Ottobre 1, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

La reazione della Russia agli Stati Uniti e alla NATO lascia che la crisi dell’Ucraina si inasprisca sull’orlo della guerra

Kiev – La Russia e la NATO stanno continuando il loro rafforzamento militare Ucraina, inclusi altri caccia russi appena oltre il confine settentrionale dell’Ucraina in Bielorussia. Le esercitazioni militari in corso della Russia con i suoi alleati bielorussi si sono alimentate teme che la Russia possa lanciare un’invasione in Ucraina, come nel 2014.

Gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO hanno presentato al governo del presidente Vladimir Putin un a risposta scritta alle sue richieste mercoledì per “garanzie di sicurezza”, sperando di mantenere la crisi su una pista diplomatica. Ma nel frattempo, Holly Williams, corrispondente estero senior di CBS News, afferma che l’America e i suoi alleati continuano a prepararsi per una possibile invasione russa.

Giovedì, il ministro degli Esteri russo ha affermato che Putin ha esaminato personalmente la risposta consegnata a mano dall’ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca. La reazione di Mosca ha indicato disappunto, ma anche decisione di continuare a parlare, per ora.


Gli Stati Uniti rispondono alle richieste russe tra i militari …

02:35

La più grande “garanzia” del regime di Putin ha cercato l’impegno che la NATO escluda l’ammissione dell’Ucraina o di uno qualsiasi dei suoi vicini come nuovi membri dell’alleanza per la sicurezza transatlantica, ritirando allo stesso tempo le forze dai confini russi. La NATO ha rafforzato il dispiegamento di truppe e armi nella regione, come risposta diretta allo spostamento della Russia di circa 100.000 delle sue forze vicino alla frontiera orientale dell’Ucraina e ora al suo nord in Bielorussia.

Gli Stati Uniti e la NATO hanno chiarito anche prima che la loro risposta formale fosse consegnata a Mosca che qualsiasi divieto di nuovi membri della NATO nell’Europa orientale era un “non inizio”, ma hanno indicato la volontà di discutere altre questioni, comprese le esercitazioni militari, il dispiegamento di armi nella regione e altre azioni di “costruzione della fiducia” che potrebbero essere intraprese da entrambe le parti.

“Non c’è stata una risposta positiva alla domanda principale”, ha detto giovedì il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in una dichiarazione, riferendosi alla candidatura dell’Ucraina all’adesione alla NATO, ma “c’è una risposta che fa sperare per l’inizio di una seria conversazione sul secondario domande. “

Ma mentre la diplomazia sembrava destinata a continuare, compresi i colloqui bilaterali previsti nei prossimi giorni tra Putin e il leader francese, entrambe le parti in stallo stanno mantenendo la pressione.


Cosa vuole Putin dalla crisi ucraina?

04:47

Continuano le esercitazioni militari russe vicino ai confini dell’Ucraina.

Giovedì Mosca ha accusato gli Stati Uniti di pianificare il posizionamento di più missili nella regione. Un alto funzionario del ministero degli Esteri ha avvertito che tali misure rischiavano di innescare una “nuova crisi missilistica”. Il suo avvertimento è arrivato settimane dopo La Russia ha rifiutato di governare posizionare l’equipaggiamento militare in Venezuela o Cuba, che ha portato echi del 1962 crisi dei missili cubani.

Sei jet da combattimento statunitensi sono arrivati ​​in Estonia, nel frattempo, per prendere parte alle esercitazioni militari della NATO. Giovedì il ministro degli Esteri slovacco ha dichiarato che la NATO stava valutando la possibilità di dispiegare truppe aggiuntive anche nel suo paese. Estonia e Slovacchia sono entrambe membri della NATO. L’Estonia condivide il confine orientale con la Russia, mentre la Slovacchia si trova appena ad ovest dell’Ucraina.

Gli schieramenti militari della NATO come quelli – in quello che la Russia considera il proprio cortile – sono qualcosa su cui l’amministrazione Biden ha indicato la volontà di negoziare.

“Il posizionamento di sistemi missilistici offensivi in ​​Ucraina, esercitazioni militari e manovre in Europa: tutte queste cose affronterebbero, credo, le preoccupazioni reciproche, comprese le preoccupazioni espresse dalla Russia”, ha affermato mercoledì il segretario di Stato Antony Blinken in risposta agli Stati Uniti. Le richieste della Russia sono state soddisfatte.

La Russia lancia esercitazioni militari con oltre 10.000 soldati vicino al confine con l'Ucraina
Le unità militari del distretto militare meridionale della Russia si dirigono verso un sito di addestramento nel sud del paese per esercitazioni militari, a Rostov, in Russia, il 26 gennaio 2022.

Ministero della Difesa russo / Dispensa / Agenzia Anadolu / Getty


Mentre gli Stati Uniti ei loro alleati hanno sottolineato la loro unità nell’affrontare l’aggressione russa, alcuni di questi alleati fanno molto affidamento sulla Russia per soddisfare i loro bisogni energetici, inclusa la più grande economia d’Europa, la Germania. Ciò ha messo alla prova la determinazione dell’alleanza.

La Germania è il più grande acquirente di gas naturale russo e si è rifiutata di inviare armi in Ucraina.

Ma giovedì il principale diplomatico tedesco ha indicato che il paese era al passo con i suoi alleati della NATO nell’affrontare la Russia attraverso sanzioni, almeno, anche se ciò significa cercare altri fornitori di gas, con l’aiuto di Washington.

“Stiamo lavorando a un forte pacchetto di sanzioni”, ha detto giovedì il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock al parlamento della sua nazione, sottolineando che tali sanzioni potrebbero avere un impatto sulla tanto attesa accensione del nuovo gasdotto “Nord Stream 2”, che collega I fornitori della Russia direttamente con i consumatori dell’Europa occidentale.

Gli Stati Uniti hanno Germania a lungo sotto pressione per evitare di aumentare la sua dipendenza dall’energia russa con il gasdotto, e sembrava che le assicurazioni di Washington – per aiutare a organizzare forniture di gas alternative se la Germania sostenesse sanzioni che incidono sulle vendite di energia russe – potrebbero aver contribuito a coinvolgere Berlino.


Blinken sulla risposta alle richieste della Russia

21:45

“Se la Russia dovesse scegliere di armare il suo gas naturale tagliando la fornitura all’Europa ancora più di quanto non abbia già fatto, stiamo discutendo con i governi e i principali produttori di tutto il mondo per aumentare la loro capacità”, ha detto Blinken mercoledì, alludendo alle discussioni con gli Stati Uniti alleati in Medio Oriente che hanno i loro giacimenti di gas.

Ma mentre entrambe le parti continuano a scavare, letteralmente e figurativamente, lungo la frontiera che separa la Russia dalle democrazie europee, il popolo ucraino rimane bloccato nel mezzo.

Presso l’ornato St. Nel monastero di San Michele nella capitale ucraina di Kiev, dove i fedeli adorano da oltre 900 anni, alcuni ucraini hanno detto a Williams che stanno pregando per la pace.

Una donna ha detto a CBS News che spera che Dio stesso dia un senso alla Russia.

Gli Stati Uniti hanno affermato che con la consegna della risposta alle domande della Russia mercoledì, la palla è tornata nel campo di Mosca. Con il Cremlino che esprime delusione, ma non abbandona la diplomazia, la prossima mossa è ancora difficile da prevedere.

READ  Fuga dal confine: oltre 150.000 ucraini chiedono asilo