Agosto 9, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

La più grande galassia conosciuta nell’universo è stata scoperta con una lunghezza di circa 16,3 milioni di anni luce

Gli astronomi hanno scoperto la più grande galassia conosciuta, 153 volte più grande della nostra Via Lattea.  La galassia chiamata Alcyoneus (nella foto) si trova a circa 3 miliardi di anni luce dalla Terra e lunga circa 16,3 milioni di anni luce.

Gli astronomi hanno scoperto la più grande galassia conosciuta, 153 volte più grande della nostra Via Lattea.

La galassia, chiamata Alcyoneus, si trova a circa 3 miliardi di anni luce dalla Terra e lunga circa 16,3 milioni di anni luce.

In confronto, la Via Lattea è larga poco meno di 106.000 anni luce.

Riconosciuta come una gigantesca galassia radio, Alcyoneus contiene una galassia ospite insieme a enormi getti e lobi che eruttano dal suo centro.

Gli astronomi hanno scoperto la più grande galassia conosciuta, 153 volte più grande della nostra Via Lattea.  La galassia chiamata Alcyoneus (nella foto) si trova a circa 3 miliardi di anni luce dalla Terra e lunga circa 16,3 milioni di anni luce.

Gli astronomi hanno scoperto la più grande galassia conosciuta, 153 volte più grande della nostra Via Lattea. La galassia chiamata Alcyoneus (nella foto) si trova a circa 3 miliardi di anni luce dalla Terra e lunga circa 16,3 milioni di anni luce.

Alcyoneus (nella foto) è stata identificata come una gigantesca radiogalassia, contenente una galassia ospite, insieme a enormi getti e lobi che eruttano dal suo centro

Alcyoneus (nella foto) è stata identificata come una gigantesca radiogalassia, contenente una galassia ospite, insieme a enormi getti e lobi che eruttano dal suo centro

Cosa c’è dentro un buco nero?

I buchi neri sono strani oggetti nell’universo il cui nome deriva dal fatto che nulla può sfuggire alla loro gravità, nemmeno la luce.

Se ti avventuri vicino a te e attraversi il cosiddetto orizzonte degli eventi, il punto in cui nessuna luce può sfuggire, sarai anche intrappolato o devastato.

Per i piccoli buchi neri, non sopravviveresti mai a un approccio così ravvicinato.

Le forze di marea vicine all’orizzonte degli eventi sono sufficienti per allungare qualsiasi materiale fino a farlo diventare solo una stringa di atomi, in un processo che i fisici chiamano “spaghettitazione”.

Ma per i grandi buchi neri, come gli oggetti supermassicci nel nucleo di galassie come la Via Lattea, che pesano decine di milioni se non miliardi di volte la massa di una stella, attraversare l’orizzonte degli eventi sarebbe privo di eventi.

Dal momento che dovrebbe essere possibile sopravvivere alla transizione dal nostro mondo al mondo dei buchi neri, fisici e matematici si sono chiesti a lungo come sarebbe questo mondo.

READ  Gli scienziati hanno scoperto uno strano stato magnetico della materia

Si sono rivolti alle equazioni della relatività generale di Einstein per prevedere il mondo all’interno di un buco nero.

Queste equazioni funzionano bene fino a quando l’osservatore raggiunge il centro o la singolarità, dove, nei calcoli teorici, la curvatura dello spaziotempo diventa infinita.

Poco si sa di queste misteriose radiogalassie, ma gli esperti ritengono che i getti e i lobi associati siano un sottoprodotto di un buco nero supermassiccio attivo nel centro galattico.

Viene definito un buco nero Come “attivo” quando mangia, o “accumula”, materiale da un gigantesco disco di materiale attorno ad esso.

Tuttavia, non tutto questo materiale finisce al di fuori dell’orizzonte degli eventi, perché una piccola parte è diretta dalla regione interna del disco ai poli, dove viene spinta nello spazio. Sotto forma di getti di plasma ionizzato.

Questi getti sono in grado di percorrere vaste distanze alla velocità della luce, prima di diffondersi attraverso giganteschi lobi che irradiano radio.

Nonostante le dimensioni dell’Alcyoneus, il tipo di lobi radio che emette non è affatto raro. È anche noto che la nostra Via Lattea ha i suoi lobi radio.

Ma una delle cose più misteriose di Alcyoneus e di altre enormi galassie simili è il modo in cui cresce così grande.

I ricercatori guidati dall’Osservatorio di Leiden nei Paesi Bassi sperano che la loro scoperta dei chyno aiuterà a far luce su come si formano le radiogalassie e perché sono così grandi.

“Se ci sono proprietà delle galassie ospiti che sono una ragione importante per la crescita delle radiogalassie giganti, è più probabile che gli ospiti delle più grandi radiogalassie giganti le abbiano”, ha affermato Martin Oye, dell’Osservatorio di Leiden, in una copia anticipata della ricerca. carta.

READ  Salve al calamaro, una nuova specie di cefalopode estinta che ricorda un vampiro con 10 braccia che prende il nome da Biden

Allo stesso modo, se alcuni ambienti su larga scala sono significativamente favorevoli alla crescita di radiogalassie giganti, è probabile che le più grandi radiogalassie giganti si trovino in essi.

Oi e il suo team hanno scoperto la più grande galassia conosciuta Trova valori anomali nei dati raccolti dal Low Frequency Array (LOFAR) in Europa.

LOFAR è costituito da circa 20.000 antenne radio, distribuite in 52 località del continente.

I ricercatori hanno dovuto rimuovere le sorgenti radio incorporate dalle immagini per aiutare a rilevare e correggere i lobi radio per eventuali distorsioni visive che a loro volta li portarono ad Alcioneo.

Secondo gli astronomi coinvolti nello studio, la più grande galassia conosciuta è circondata da una rete cosmica con una massa superiore a 240 miliardi di volte la massa del Sole.

Nonostante le dimensioni dell'Alcyoneus, il tipo di lobi radio che emette (nella foto) non è fuori dall'ordinario.  È noto che la Via Lattea ha i suoi lobi radio

Nonostante le dimensioni dell’Alcyoneus, il tipo di lobi radio che emette (nella foto) non è fuori dall’ordinario. È noto che la Via Lattea ha i suoi lobi radio

I ricercatori guidati dall'Osservatorio di Leiden nei Paesi Bassi sperano che la loro scoperta dei chynos possa aiutare a dare un'occhiata a come si formano le radiogalassie e perché sono così grandi.

I ricercatori guidati dall’Osservatorio di Leiden nei Paesi Bassi sperano che la loro scoperta dei chynos possa aiutare a dare un’occhiata a come si formano le radiogalassie e perché sono così grandi.

Oye e il suo team hanno scoperto la più grande galassia conosciuta durante la ricerca di valori anomali nei dati raccolti dall'array a bassa frequenza europea.  I ricercatori hanno dovuto rimuovere le sorgenti radio incorporate dalle immagini per aiutare a rivelare i lobi radio e localizzare Alcyoneus (nella foto)

Oye e il suo team hanno scoperto la più grande galassia conosciuta durante la ricerca di valori anomali nei dati raccolti dall’array a bassa frequenza europea. I ricercatori hanno dovuto rimuovere le sorgenti radio incorporate dalle immagini per aiutare a rivelare i lobi radio e localizzare Alcyoneus (nella foto)

Lo pensano anche loro Il buco nero supermassiccio al centro di Alcyoneus è circa 400 milioni di volte la massa del Sole.

Sebbene entrambi i parametri sembrino enormi, lo sono In realtà all’estremità inferiore delle galassie radio giganti.

“Lontano dalla geometria, Alcyoneus e il suo ospite sono sospettosamente ordinari: la densità di luminosità totale a bassa frequenza, la massa stellare e la massa del buco nero supermassiccio sono tutte inferiori a quelle delle radiogalassie giganti mediali, nonostante la loro somiglianza”, hanno scritto gli autori in il loro libro. carta.

READ  Un "forte vento caldo" è stato visto soffiare attraverso il cosmo dopo che una stella di neutroni ha fatto a pezzi la sua vicina

Pertanto, non sono necessarie galassie molto massicce o buchi neri centrali per lo sviluppo di grandi giganti, e se lo stato osservato rappresenta la fonte per tutta la sua vita, allora non c’è nemmeno un’alta energia radio.

I ricercatori sperano che il loro studio aiuterà gli astronomi a saperne di più su come si sono originate le radiogalassie, quanto e a quale velocità cresce Alcyoneus e se esistono galassie più grandi.

Lo studio sarà pubblicato sulla rivista Astronomia e astrofisica.

Cos’è il mostro della galassia?

Si ritiene che le galassie brutali, note anche come galassie starburst, siano i predecessori di galassie massicce come la Via Lattea nel mondo di oggi.

Gli oggetti antichi sono apparsi poco dopo il Big Bang e sono caratterizzati da una rapida formazione stellare e crescita di massa, la nascita di nuove stelle a velocità migliaia di volte superiori a quelle della nostra galassia.

Questo porta a galassie piccole ma incredibilmente dense che bruciano rapidamente attraverso tutto il loro gas cosmico, il “combustibile” usato per creare nuove stelle.

Una volta esaurito questo gas, entro circa 100 milioni di anni dalla nascita, diventano galassie quiescenti o “rosse e morte”, comuni nel nostro universo oggi.

Gli scienziati sperano che lo studio di oggetti misteriosi fornisca risposte a domande chiave sulla formazione e l’evoluzione delle galassie moderne, come la Via Lattea.

Si ritiene che le galassie brutali, note anche come galassie starburst, siano i predecessori di galassie massicce come la Via Lattea nel mondo di oggi.  Questa immagine è l'impressione artistica di ZF-COSMOS-20115, una galassia mostruosa scoperta nel 2017

Si ritiene che le galassie brutali, note anche come galassie starburst, siano i predecessori di galassie massicce come la Via Lattea nel mondo di oggi. Questa immagine è l’impressione artistica di ZF-COSMOS-20115, una galassia mostruosa scoperta nel 2017