La parata del quarto inning di Edwin Diaz portò alla sconfitta dei New York Mets

NEW YORK – Le trombe hanno suonato a tutto volume quando Edwin Diaz è emerso dal bullpen poco dopo le 16:00 di sabato al Citi Field. I fan hanno applaudito e ballato al ritmo del popolare canto di uscita mentre la stagione 2022 si avvicinava. Hanno esultato di nuovo quando è stato presentato come lanciatore dei New York Mets con un vantaggio di un punto sui San Francisco Giants nel nono inning.

Diaz, dopo una settimana di retrocessione di ruolo, stava concludendo una partita come ai vecchi tempi nel Queens. Ma per Diaz questi non sono più come ai vecchi tempi.

Il suo recente disastroso allungamento è continuato sabato con un’altra parata fallita, questa volta sul singolo RBI di LaMonte Wade Jr. che alla fine ha spinto la partita a un inning extra. I Giants poi sono esplosi per cinque punti nel 10° inning e hanno vinto la seconda volta consecutiva aprendo la serie, una decisione 7-2.

Diaz ha ora perso un vantaggio in quattro apparizioni consecutive al nono inning. Non effettua parate dal 6 maggio. Ha realizzato quattro parate in nove occasioni in questa stagione.

“È il nostro più vicino”, ha detto il manager dei Mets Carlos Mendoza dopo che la sua squadra è scesa sul 21-30 con la sconfitta. “Per vincere le partite e arrivare dove vogliamo essere, lui ha bisogno di lanciare. Sentivo che quello era il posto giusto”.

READ  40 La migliore marche automazione cancelli del 2022 - Non acquistare una marche automazione cancelli finché non leggi QUESTO!

I Mets hanno perso cinque partite consecutive e 12 delle ultime 15. A maggio sono andati 6-16 e sono stati rapidamente eliminati dalla postseason. Diversi dipartimenti hanno faticato lungo il percorso, ma le loro lotte ravvicinate da 102 milioni di dollari sono state le più significative.

“Sì, penso di sì,” ha detto Diaz, 30 anni, quando gli è stato chiesto se si sente ancora come se la squadra fosse più vicina. “Penso di dover fare meglio il mio lavoro, ma mi sento come il ragazzo del nono inning, come dicono sempre. Mi sento così. Sono pronto. Al nono, quando mi danno la palla, io’ farò il mio lavoro.”

Sabato è stata la prima apparizione di Diaz al nono inning dopo aver rinunciato a quattro run e averne registrato uno contro i Miami Marlins sabato scorso. Dopo la partita, Diaz, che aveva guadagnato parate nelle sue due uscite precedenti, è scoppiato in lacrime, ammettendo che la sua fiducia era “bassa”.

L’assenza di Diaz ha spinto i Mets questa settimana a una serie di tre partite contro i Cleveland Guardians. Invece, ha organizzato sessioni di bullpen mentre i Mets venivano spazzati. Si concentrò sul controllo della palla veloce e dello slider sul lato del guanto e si tirò indietro con convinzione.

Diaz è tornato sul monte al Citi Field venerdì, lanciando un settimo inning senza reti contro i Giants in una situazione bassa progettata per ricostruire la sua fiducia. Diaz ha espresso la fiducia di essere di nuovo in carreggiata. Nel giro di 24 ore era di nuovo sul tumulo.

Wilmer Flores ha colpito Diaz con un singolo dal lato destro al suo primo tiro. Pochi istanti dopo, il corridore di pizzico Ryan McKenna ha rubato la seconda base. Poi, con uno eliminato, Wade ha consegnato il singolo del pareggio all’esterno destro.

READ  YouTube odia davvero i blocchi degli annunci e inizia a saltare e disabilitare i video

“La partita non è persa all’ultimo nono inning”, ha detto l’interbase dei Mets Francisco Lindor. “Sembra che ogni giorno perdiamo partite per un inning, ma dobbiamo guardare alla partita nel suo insieme. È un po’ ingiusto dargli la colpa”.

I risultati sono stati diversi rispetto a venerdì, ma Diaz ha insistito sul fatto di sentirsi meglio e di avere prestazioni migliori.

“Mi sento bene. Mi sento bene. Penso di aver lanciato buoni tiri”, ha detto Diaz. “Questo è quello che voglio fare. I risultati non sono andati a mio favore, ma il modo in cui mi sono comportato sul tappeto, il mio aspetto, come mi sentivo, è stato migliore rispetto alla settimana scorsa.”

Diaz ha dominato nel 2022, la sua migliore stagione da big league. Ha registrato un’ERA di 1,31, 2,97 ERA, 0,90 FIP e 0,839 WHIP in 61 presenze. Era un All-Star. È arrivato nono nella gara di Cy Young e 16esimo nella votazione MVP. Ha subito una rottura del tendine rotuleo del ginocchio destro a fine stagione mentre celebrava la vittoria del Porto Rico nel World Baseball Classic nel marzo 2023.

La stagione 2024 segue un percorso simile, ma questa volta Diaz è in salute.

“Deve continuare a lanciare”, ha detto Mendoza. “Il mio compito è continuare a trovargli corsie e dobbiamo lottare per riuscirci. Non puoi coprirlo. Deve andare, deve lanciare. È molto bravo e siamo molto fiduciosi. Lui” lo girerò.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto