Brian Wilson dei Beach Boys è stato posto in tutela, secondo le regole di un giudice

Nel mezzo della sua battaglia contro un “grave disturbo neurocognitivo”, il frontman dei Beach Boys Brian Wilson è stato posto sotto tutela, ha stabilito giovedì un giudice.

Il giudice Gus T. Ha accettato la tutela durante un’udienza giovedì mattina, secondo Corte superiore della contea di Los Angeles sito web.

“La corte ritiene, attraverso prove chiare e convincenti, che la tutela della persona è necessaria e appropriata perché (Wilson) è incapace di prendersi cura della sua persona”, si legge nell’ordine di trascrizione. “La tutela è l’alternativa meno restrittiva necessaria per proteggere la persona detenuta”.

Wilson non ha contestato la custodia, secondo i documenti giudiziari ottenuti da USA TODAY.

Tutela di Brian Wilson: La famiglia del cantante dei Beach Boys parla della tutela in mezzo a un “grave disturbo neurocognitivo”

Il manager di lunga data di Wilson, LeeAnn Hard, e il pubblicista Jean Sievers, che hanno fornito la tutela, sono stati nominati conservatori.

Per quanto riguarda le cure mediche di Wilson, Hard e Sivers hanno avuto la facoltà di “autorizzare la somministrazione di farmaci idonei alla cura e al trattamento” del disturbo neurocognitivo del musicista, secondo un ordine preciso. I rappresentanti devono consultarsi con i figli di Wilson su “tutte le decisioni materiali relative all’assistenza sanitaria relative” al loro padre.

USA TODAY ha contattato Sievers per un commento sulla sentenza di tutela.

La famiglia di Brian Wilson parla della richiesta di tutela

Hard e Sievers hanno presentato documenti alla Corte Superiore di Los Angeles a febbraio per diventare co-conservatori per Wilson, come hanno dimostrato i documenti giudiziari esaminati da USA TODAY all’epoca. Secondo il documento, il co-fondatore 81enne dei Beach Boys stava anche assumendo farmaci per curare la demenza, secondo la dichiarazione giurata di un medico presentata insieme alla petizione.

READ  Jerry Seinfeld si riunisce con il suo cast e i suoi amici ombra per un cortometraggio Pop-Tarts

La petizione richiedeva che il direttore e l’editore fossero nominati conservatori di Wilson per supervisionare le sue decisioni personali e mediche perché “il signor Wilson non è in grado di provvedere adeguatamente ai suoi bisogni personali di salute fisica, cibo, vestiti o riparo”.

La petizione afferma che la defunta moglie di Wilson, Melinda Ledbetter – a cui è stato attribuito il merito di aver stabilizzato la sua vita notoriamente turbolenta – ha gestito i suoi bisogni quotidiani prima della sua morte a gennaio.

La famiglia del cantante ha espresso la propria approvazione per la proposta di tutela in una dichiarazione condivisa all’epoca sui social media, aggiungendo che “non ci sarebbero stati cambiamenti drastici nella famiglia”.

Sponsorizzazione di celebrità: Jay Leno ha ottenuto la custodia della proprietà di sua moglie Mavis Leno nel mezzo di una battaglia contro la demenza

“A seguito della morte dell’amata moglie di Brian, Melinda, e dopo un’attenta considerazione e consultazione tra Brian, i suoi sette figli, Gloria Ramos, e i medici di Brian (e coerentemente con i processi familiari stabiliti da Brian e Melinda), confermiamo che la famiglia Wilson di lunga data i rappresentanti LeeAnn Hard e Jean Sievers fungeranno da co-conservatori. “Per Brian sulla persona”, ha condiviso la famiglia Dichiarazione su Instagram.

“Brian potrà godersi tutta la sua famiglia e i suoi amici e continuare a lavorare sui progetti attuali e a partecipare a qualsiasi attività scelga”, conclude la dichiarazione.

Contributo: Naledi Oche, USA Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto