Mentre Celtics e Mavs si preparano per Gara 2, Jason Kidd sceglie di giocare con la testa

BOSTON — È come se i dirigenti marketing della NBA si fossero riuniti qualche giorno fa per riflettere su questa domanda: cosa si potrebbe fare per portare un ulteriore livello di intrighi a livello di soap opera alle finali NBA tra Boston Celtics e Dallas Mavericks?

Una mano si alzò nella sala conferenze. Uno dei ragazzi talenti del marketing ha avuto un’idea: “Ho capito! Inventiamo questa storia sulla rivalità nello spogliatoio dei Celtics tra Jayson Tatum e Jaylen Brown. Faremo sì che le persone si chiedano se non si piacciono, e che tutti pensano di fare.” Il miglior giocatore della squadra si venderà come il pane!

Tutti nella stanza: “Oh, questo ragazzo è più vecchio degli Horford. È stato fatto.”

Ragazzo intelligente nel marketing: “Ma se potessimo convincere l’altro allenatore a dirlo?”

Tutti nella stanza: “Awww!”

approfondire

Vai più in profondità

Jason Kidd definisce Jaylen Brown, non Tatum, il “miglior giocatore” dei Celtics.

Bene, eccoci qui. Guidati dai loro migliori giocatori, i Celtics cercheranno di andare 2-0 quando ospiteranno i Mavericks domenica sera al TD Garden. E il loro miglior giocatore, secondo l’allenatore dei Mavs Jason Kidd, è… Jaylen Brown!

Durante la sua apparizione ad una mischia mediatica programmata sabato pomeriggio al TD Garden, Kidd ha fatto molto più che limitarsi a nominare Brown MVP dei Celtics. Lui due volte È stato nominato Brown MVP dei Celtics, nel caso in cui se lo fosse perso la prima volta perché stavano twittando la risposta di Kidd alla domanda precedente, qualcosa su Luka Dončić e Kyrie Irving che entravano di più in campo in Gara 2.

Ecco la domanda e la risposta complete:

Domanda: “Cosa rende così difficile affrontare qualcuno come Jaylen?”

Kidd: “Beh, Jaylen è il loro miglior giocatore. Guardando quello che fa in difesa, ha dominato Luka su tutto il campo. È arrivato sulla linea del tiro libero, questo è quello che fa il tuo miglior giocatore gioca su entrambe le fasce, difesa e attacco, ad un ritmo elevato e lo stava facendo…”

Ed è andata così. Ai bei vecchi tempi del Boston Garden originale, gli allenatori avversari si lamentavano dei punti morti sul parquet e di come il defunto, grande Red Auerbach, allenatore/direttore generale dei Celtics, avrebbe presumibilmente chiuso l’acqua calda nello spogliatoio degli ospiti. . Oppure alza il fuoco. Qualunque cosa. Qui nel 21° secolo, dove tutti cercano su Google cosa dicono gli altri di loro sui social media, abbiamo l’allenatore avversario che afferra con entrambe le mani il dibattito tra Tatum e Brown.

approfondire

Vai più in profondità

Hollinger: Se le stelle dei Mavs non riescono a battere i Celtics 1 contro 1, questa serie sarà finita

Ora è del tutto possibile che Kidd non avesse tali intenzioni in mente quando ha fatto quella dichiarazione. È solo che Kidd ha giocato nella NBA dal 1994 al 2013, il che significa che il dispositivo di Google se la stava cavando piuttosto bene nell’ultimo periodo dei suoi anni in uniforme. Inoltre, ha iniziato la sua carriera da allenatore nel 2013. Sa, come nessun altro, come funzionano i social media. solo noi Tutto L’allenatore in ogni sport sa come lavorare.

Bill Belichick, durante i suoi anni da allenatore dei New England Patriots, pensa di non sapere nulla dei social media? Una volta, durante la preparazione del Super Bowl LII contro i Philadelphia Eagles, rispose alla domanda di qualcuno dicendo: “Cos’è quello, sulla tua faccia o qualcosa del genere?”

READ  Risultati, partite e aggiornamenti del torneo NCAA 2024: segui lo streaming live di March Madness sabato

Belichick, ovviamente, era a conoscenza di tutto ciò che riguardava la sua squadra che rimbalzava sui social media.

In questo spirito, si può dire con certezza che Red Auerbach avrebbe apprezzato ciò che Jason Kidd stava cercando di fare. Cos’è, dire qualcosa, fare qualcosa, che potrebbe dare un vantaggio a un allenatore? Lasciatemi eliminare la reazione di Reed se fosse ancora in giro: nel profondo, gli sarebbe piaciuto moltissimo. Ricorda, Auerbach è sempre stato contrario all’idea di una squadra NBA con “tifosi”, ma poi Wick Groesbeck e Steve Pagliuca acquistarono la squadra e fecero un pellegrinaggio a casa di Reid a Washington, D.C., per cercare le benedizioni del patriarca dei Celtics. . Una delle cose che chiedevano era il concetto di quello che sarebbe diventato “The Celtic Dancers”. Una volta spiegato che l’idea poteva essere monetizzata come parte di una presentazione in-game, Red si è unito al gioco.

Quindi sì, Auerbach aveva capito un’idea Di Kid che cercava di fare questi giochetti mentali, anche se dubitava che avrebbe fatto una grande differenza.

Per quanto riguarda il modo in cui Brown ha reagito a tutto questo, probabilmente non ti sorprenderà il fatto che per lo più abbia semplicemente preso nota di Kidd e l’abbia lasciata sola.

“Non ho alcuna reazione”, ha detto Brown. Alla domanda in seguito sul perché Kidd avesse detto una cosa del genere, Brown ha risposto: “Non lo so, è un gioco di squadra. Stiamo cercando di concentrarci su questo e, sai, ognuno ha le proprie opinioni.

E c’è stato questo scambio:

Domanda: Un modo per interpretare i commenti di Jason Kidd è provare a creare una rivalità che potrebbe danneggiare la squadra. Perché pensi che ci sia la percezione che non sei felice di essere compagni di squadra, di condividere la palla e tutto il resto?

READ  La comunità del baseball di Baltimora, i legislatori stanno rendendo omaggio al proprietario degli Orioles, Peter Angelos

Brown: “Non ne sono sicuro. Ma eravamo così concentrati sui nostri ruoli e sul nostro lavoro che abbiamo dovuto sacrificarci tutti ai massimi livelli, giusto Rispettolo e tanto di cappello per questo In questo momento, in questa fase, tutto ciò che serve è una vittoria e non possiamo permettere che alcuna spiegazione esterna cerchi di intromettersi tra noi.

E se qualcuno si aspettava che l’offeso Tatum recasse qualche offesa nella stanza delle interviste… beh, no.

“Non c’è alcuna reazione”, ha detto. “Questo è uno sport di squadra. Lo capiamo. Non saremmo qui se non avessimo JB nella nostra squadra, e possiamo dirlo per molti giocatori, giusto? Abbiamo tutti avuto un ruolo nel ottenere dove siamo adesso, e capiamo che le persone stanno cercando di creare un cuneo.” Detto tra noi, penso che sia una cosa intelligente da fare o provare a fare. Siamo in questa situazione da molti anni, di persone che cercano di dividere noi e diciamo che uno di noi dovrebbe essere scambiato o che uno di noi è migliore dell’altro, quindi questa non è la nostra prima volta in un rodeo Cows.

Né è un complotto. Ma il rodeo continua ad evolversi e per molto tempo ha comportato il dire cose che potevano volare in aria e atterrare nella testa del giocatore avversario.

Si sperava di restare lì.

(Foto: Garrett Elwood/NBAE tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto