La prima stagione di X-Men ’97 mette le persone al di sopra dei supereroi

Chi sono gli X-Men?

L’adattabilità del tropo mutante è sempre stato un punto di forza di una proprietà Marvel. Essendo un prodotto degli anni ’60, era comunemente inteso come una versione sovrumana della lotta per i diritti civili. Nel 21° secolo, i fan l’hanno adottata come una storia strana, identificata con l’apparizione di personaggi mutanti e la trama tematica della famiglia ritrovata che esiste fin dagli albori dei fumetti. Nel mezzo e oltre, era facile per qualsiasi gruppo esterno o minoranza nella società identificarsi come mutanti, sempre perdenti e vittime del terribile impulso umano verso l’altro.

In mancanza di una controparte coerente e reale dei mutanti, le storie degli X-Men spesso trovano idiosincrasie nei loro antagonisti. I migliori sono filosofici: altri mutanti che credono nella superiorità dei mutanti sulla simbiosi (Magneto, a volte) o nella crudele matematica del conflitto darwiniano (Apocalisse, sempre). Gli esseri umani che vedono i mutanti come una miniera d’oro biologica devono essere spogliati di parti (Mister Sinister) o armati (William Stryker). Oppure altri gruppi esterni trovano in se stessi un altro possibile futuro per l’umanità, uno in cui i mutanti non sono nemmeno nella foto (i ragazzi del seminterrato).

La prima stagione della serie revival Disney Plus X-Men ’97 è un grande tour attraverso questo campo di battaglia esistenziale per i mutanti della Marvel, con una serie vertiginosa di avversari che lo attraversano per complicare la loro lotta per l’accettazione. Per il suo finale in tre parti, la serie si concentra su una sola: Bastion, un ibrido uomo-macchina che vede la sua trasformazione post-umana come una risposta naturale a un evento a livello di estinzione che è la mutazione. Un essere immutabile contro la forza inarrestabile dei mutanti e la loro capacità di sostituire gli esseri umani “normali” come maggioranza.

Immagine: Animazione Marvel

Qui sta la privacy X-Men ’97. “La tolleranza è estinzione”, il titolo dell’epilogo, prende il nome dall’argomentazione ideologica di Bastion: secondo cui la coesistenza dell’umanità e l’abbraccio del genere mutante porteranno alla sua cancellazione. Questo è un aggiornamento del 2024 della politica centrale delle storie degli X-Men, che si basa sul fatto che i loro eroi sono “odiati e temuti” per essere diversi. È un’eco diretta della moderna retorica di estrema destra (che in realtà è una retorica di estrema destra molto antica) progettata per alimentare la paura e l’ansia per il cambiamento demografico, in cui gli immigrati, i progressisti o chiunque si discosti da norme attentamente stabilite minacciano il potere accumulato di l’elite.

La prima stagione di X-Men ’97 Era pieno di dibattiti interni su come affrontare questi sentimenti – una convinzione profondamente radicata che ispira le milizie anti-mutanti, la legislazione anti-mutante e l’anti-genocidio – e con gli astanti che hanno permesso che tutto ciò accadesse. Era notevolmente disinteressata al fatto che i suoi personaggi venissero scelti come supereroi. Invece gli interessavano la gente. Persone con una lunga storia di lotta contro l’oppressione e l’intolleranza, persone che sono stanche, esauste o che vogliono disperatamente essere ritenute responsabili del loro dolore. Alcuni, come Rogue, scioccano i loro amici e compagni di squadra con il modo in cui attaccano. Ma la loro rabbia è comprensibile. Lo spazio è assegnato per questo.

Gli X-Men stanno in abiti funebri davanti a una bara in X-Men '97

Immagine: Animazione Marvel

Questa, in un certo senso, è la tragedia centrale degli X-Men: combattono sempre una guerra semplicemente per esistere. Nel meraviglioso articoloRegola magnetica“, dice lo scrittore Asher Elbin come segue:

Leggi abbastanza fumetti degli X-Men e noterai che la caratteristica principale del franchise – l’idea dei mutanti come eterne alternative agli ebrei, ai neri o ai gay – è il suo pessimismo fondamentale. In X-Men, la vita di una minoranza è interamente definita dall’oppressione. Nessun miglioramento può durare; Il progresso è sempre un’illusione. In quanto personaggi di un pezzo di proprietà intellettuale continuo ed eterno, i mutanti devono fare proprio questo Sempre Sii odiato e temuto.

Questa è forse una lettura desolante degli X-Men e della loro funzione come simbolo per le persone emarginate. Tuttavia, i personaggi dei fumetti funzionano meglio come veicolo per idee semplici, e la complessità di qualsiasi altro gruppo sociale sarà sempre scarsamente servita dalla necessità di mantenere la metafora commerciabile, protestando continuamente contro un oppressore di qualche tipo. Gli X-Men non possono mai essere soli A Con quale gruppo simpatizzi? Fanno molto affidamento sulle macchinazioni dei fanatici e di coloro che desiderano distruggere gli X-Men. Forse, invece, il loro ruolo potrebbe essere più semplice: ci sarà sempre un conflitto e sempre una fazione da scegliere.

Non è irragionevole essere scettici X-Men ’97. Poche commedie nostalgiche sono così sfacciate: l’anno è lì Nel titolo – O almeno così avevo preso di mira. Anche se l’animazione per bambini si è evoluta nelle versioni adulte di questi ragazzi, conserva la natura casuale del suo materiale originale, il dramma della soap opera di una serie di lunga data che suona stranamente all’orecchio di chiunque non abbia familiarità con essa. Essi. Eppure, sembra ancora urgente, premuroso e vitale per una piccola ragione: esso Male. Proprio come fanno le persone.

X-Men ’97 La prima stagione è ora in streaming su Disney Plus.

READ  La Svizzera vince l'Eurovision dopo un concorso musicale politicamente carico, messo in ombra dalla controversia israeliana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto