Il lancio dello Starliner della Boeing è stato ritardato fino alla fine di maggio per riparare una perdita di elio

18 maggio (UPI) — La prima missione spaziale con equipaggio della Boeing è stata nuovamente rinviata venerdì a causa di una perdita di elio in corso.

Veicolo spaziale adesso Il decollo è previsto per il 25 maggio Dopo che la NASA ha annullato il lancio previsto per martedì.

Il ritardo darà tempo alla squadra Continuare a valutare piccole perdite di elio L’agenzia ha detto nel modulo di servizio del veicolo spaziale.

Questo è l’ultimo di una serie di ritardi nella missione Starliner della Boeing, che dovrebbe inviare gli astronauti della NASA Barry “Butch” Wilmore e Sunita “Sonny” Williams alla Stazione Spaziale Internazionale.

Squadre di Starliner La fuga di notizie è stata scoperta mercoledì. Mentre la NASA ha affermato che la perdita è stabile e non rappresenterà un rischio durante il volo, Boeing sta sviluppando procedure per garantire che il sistema mantenga capacità prestazionali sufficienti e un’adeguata ridondanza durante il volo.

Il lancio del 6 maggio è stato annullato a causa di un malfunzionamento della valvola di regolazione della pressione del serbatoio di ossigeno del razzo ULA Atlas V, che avrebbe inviato lo Starliner nello spazio dalla stazione spaziale Cape Canaveral della NASA in Florida.

L’agenzia ha affermato che Wilmore e Williams sono in quarantena a Houston e ora dovrebbero tornare al Kennedy Space Center della NASA in Florida con l’avvicinarsi della nuova data di lancio.

La prima missione Starliner con equipaggio della Boeing Circa quattro anni di ritardo rispetto al programma. La prima missione senza pilota si è conclusa nel 2019 dopo che la navicella spaziale non è riuscita a incontrarsi con la Stazione Spaziale Internazionale. Boeing ha revisionato il programma con importanti aggiornamenti software e hardware e ha lanciato con successo una missione nel 2022.

READ  Test di volo dell'equipaggio del Boeing Starliner dell'ULA Atlas V

La società ha un contratto da oltre 4 miliardi di dollari con la NASA nell’ambito del Commercial Crew Program dell’agenzia, che ha sostituito il programma Space Shuttle dopo la sua conclusione nel 2011.

Nel frattempo, SpaceX, il cui contratto con la NASA vale 2,6 miliardi di dollari, ha portato 50 persone nello spazio in 13 missioni di successo.

La Boeing ha molti più problemi da affrontare a terra. L’ala dell’aviazione commerciale della compagnia è stata sottoposta ad un attento esame dopo che un fermaporta è volato via da un jet 737 Max dell’Alaska Airlines a gennaio.

Da gennaio sono stati segnalati diversi altri problemi con il Max 737. Il Dipartimento di Giustizia ha detto che aprirà un’indagine penale sull’incidente dell’Alaska Airlines.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto