L’aggiornamento finanziario di Intel mostra che le perdite degli impianti aumenteranno nel 2023

(Bloomberg) — Intel ha affermato che i ricavi della sua fabbrica stanno diminuendo e le perdite si stanno ampliando, mostrando le sfide di un costoso piano di espansione.

I più letti da Bloomberg

Le vendite di Intel Foundry, una nuova divisione della società responsabile delle operazioni di produzione, hanno raggiunto i 18,9 miliardi di dollari nel 2023, in calo rispetto ai 27,5 miliardi di dollari dell’anno precedente, ha affermato la società in una nota martedì. Le perdite operative nella nuova divisione sono aumentate a 7 miliardi di dollari dai 5,2 miliardi di dollari del 2022.

Intel sta fornendo un quadro più dettagliato delle sue finanze come parte di un piano di risanamento predisposto dal CEO Pat Gelsinger. Pubblica i risultati della rete di fabbrica come passo verso un funzionamento più indipendente. L'azienda cerca di produrre chip per altre società e separarla dal resto di Intel è vitale per questa strategia.

L’azienda prevede che il 2024 rappresenterà il picco delle sue perdite e che Intel Foundry sarà redditizia dal punto di vista operativo “a metà strada tra oggi e la fine del 2030”. Il chipmaker ha inoltre nominato Lorenzo Flores CFO di Intel Foundry.

Le azioni Intel sono scese di oltre il 2% nell'extended trading. Nelle contrattazioni regolari è sceso dell'1,3% a 43,94 dollari, portando il calo da inizio anno al 13%.

La mossa di Intel verso l'outsourcing della produzione di chip, nota come produzione di fonderia, è uno dei più grandi cambiamenti che l'azienda ha visto nella sua storia. Gli sforzi di Gelsinger includono anche il ripristino del vantaggio tecnologico precedentemente inaccessibile di Intel, qualcosa che il leader dei chip ha perso negli anni prima di prendere le redini nel 2021.

READ  Dogecoin – I trader a lungo termine hanno perso 16 milioni di dollari; Questo è dove ti lascia

La Taiwan Semiconductor Manufacturing Company attualmente domina il mercato delle fonderie e ha superato Intel in termini di fatturato totale. Quella società ha registrato un fatturato di 69,4 miliardi di dollari per il 2023 e un utile netto di 26,9 miliardi di dollari. Il suo margine lordo – la percentuale delle vendite rimanente dopo aver detratto il costo di produzione – era del 54%. Si prevede che le sue vendite aumenteranno del 20% nel 2024 per raggiungere gli 83,4 miliardi di dollari.

Il concorrente più vicino di Intel al suo business tradizionale è Advanced Micro Devices Inc., che lo scorso anno ha registrato un fatturato di 22,7 miliardi di dollari e un utile netto di 854 milioni di dollari. Il margine di profitto lordo era del 50%. Secondo gli analisti, quest’anno l’azienda è sulla buona strada per raggiungere un aumento delle vendite del 14%.

Nel frattempo, Nvidia è rapidamente emersa come la star del settore. Sebbene non disponga ancora delle entrate di TSMC, le sue vendite sono più che raddoppiate lo scorso anno e quest'anno si prevede un altro guadagno stratosferico. L'azienda ha una leadership significativa nel mercato degli acceleratori di intelligenza artificiale, che aiuta le aziende a sviluppare modelli di intelligenza artificiale.

Intel ha intrapreso un’espansione record dei suoi stabilimenti negli Stati Uniti e in Europa, sfruttando incentivi governativi come il Chip and Science Act. Ma anche con questo sostegno, si tratta di un progetto costoso che ha messo in difficoltà gli investitori.

La società ha telegrafato all’inizio di quest’anno che le sue finanze produttive erano “sotto una pressione significativa” mentre il produttore di chip cerca di riconquistare il proprio vantaggio tecnologico e costruire la propria infrastruttura.

READ  Ford spedisce e vende veicoli incompleti con chip mancanti

“Vediamo ampie opportunità per favorire il miglioramento”, ha affermato il CFO Dave Zinsner durante l’ultima riunione sugli utili di gennaio.

Ma l’azienda ha ottenuto anche alcune vittorie. A febbraio, Intel ha annunciato che gli sforzi di progettazione interna dei chip di Microsoft sarebbero diventati un cliente di fonderia. Gelsinger ha detto che è in anticipo rispetto al previsto nel convincere altri clienti a registrarsi, ma non è in grado di fornire i loro nomi perché non vogliono renderli pubblici.

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto