Giugno 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Infuria la polemica sulla scelta del James Beard Award da parte del ristoratore del Minnesota

Infuria la polemica sulla scelta del James Beard Award da parte del ristoratore del Minnesota

Giovedì online è scoppiata la polemica sul riconoscimento di un ristoratore del Minnesota che è stato selezionato nelle semifinali di mercoledì per il James Beard Foundation Award.

Kim Bartman, proprietario del Gruppo Bartman, lo è In semifinale Nella categoria Distinguished Restaurateur, che premia un ristoratore “che usa la sua organizzazione come veicolo per costruire comunità, dimostra creatività imprenditoriale, integrità nelle operazioni di ristorazione e si impegna a creare una cultura del lavoro sostenibile”. Bartmann è stato precedentemente nominato in questa categoria nel 2013 e nel 2015.

Bartman, proprietaria di sette ristoranti a Minneapolis, è stata presa di mira nel 2020 dopo che i dipendenti hanno affermato di aver licenziato i lavoratori durante la chiusura della pandemia di COVID-19. senza dar loro l’ultimo stipendio. L’ufficio del procuratore generale del Minnesota Keith Ellison ha avviato un’indagine nel 2020 e ha scoperto che Bartman non è riuscito a risarcire i lavoratori per gli straordinari, oltre alla perdita di stipendio.

Gruppo Bartman raggiunto un accordo nel 2021 per oltre $ 230.000, che includevano quasi $ 99.000 di salari arretrati e più di $ 66.000 di straordinari che Bartman aveva già pagato ai dipendenti. Come parte dell’accordo, il gruppo ha dovuto pagare poco più di $ 66.000 di danni aggiuntivi. Legalmente, l’accordo non è un’ammissione di colpa o l’equivalente di una condanna.

I commentatori sui social media, inclusi gli ex dipendenti del Bartman Group, hanno parlato giovedì di quella che vedono come una violazione dei James Beard Awards. codice di comportamento, che elenca il “furto di stipendi o gratifiche” come esercizio in violazione del valore dei premi. Diversi commentatori hanno esortato le persone a scrivere all’indirizzo e-mail dell’organizzazione che va al Comitato Etico.

READ  Ben Baller consegna a Kanye un ultimatum a catena per la faida di Cody Kidd

Bartman ha detto giovedì che “non ha violato” il codice etico della Byrd Foundation e “non lo ha violato”.

“Dirò solo che il tappo gastrico è completamente operativo”, ha detto Bartmann. “Il doppio standard è più forte che mai. Il mondo è ancora pieno di misoginia, troll e calunnie.”

Ha detto di non aver visto il commento sui social media sui premi, ma ha detto di essere “onorata di qualificarsi per le semifinali per la terza volta”.

“Ho fatto un ottimo lavoro per 30 anni”, ha aggiunto. “Ho aiutato molte organizzazioni no profit in questa città, molti giovani imprenditori, artisti e musicisti. Questa è una parte del business della ristorazione che mi appassiona”.

La polemica arriva in un momento cruciale per i prestigiosi James Beard Awards, che tornano nel 2022 dopo una pausa di due anni a causa della pandemia – e Un resoconto interno della diversità.

Durante quel periodo, la fondazione è stata sottoposta a “un controllo completo delle sue politiche e procedure, continuando il lavoro per rimuovere i pregiudizi, aumentare la trasparenza e l’accessibilità e portare il programma più in linea con la missione e i valori della fondazione”, secondo la dichiarazione.

Adrian Miller, presidente, e Alicia Vermillion, vicepresidente del James Beard Restaurant and Chef Awards Committee, hanno risposto a una domanda di Star Tribune sul processo di verifica dei premi e sulla controversia relativa al riconoscimento di Bartmann, dicendo di aver utilizzato “consulenti esterni” per selezionare il semifinalisti e nominati dal veterinario.

“Sebbene abbiamo fatto ogni passo per garantire che i partecipanti ai nostri programmi siano in linea con i valori della James Beard Foundation, sappiamo che nessun sistema è infallibile”, hanno scritto in una nota. “Sosteniamo inequivocabilmente i diritti dei lavoratori”.

READ  La coppia reale britannica intraprende un tour dei Caraibi dopo aver protestato in Belize

Miller e Vermillion hanno invitato le persone a segnalare le accuse di violazione del Codice Etico della Fondazione a Awardsethics@jamesbeard.org, dove le accuse saranno esaminate in modo indipendente dal Comitato Etico.

Pongweng Lee, fotografo e scrittore di cibo con sede a Kansas City legato alle Twin Cities, è stato a lungo giudice del Midwest per i James Beard Awards. Libri sul dibattito morale 2020 per il sito mangiatore. “In termini di Beard Awards, c’è molta ironia qui.

“Una delle cose che ho trovato problematiche sul modo in cui la JBFA ha gestito i premi 2020 è che c’erano accuse non verificate, infondate e alcune anonime contro alcuni dei candidati”, ha detto Lee, che non conosceva Bartman e il suo gruppo di ristoranti . . “I James Beard Awards stavano cercando di essere un giudice e una giuria in situazioni in cui non avevano davvero tutte le informazioni.

“[The Beard Awards] Ho creato questo problema. Hai cercato di essere tutto per tutte le persone. È ora di sedersi e scoprire cos’è l’istituzione e quali sono i premi. Tutti noi prevediamo l’equità quando non sappiamo cosa sia l’equità”.

Con la nomina di Bartman, ha detto, “forse stanno cercando di sfuggire a questo”.