Gli scienziati hanno scoperto un ragno antico “straordinario” che aveva zampe grandi e spinose

Paul Selden/Museo della Natura

La specie appena scoperta ha zampe spinose distintive.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

L’idea di incontrare faccia a faccia con A Ragno-Una creatura così inaspettata è sufficiente per riempire chiunque Aracnofobia Con orrore, per non parlare di incontrarne uno con le gambe grandi e appuntite.

Ma questo è esattamente ciò che vagava intorno a quello che oggi è l’Illinois nord-orientale nel tardo periodo Carbonifero, tra 300 e 320 milioni di anni fa, secondo uno studio pubblicato venerdì sulla rivista. Giornale di Paleontologia.

La specie estinta da tempo recentemente scoperta è stata descritta dagli autori dello studio come un “grande aracnide simile a un aracnide” con “grandi spine distintive sulle gambe”. Non sono stati in grado di collocare la creatura in nessun ordine di aracnidi conosciuto perché l’esemplare era privo di apparato boccale, che gli scienziati usano per classificarlo.

“In alcuni ragni si vedono specie di zampe spinose, ma non ne abbiamo mai visto uno con queste grandi spine ovunque, almeno nelle prime parti delle zampe”, ha affermato il dottor Jason Dunlop, curatore di Spiders and centinaia di zampe. al Museo della Natura di Berlino e coautore dello studio “È assolutamente incredibile”, ha detto venerdì alla CNN.

“L’abbiamo guardato due volte e abbiamo detto: ‘Cosa stiamo guardando qui?’

Il paleontologo Bob Macek scoprì per la prima volta l’esemplare negli anni ’80 in depositi fossili conservati a Mazon Creek Lagerstadt, Illinois. (La parola tedesca è un termine usato dai paleontologi per descrivere un sito eccezionale contenente molti fossili perfettamente conservati.) Tuttavia, fu solo nel 2023 che divenne chiaro che l’esemplare era una specie appena scoperta e fu donato per la ricerca dal collezionista di fossili David Douglas, che lo acquistò da Masick.

READ  Gli scienziati creano modelli sorprendenti di come apparirà il sole durante un'eclissi

I ricercatori hanno quindi esaminato il fossile e lo hanno fotografato utilizzando una fotocamera collegata a un microscopio.

Hanno scoperto che la creatura era “chiaramente qualcosa di molto diverso da qualsiasi ragno precedentemente descritto” e aveva zampe spinose che somigliavano ad alcuni ragni moderni. Raccogli i ragni Ma con un tipo di corporatura diversa.

Paul Selden/Museo della Natura

Gli scienziati ritengono che le zampe spinose servissero a scopi difensivi.

Dunlop ha detto che è probabile che la creatura usasse le sue spine per scopi difensivi piuttosto che per attaccare altri animali, in modo simile alle spine dei ricci odierni.

“Significa che se qualcosa cerca di morderlo, ne afferra le spine in bocca. “Stiamo parlando di tempo di manipolazione, il che significa che se vuoi mangiare qualcosa di spinoso, ci vuole più tempo perché devi rompere le spine o morderle. le parti che non hanno spine”.

“Possiamo immaginare che ci fossero scorpioni e altri ragni in giro”, ha detto Dunlop, così come animali primitivi simili a lucertole o grandi anfibi che cacciavano questi ragni, ma non è possibile saperlo con certezza.

Senza l’apparato boccale, i ricercatori non possono identificare il suo parente più stretto, ma ipotizzano che potrebbe appartenere a un gruppo più ampio che comprende ragni, ragni frusta e scorpioni frusta.

Finora i paleontologi hanno trovato questa particolare specie solo nel Nord America, ma potrebbe “apparire altrove” anche nel nord Europa, ha detto Dunlop.

“Probabilmente c’era un’enorme area in gran parte di quella che oggi è l’Europa e il Nord America, che era una sorta di gigantesca foresta pluviale tropicale, e ovunque ci sia carbone oggi, hai una ragionevole possibilità di trovare questi fossili (ragni, piante, insetti) .” Ha aggiunto.

READ  Le lattine scadute di salmone di decenni fa rivelano una grande sorpresa: ScienceAlert

Alla fine, i ricercatori hanno chiamato questa specie Douglassarachne acanthopoda. Il nome del genere onora la famiglia Douglas, che donò l’esemplare al Field Museum of Natural History di Chicago, e il nome della specie si riferisce alle spine che rendono questo ragno così caratteristico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto