Il razzo Starship di SpaceX completa con successo il suo primo ritorno dallo spazio

Il lancio del suo enorme razzo Starship da parte di SpaceX giovedì ha raggiunto una serie di obiettivi ambiziosi fissati da Elon Musk, CEO dell’azienda, in vista del quarto volo di prova.

La navicella spaziale Starship è decollata dalla rampa di lancio alle 7:50 nel sud del Texas, vicino a Brownsville, verso il cielo.

Dopo essere scesa dallo stadio superiore, la navicella è stata in grado di effettuare un atterraggio dolce nel Golfo del Messico mentre la navicella spaziale nel secondo stadio ha viaggiato dall’altra parte del mondo, sopravvivendo alle temperature torride al rientro ed effettuando un atterraggio controllato. , nell’Oceano Indiano.

Il viaggio non è stato impeccabile e permangono difficili ostacoli tecnici. I successi, che superano quanto ottenuto durante il precedente volo di prova di marzo, hanno offerto ottimismo sul fatto che Musk potesse realizzare la sua visione di un razzo che sia il più grande e potente ma completamente riutilizzabile.

Il risultato aiuta anche a convalidare l’approccio ingegneristico “rompere e aggiustare” dell’azienda, con progressi costanti dal primo lancio di prova nell’aprile dello scorso anno, quando il razzo dovette essere deliberatamente distrutto quando virò fuori rotta.

Daniele L. ha detto: “Stanno dimostrando la capacità di fare progressi più rapidamente di quanto pensassimo che fossero capaci”, ha affermato Dombacher, direttore esecutivo dell’American Institute of Aeronautics and Astronautics, una società professionale per ingegneri. “Hanno una squadra che sa cosa sta facendo, è disposta a imparare e, cosa altrettanto importante, non è vincolata a presupposti precedenti”.

Se il veicolo spaziale potesse volare ripetutamente, più come un jet che come un razzo tradizionale, potrebbe trasformare un’industria globale dei lanci spaziali che SpaceX già domina.

READ  SpaceX ha lanciato un razzo Falcon 9 nella sua ventesima missione da record

Il volo di oggi sarà probabilmente incoraggiante anche per i funzionari della NASA. Contano su SpaceX per fornire una versione di Starship per trasportare gli astronauti sulla superficie lunare durante la missione Artemis III della NASA, attualmente prevista per la fine del 2026.

Bill Nelson, amministratore della NASA, si è congratulato con X, il sito di social networking di proprietà di Musk.

“Siamo un passo avanti verso il ritorno dell’umanità sulla Luna tramite Artemis, e poi aspettiamo con ansia Marte”, ha scritto.

Dopo aver raggiunto un’altitudine di circa 130 miglia, la navicella è tornata sulla Terra, come previsto, ed è rientrata nell’atmosfera. Le telecamere sulla navicella spaziale hanno catturato un bagliore vibrante proveniente dai gas che si riscaldavano al di sotto.

Ad un’altitudine di circa 30 miglia, pezzi iniziarono a staccarsi da uno dei pannelli di guida vicino alla parte superiore della navicella, con i pannelli ancora funzionanti. La visuale della telecamera è stata quindi ostruita dai detriti che hanno rotto l’obiettivo.

“La domanda è: quanta parte della nave è rimasta?”, ha detto Kate Tice, conduttrice di SpaceX.

I dati in tempo reale hanno continuato a rifluire, trasmessi tramite i satelliti Internet Starlink di SpaceX, al quartier generale dell’azienda a Hawthorne, in California, fino a quando l’altitudine è stata segnalata a 0, la superficie dell’Oceano Indiano.

L’ultima accensione del motore ha ribaltato la navicella in posizione verticale appena prima dell’atterraggio.

“Dal sud del Texas all’altro lato della Terra, la navicella spaziale è nell’acqua”, ha detto Dan Huett, un altro conduttore di webcast di SpaceX. “che giornata.”

La copertura danneggiata e la perdita di piastrelle refrattarie indicano che sono ancora necessari miglioramenti significativi. Altrimenti, il veicolo spaziale, come le navette spaziali, richiederebbe un’ampia ristrutturazione dopo ogni volo.

“Ma è tutto risolvibile”, ha detto Dombacher. “È un passo nella giusta direzione e ce ne sono altri da compiere”.

All’inizio del volo, il primo stadio del razzo, il gigantesco booster Super Heavy è stato anche in grado di eseguire manovre che lo riporteranno in futuro al sito di lancio. Su questo volo ha simulato un simile atterraggio atterrando nel Golfo del Messico. Tutti e tre i precedenti tentativi di questa impresa si sono conclusi con esplosioni.

Con il veicolo Starship posizionato sopra il booster Super Heavy, il razzo è il più alto di sempre: misura 397 piedi di altezza, o circa 90 piedi più alto della Statua della Libertà, base inclusa.

Il Super Heavy ha 33 dei potenti motori Raptor di SpaceX che sporgono dal fondo.

Quando questi motori sollevano la navicella dalla rampa di lancio, generano fino a 16 milioni di libbre di spinta a tutto gas. Durante questo volo, uno dei motori non si è acceso, ma ciò non gli ha impedito di continuare il suo viaggio nello spazio.

Qualche settimana fa, dopo un lancio di prova riuscito, Musk ha scritto su X che per questo volo “l’obiettivo principale è ottenere il massimo riscaldamento al ritorno”.

In altre parole, non voleva che l’auto bruciasse. Giovedì non lo ha fatto.

READ  Il lancio dell'equipaggio SpaceX Crew-8 della NASA è stato rinviato a domenica sera a causa del maltempo

I lanci della Starship hanno attirato spettatori sul sito di lancio di SpaceX vicino alla punta meridionale del Texas.

Giovedì si sono seduti sulle sedie a sdraio o in cima a camioncini e camper ascoltando le trasmissioni di SpaceX. Mentre il conto alla rovescia continua.

“Quello che stanno facendo qui è pazzesco”, ha detto Chris Thomassen, che ha viaggiato dai Paesi Bassi per assistere al lancio, si è accampato per tre giorni sulla spiaggia vicino alla rampa di lancio e poi si è trasferito in un luogo ai margini della zona di sicurezza. Zona di esclusione.

Robert Opel, 56 anni, ha montato una tenda fuori dal sito di lancio quattro giorni prima del lancio, giovedì. Era così determinato a vedere il decollo da vicino che organizzò un viaggio attraverso il Rio Grande fino al Messico, situato a poche miglia dalla rampa di lancio.

“È come se tutti i tuoi compleanni fossero concentrati in un solo giorno”, ha detto Opel, aggiungendo che questo era il quarto dei quattro lanci di Starship a cui aveva assistito.

Eric Lipton Contributo con reportage da Boca Chica, Texas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto