L’aereo spaziale First Dream Chaser ha bisogno di un po’ più di lavoro quando arriva al sito di lancio

Ingrandire / Lo spazioplano Dream Chaser di Sierra Space all’interno di una camera di prova della NASA in Ohio.

Sierra spaziale

C’è ancora del lavoro da fare per preparare lo spazioplano Dream Chaser di Sierra Space per la sua prima missione, ma la società afferma che il veicolo alato di rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale sarà presto spedito al suo sito di lancio in Florida.

Il Dream Chaser decollerà a bordo di un razzo Vulcan della United Launch Alliance per dirigersi verso la stazione spaziale. Un portavoce di Sierra Space ha detto ad Ars che il lancio dello spazioplano è previsto nel terzo o quarto trimestre di quest’anno.

Ma Sierra Space trasporterà Dream Chaser al Kennedy Space Center della NASA in Florida con una lista di cose da fare. Ci sono altri due test importanti che la navicella spaziale deve completare sul sito di lancio. I tecnici devono inoltre terminare il lavoro sullo scudo termico del Dream Chaser prima che sia pronto a salire in cima alla piattaforma di lancio Vulcan. Non è chiaro quanto tempo richiederà il completamento di queste attività.

Tuttavia, lo spazioplano sta per lasciare il Neil Armstrong Test Facility della NASA in Ohio, dove è sottoposto a test ambientali da dicembre. Sierra Space ha condotto test in Ohio in diverse fasi.

Innanzitutto, gli ingegneri della Sierra Space hanno condotto test d’urto con l’ULA per verificare la risposta della navicella spaziale alla scossa di separazione dal razzo Vulcan in orbita. Le squadre di terra hanno quindi impilato lo spazioplano Dream Chaser sopra il modulo di carico pressurizzato montato sul retro e hanno posizionato l’intero veicolo su un tavolo vibrante per simulare le vibrazioni che il veicolo spaziale avrebbe sperimentato durante il lancio.

READ  Perché gli esseri umani non hanno la coda?

Sierra Space ha quindi condotto un altro test d’urto utilizzando un sistema di separazione che avrebbe espulso il modulo cargo usa e getta dallo spazioplano riutilizzabile prima di rientrare nell’atmosfera e atterrare al termine della sua missione. Infine, gli ingegneri hanno trasferito Dream Chaser in una camera a vuoto termico presso una struttura di prova in Ohio, dove, per cinque settimane, la navicella spaziale è stata esposta a un ambiente privo di aria e a fluttuazioni estreme di temperatura nell’orbita terrestre bassa.

“Il completamento con successo di una campagna di test ambientali incredibilmente rigorosa in stretta collaborazione con la NASA è una pietra miliare importante e mette Dream Chaser sulla buona strada per le operazioni entro la fine dell’anno”, ha affermato Tom Weiss, CEO di Sierra Space. “Questo è l’anno in cui passeremo da una rigorosa ricerca e sviluppo a regolari operazioni orbitali, cambiando così il modo in cui colleghiamo lo spazio alla Terra”.

Elenco attività Sierra Space

Dream Chaser è in sviluppo da oltre 15 anni e il concetto risale ancora più indietro nel tempo. La NASA ha iniziato l’attuale iterazione dello spazioplano commerciale aggiudicando un contratto di spedizione commerciale a Sierra Nevada, la società madre di Sierra Space, nel 2016.

Questa sarà la prima di sette missioni di rifornimento che Dream Chaser volerà verso la Stazione Spaziale Internazionale nell’ambito di un contratto con la NASA. L’azienda sta costruendo un secondo spazioplano riutilizzabile per contribuire a mantenere il suo impegno con la NASA e possibilmente servire le successive stazioni spaziali commerciali.

Finalmente il traguardo per Dream Chaser è ormai in vista. L’anno scorso è stato nominato il primo veicolo spaziale intransigenzaHa lasciato la fabbrica Sierra Space vicino a Denver per un volo verso l’impianto di prova Armstrong in Ohio. Ars ha visitato la Sierra Space Factory per vedere Dream Chaser poche settimane prima della sua partenza. La navicella era quasi finita, ma i tecnici continuavano a preparare l’interno pressurizzato dello spazioplano e ad aggiungere piastrelle allo scudo termico.

READ  Eclissi solare totale, sorgere di Marte e Saturno, sottile mezzaluna lunare, cometa 12P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto