemysl, Polonia – Ogni notte a Przemysl Splendida stazione ferroviaria del 19° secoloUna fila di persone scende da carri affollati, in fuga dall’invasione russa dell’Ucraina.

Ma ogni sera, in quella stessa stazione ferroviaria, c’è anche una fila di persone che va dall’altra parte: verso la guerra.

Mentre il cielo si oscurava su Przemysl domenica, Chris, un soldato americano veterano, era in piedi con un gruppo di uomini forti, foulard sul viso, a guardia di una piccola montagna di zaini mimetizzati imbottiti di bende, sigilli pettorali, elmetti in Kevlar, piastre antiproiettile e altro Silenzio attrezzatura.

Accanto a lui c’era Andrey Shapur, un giovane ucraino che viveva in Polonia, un falegname, e ora desiderava lavorare in prima linea.

Perché se n’è andato?

«Impegno», disse semplicemente il signor Shapur.

Davanti a loro, apparentemente calma senza un briciolo di dubbio, Zhanna Koloshova aspettava.

“Se si arriva a questo, sono pronta a combattere”, ha detto la signora Koloshova, con uno sguardo feroce negli occhi azzurri, sfumature più scure del suo cappotto.

Stava tornando da Bruxelles, dove aveva lasciato i suoi due figli alle cure del fratello, cosa che le ha permesso di concentrarsi sullo sforzo bellico.

“Certo che temo, è normale”, ha detto per la prima volta la signora Koloshova, proprietaria di un’agenzia di viaggi dell’Ucraina occidentale, con voce tremante. “Ma questo è il nostro paese, e questa è la nostra guerra”.

Sono venuti nella nostra terra. La signora Koloshova ha detto dell’esercito russo, stringendo saldamente in uno zaino, le sue uniche borse.

Dietro di loro c’era Alex Buffestian, un biofisico di 53 anni altamente istruito a Leeds, in Inghilterra, che sentiva un forte desiderio di mollare tutto e tornare a casa per servire.

READ  Le azioni globali scendono con l'attacco della Russia all'Ucraina

I confini battuti dal vento di Polonia e Ucraina sono Centinaia di migliaia di rifugiati ucraini, per lo più donne e bambini, sono stati inondati dall’acquache hanno passato giorni a fuggire dall’escalation del conflitto.

Quando i rifugiati scendono dai treni, molti dei quali provenienti da Leopoli, nell’Ucraina occidentale, scendono da una rampa di fronte a un piccolo gruppo di persone desiderose, ciascuna per le proprie ragioni, di andare dall’altra parte.

Chris, un guerriero militare americano, che ha chiesto di non usare il suo cognome perché ha intenzione di unirsi brigata internazionale di combattimentoha detto che stava cercando un motivo per unirsi e questo sembrava più invitante.

“Le porte erano spalancate”, ha detto. “Gli ucraini hanno detto che avevano bisogno di aiuto. E c’è sicurezza nei numeri”.

“Se sto cercando di ottenere i miei soldi, probabilmente non durerò a lungo”, ha detto, riferendosi a un’altra lotta.

I treni circolano tra Przemysl e Leopoli dal 19° secolo, quando entrambe le città facevano parte dell’impero austro-ungarico. Prima della guerra, il volo non durò più di due ore. Ma in questi giorni, con così tante persone che cercano disperatamente di scappare, è pieno di ritardi e impiega più di 24 ore, che sono solo 60 miglia.

Buffestian, un biofisico, ha riempito le sue borse di salsiccia e formaggio così ha avuto qualcosa da mangiare lungo la strada. Era in fila con un enorme zaino blu anche se non era sull’aereo da ore. Ha detto che non aveva idea di cosa fosse in serbo per lui. Non sapeva come sarebbe arrivato da Leopoli a casa sua in prima linea nell’Ucraina orientale. O che servizio militare avrebbe fatto.

READ  L'Ucraina ha richiesto assistenza militare. Ecco come aiutano gli alleati

“Ma ero uno specialista in sistemi d’arma nell’esercito sovietico”, ha detto. “Sono sicuro che c’è qualcosa che posso fare.”

La guerra spesso fa vedere le cose più chiaramente. Quando il treno si è finalmente avvicinato all’Ucraina, le parole di addio di Chris sono state: “Non importa cosa succede lì, voglio essere onorevole, rispettoso e coraggioso”.