La domanda di consegna di cibo è salita alle stelle. Quindi hai delle lamentele

BOSTON (AP) – La crescente domanda di cibo consegnato rapidamente ha portato all’emergere di piccoli eserciti di corrieri – e ad una maggiore ansia – nelle principali città mentre scooter, motociclette e scooter si intrecciano dentro e fuori dal traffico e saltano sui marciapiedi pieni di pedoni come loro gli autisti corrono per far cadere insalate e panini.

I funzionari di Boston, New York e Washington, D.C., hanno iniziato a reprimere le società di consegna emettendo lettere di avvertimento, sequestrando veicoli registrati o guidati illegalmente e avviando speciali pattuglie stradali per far rispettare i limiti di velocità. La reazione non si limita agli Stati Uniti: ci sono state una serie di repressioni anche a Londra e in altre città britanniche.

Da parte loro, le società di consegna si sono impegnate a collaborare con i funzionari della città per garantire che tutti i loro autisti lavorino legalmente e in sicurezza.

In una lettera di questa settimana alle società di consegna di cibo DoorDash, Grubhub e Uber, i funzionari di Boston hanno citato un “aumento allarmante del traffico illegale e pericoloso di motociclette, scooter e ciclomotori” che, secondo loro, mette conducenti, altri automobilisti e pedoni in “imminente pericolo”. .” “.

La lettera affermava che alcuni conducenti guidavano veicoli non immatricolati e violavano il codice della strada e avvertiva di un’imminente repressione sui veicoli. Ha inoltre invitato le aziende a spiegare come possono garantire che i loro autisti lavorino in sicurezza. La polizia di stato del Massachusetts ha dichiarato di aver identificato dozzine di scooter e ciclomotori immatricolati in modo improprio o guidati da conducenti senza licenza. Quattordici motociclette e ciclomotori illegali sono stati sequestrati mercoledì in un solo quartiere di Boston.

A New York City, quest’anno le autorità hanno confiscato finora 13.000 motociclette e ciclomotori; Mercoledì hanno schiacciato più di 200 motociclette illegali e altri veicoli per le consegne. Nel frattempo, le autorità di Washington, DC, hanno lanciato mercoledì un programma chiamato Operation Ride Right per garantire che i guidatori di due ruote rispettino la legge. Sin dall’inizio le autorità hanno arrestato cinque persone e confiscato 17 motociclette.

READ  Il jackpot del Powerball sale a 1,23 miliardi di dollari dopo che quasi nessun biglietto ha vinto il jackpot da 1,09 miliardi di dollari

“Hanno terrorizzato molti dei nostri pedoni, in particolare i nostri anziani e i nostri anziani”, ha detto mercoledì il sindaco di New York City Eric Adams in un evento in cui i veicoli a due ruote per le consegne sono stati distrutti. “I ciclisti che credono che le regole non si applichino a loro vedranno in atto una rigorosa politica di applicazione”.

Quando i servizi di consegna di cibo sono riemersi in grande stile durante la pandemia di COVID-19, la maggior parte dei conducenti ha utilizzato le auto per consegnare il pasto. Ciò ha portato ad un aumento della congestione del traffico, spingendo a passare alle motociclette e ad altri mezzi di trasporto a due ruote.

Gli autisti, molti dei quali sono immigrati dai paesi dell’America Latina ma anche dall’Africa occidentale e dall’Asia meridionale, affermano che stanno solo cercando di guadagnarsi da vivere e di offrire un servizio per consegnare rapidamente il cibo ai clienti.

“Non siamo tutti cattivi”, ha detto Luis Lopez, un fattorino della Repubblica Dominicana che ha parlato venerdì con l’Associated Press dalla sua moto in una zona con diversi fast food vicino alla Biblioteca pubblica di Boston. “Veniamo a lavorare, per guadagnarci da vivere, pagare l’affitto e mandare qualcosa in cambio alle nostre famiglie”.

Lopez, che è arrivato negli Stati Uniti circa tre anni fa, ha riconosciuto che alcuni conducenti non hanno la patente o guidano veicoli non immatricolati, e li ha visti passare con il semaforo rosso sui marciapiedi, minacciando i pedoni. Ha detto che alcune persone sono così sconsiderate da mettere in pericolo gli altri corrieri.

Ha detto che era tra un gruppo di 10 fattorini fuori da un negozio Chick-fil-A giovedì sera quando un agente di polizia si è avvicinato a loro con un volantino che descriveva come registrare i loro scooter e ciclomotori. L’intero gruppo ha accettato di farlo.

READ  Veicoli più intelligenti potrebbero significare grandi cambiamenti nella segnaletica stradale

“Dobbiamo rispettare la legge”, ha detto, parlando in spagnolo. “Rispetteremo la legge finché non ci permetteranno di lavorare qui”.

Gli autisti di due ruote sono soggetti a controlli molto più accurati rispetto ad altri lavoratori del settore automobilistico, come gli autisti di Uber e Lyft, affrontati anni fa perché possono violare le leggi sul traffico più facilmente, ha affermato Hilary Robinson, assistente professore di diritto. e Sociologia alla Northeastern University.

Il passaggio ai veicoli “è davvero uno sforzo per liberare manodopera a basso salario e ad alto rischio in modo che tutti possiamo avere beni e servizi a basso costo”, ha affermato Robinson. “Questo è probabilmente uno dei motivi per cui le persone si rendono conto che non esiste davvero un pranzo gratis.”

William Medina, un fattorino di New York e leader organizzativo della campagna Los Deliveristas Unidos, incolpa le società di consegna.

“Questo è un problema che è iniziato perché le aziende ti costringono a completare le consegne da lunghe distanze”, ha detto venerdì in un’intervista telefonica. Medina ha iniziato consegnando cibo in bicicletta, poi è passata a una bici elettrica e ora usa una motocicletta per fare lunghi viaggi.

“Se devi completare una consegna di 6 miglia, o 7 miglia, la completi”, ha detto.

Tra coloro che sostengono un’applicazione più rigorosa a Boston c’è il consigliere comunale Edward Flynn, che ha dichiarato su Facebook: “Non può più essere il selvaggio West per le strade di Boston”.

“Tutti coloro che utilizzano le strade cittadine devono rispettare le regole della strada. Se sei in grado di andare a 25 miglia all’ora come un’auto, devi avere la licenza, essere registrato e avere un’assicurazione di responsabilità civile in caso di incidente o infortunio”, ha scritto.

Alcuni residenti di Boston sostengono misure più severe contro gli scooter.

READ  AMC è pronta a trarre profitto dai trader di azioni Meme, facendo salire le azioni

“Mi sento frustrata quando non rispettano le leggi sul traffico”, ha detto Anne Kirby, una studentessa di 25 anni che pranza in un quartiere di Boston a poche centinaia di metri da diverse motociclette. “Mi sento come se venissi colpito quasi ogni giorno quando attraversano le strisce pedonali quando non è il loro turno di andare.”

Ma Jaya Samuel, una lavoratrice ospedaliera di 25 anni di Boston, era più combattuta. Ha detto di essere d’accordo sul fatto che le biciclette per le consegne possono essere pericolose, ma ha anche riconosciuto che fa molto affidamento sui servizi di consegna per il suo cibo.

“Penso che sia un po’ pericoloso, zigzagare tra le auto e non fermarsi al semaforo rosso”, ha detto. “Ma sento che tutti dovrebbero essere in grado di guadagnarsi da vivere, quindi chi sono io per dire qualcosa? Sarebbe un peccato per me. Mi prenderei un duro colpo dalla repressione nei loro confronti. Ordino molto da Uber Eats, DoorDash. “

Tre importanti servizi di consegna di cibo si sono impegnati a collaborare con funzionari e sostenitori del quartiere per affrontare il problema.

“La stragrande maggioranza dei Dasher sta facendo la cosa giusta e, come tutti i conducenti, deve seguire le regole della strada. Se non lo fanno, ne affrontano le conseguenze, proprio come tutti gli altri”, ha detto DoorDash in una dichiarazione mercoledì.

Grubhub ha affermato che i suoi dipendenti accettano già di rispettare tutte le leggi sul traffico locale. “Sebbene la legge venga applicata meglio dalla polizia, prendiamo sul serio la sicurezza e prenderemo provvedimenti per affrontare eventuali segnalazioni di guida non sicura”, ha affermato giovedì la società in una nota.

___

Gli scrittori dell’Associated Press Michael Warren a Decatur, Georgia, e Lisa J. Adams Wagner a Evans, Georgia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto