Il Pentagono afferma che nessuno degli aiuti sbarcati dal molo statunitense al largo della costa di Gaza è stato consegnato alla popolazione palestinese nel suo insieme.



CNN

Nessuno degli aiuti è stato scaricato Un molo temporaneo istituito dagli Stati Uniti al largo della costa di Gaza Sono stati consegnati alla più ampia popolazione palestinese, ha detto martedì il Pentagono, mentre gli Stati Uniti collaborano con le Nazioni Unite e Israele per identificare vie di consegna sicure all’interno dell’enclave.

Diversi abitanti di Gaza disperati hanno bloccato i camion che trasportavano aiuti dal molo durante il fine settimana, spingendo le Nazioni Unite a sospendere le consegne fino a quando le sfide logistiche non fossero state risolte.

Gli Stati Uniti stanno lavorando con Israele e le Nazioni Unite per creare “rotte alternative” per la consegna sicura di 569 tonnellate di aiuti che sono state trasferite a Gaza dalla scorsa settimana, ha detto martedì il portavoce del Pentagono, il maggiore generale Pat Ryder.

Alla domanda se fossero stati consegnati aiuti alla popolazione di Gaza, Ryder ha detto: “Ad oggi, non credo”. Ha aggiunto che gli aiuti erano conservati nell’area di sosta sulla spiaggia, ma da martedì avevano cominciato a essere trasportati nei magazzini per la distribuzione in tutta Gaza man mano che venivano stabiliti percorsi alternativi.

Un funzionario statunitense ha detto alla CNN che il Dipartimento della Difesa e le Nazioni Unite stanno ancora lavorando per determinare quanti aiuti possono essere trattenuti nell’area di sosta all’interno di Gaza in un dato momento.

La quantità di aiuti che hanno raggiunto la costa di Gaza dalla zona di sosta iniziale a Cipro è stata inferiore alle stime iniziali del Pentagono.

Da venerdì, più di 569 tonnellate di aiuti umanitari sono stati consegnati attraverso il molo temporaneo, chiamato JLOTS, o Joint Logistics Across the Shore, alla costa di Gaza per essere distribuiti dai partner umanitari, ha detto Ryder. Ma l’ammiraglio Brad Cooper, comandante del comando centrale delle forze navali statunitensi, ha dichiarato la settimana scorsa che gli Stati Uniti sperano inizialmente di spostare 500 tonnellate di aiuti al giorno attraverso il molo, per poi espanderli nel tempo.

READ  È morto Kapuso, il cane dietro il meme "Doge".

Durante il fine settimana, mentre i camion cominciavano a trasportare gli aiuti consegnati sul molo galleggiante, la CNN ha riferito che un gruppo di uomini a Gaza ha intercettato gli aiuti, dicendo che non credevano che fossero effettivamente destinati al popolo palestinese.

“Ho dei dubbi”, ha detto alla CNN Mounir Ayyad, residente a Gaza, vicino al molo. “Non capisco questo bacino galleggiante, a cosa si riferisca o quale sia il suo scopo. Dicono che serva ad aiutare, ma la gente è preoccupata. Si tratta di aiuti o altro? “Sappiamo che gli Stati Uniti non hanno mai sostenuto la causa palestinese, quindi è irragionevole che ci forniscano assistenza senza ottenere qualcosa in cambio”.

Ryder ha riconosciuto martedì che parte degli aiuti iniziali portati a Gaza “sono stati intercettati da alcune persone che li avevano prelevati da quei veicoli”.

“Apprezziamo pienamente la disperazione, ma apprezziamo anche pienamente il fatto che è molto importante che questi aiuti arrivino alle persone che ne hanno più bisogno, e questo continuerà a essere il punto focale non funziona, o perché non funziona, ma ciò su cui ci stiamo concentrando è come possiamo lavorare per garantire che il popolo palestinese riceva aiuti.

Pentagono ha detto in aprile L’obiettivo era consegnare circa 500 tonnellate di aiuti – l’equivalente di 90 camion – al giorno agli abitanti di Gaza affamati, con l’intenzione di utilizzare fino a 150 camion al giorno. Il marciapiede era finalmente lì Diretto a Gaza La settimana scorsa la situazione umanitaria nell’enclave è peggiorata.

Sonali Korde, vicedirettore dell’Ufficio di assistenza umanitaria dell’USAID, ha affermato la settimana scorsa che le condizioni a Gaza “non sono migliorate e nelle ultime due settimane abbiamo assistito alla chiusura di un passaggio di frontiera fondamentale, in un momento in cui è fondamentale che noi vedere più movimenti per gli aiuti.” In tutta Gaza, 2,2 milioni di persone, la popolazione totale, affrontano una grave insicurezza alimentare.

READ  Un gatto cade in una vasca piena di sostanze chimiche tossiche e fugge, scatenando un avvertimento in una città giapponese

Ho affrontato gli Stati Uniti Una serie di sfide e il molo, compresa la pianificazione delle operazioni israeliane a Rafah, che potrebbe sollevare preoccupazioni in materia di sicurezza; Prime questioni su chi trasporterà gli aiuti dal molo a Gaza, dove gli Stati Uniti hanno più volte affermato che non ci saranno truppe americane sul terreno; E le sfide logistiche come le condizioni del mare e del tempo possono continuare a limitare la capacità di utilizzarli.

Ryder ha detto martedì che gli Stati Uniti continuano a spingere affinché gli aiuti vengano consegnati in altri modi, anche via terra. Ha aggiunto che il segretario alla Difesa Lloyd Austin continua a tenere colloqui con la sua controparte israeliana sugli sforzi per fornire aiuti attraverso i valichi terrestri, compreso il valico di Rafah.

Quando il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, ha incontrato i funzionari israeliani durante il suo viaggio in Medio Oriente lo scorso fine settimana, gli israeliani hanno offerto le loro ultime riflessioni su una potenziale incursione a Rafah, durante la quale la parte americana ha posto molte “domande difficili”. Secondo un alto funzionario dell’amministrazione. Questa persona ha indicato che le due parti avrebbero continuato quelle discussioni, ma gli israeliani stavano ancora incorporando i commenti e le preoccupazioni americane mentre continuavano a lavorare su quei piani. Il funzionario ha aggiunto che le due parti condividono l’obiettivo comune di distruggere Hamas.

Nell’ambito dei colloqui con gli israeliani, i funzionari statunitensi hanno anche avanzato una serie di “richieste specifiche” riguardo agli aiuti umanitari, che hanno accettato di attuare, secondo il funzionario.

Una di queste richieste prevedeva di contribuire a facilitare la distribuzione degli aiuti convincendo gli israeliani ad accettare di consentire che gli aiuti scansionati a Cipro fossero inviati direttamente al porto israeliano di Ashdod, aggirando l’Egitto. Attualmente, le merci che non vengono trasportate a Gaza tramite il molo devono passare attraverso l’Egitto per essere ispezionate prima di entrare nella Striscia.

READ  Disordini: dodici feriti a bordo del volo Doha-Dublino

“Penso che i colloqui siano stati molto costruttivi e ora non vediamo l’ora di vedere nei prossimi giorni parte di ciò che è stato concordato qui”, ha detto il funzionario.

Solo martedì, secondo questa persona, a Gaza sono stati distribuiti più di 370 pallet di aiuti.

Gli Stati Uniti hanno anche condotto una serie di lanci di aiuti umanitari a Gaza in collaborazione con la Royal Jordanian Air Force. Non è chiaro con quale regolarità queste cose continueranno; Rader ha detto martedì che questa è “un’opzione a nostra disposizione”, ma ha rifiutato di dire se tali sforzi continueranno “in futuro”.

L’ultimo lancio di aiuti umanitari annunciato dal Comando Centrale degli Stati Uniti è stato effettuato il 9 maggio.

“Questo non è un singolo sforzo militare americano, è uno sforzo interagenzia. Comprendiamo il disperato bisogno del popolo palestinese in questo momento”, ha detto Ryder riguardo allo sforzo di portare aiuti a Gaza continuare a lavorare per dare loro ciò di cui hanno bisogno”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

Sam Fossum, Kayla Tosh e MJ Lee della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto