L’amministrazione Biden ritiene che sia “ragionevole valutare” l’uso da parte di Israele di armi americane a Gaza in violazione del diritto internazionale



CNN

IL Lo ha detto venerdì l’amministrazione Biden È ragionevole supporre che le armi americane siano state usate dalle forze israeliane Gaza In modi che non “contraddicono” il diritto internazionale umanitario ma si fermano prima di affermare ufficialmente che Israele ha violato la legge.

IL Rapporto era Redatto dal Dipartimento di Stato Ha osservato che le indagini su possibili violazioni sono in corso, ma che gli Stati Uniti non dispongono di “informazioni complete” per verificare se le armi statunitensi siano state “utilizzate specificamente” in presunte violazioni del diritto umanitario internazionale.

“Data la natura del conflitto a Gaza, dove Hamas cerca di nascondersi dietro i civili e le infrastrutture per esporli all’azione militare israeliana, così come l’assenza di personale del governo americano a Gaza, è difficile valutare o trarre conclusioni. Risultati individuali Tuttavia, poiché Israele fa affidamento su articoli di difesa fabbricati negli Stati Uniti, ai sensi della NSM-20 “È ragionevole valutare che gli articoli di sicurezza in vigore sono stati utilizzati dalle forze di sicurezza israeliane in modo incoerente con i suoi obblighi di DIU o con le migliori pratiche stabilite da ottobre. 7. danni ai civili”, afferma il rapporto.

Questo rapporto copre il periodo dell’epidemia Guerra con Hamas Tra il 7 ottobre e la fine di aprile, non è stato accertato che Israele abbia negato gli aiuti umanitari a Gaza in violazione della legge statunitense.

Sebbene la dichiarazione non trovasse Israele in violazione di nessuna delle disposizioni del memorandum, era fortemente critica nei confronti del prezzo della campagna militare israeliana. I risultati del rapporto segnano un altro momento difficile nelle relazioni USA-Israele nella stessa settimana del presidente Joe Biden Ha minacciato di limitare il trasferimento di armi Se Israele lanciasse un grande attacco a Rafah.

Tuttavia, la conclusione finale che gli impegni assunti da Israele nell’ambito del Memorandum sulla Sicurezza Nazionale sono “credibili e credibili” ha già sollevato l’attenzione di alcuni legislatori e la sfiducia tra le organizzazioni umanitarie e per i diritti umani.

La dichiarazione non imponeva alcuna azione da parte del governo israeliano e non comportava alcun cambiamento politico. L’amministrazione ha ampiamente evitato di limitare gli aiuti militari a Israele, ma con un cambiamento significativo prima della pubblicazione del rapporto, Biden ha annunciato in un’intervista alla CNN questa settimana che li limiterebbe se Israele continuasse una grande offensiva a Gaza City. Trasferimento di alcune armi offensive a Israele.

Il reporting ad alto rischio è classificato e Inviato a Capitol Hill venerdì pomeriggio. L’amministrazione ha dovuto prendere una decisione su queste due questioni in base a una nota sulla sicurezza nazionale di febbraio che Biden ha rilasciato sotto la pressione dei legislatori democratici. È la prima volta che il governo degli Stati Uniti deve valutare la condotta di Israele nei sette mesi di guerra contro Hamas a Gaza, alimentata dai brutali attacchi del gruppo terroristico che hanno ucciso più di 34.000 persone. Zona costiera distrutta.

READ  7 giudici selezionati dopo 2 giorni di udienze per il silenzio di Trump

Il senatore democratico Chris Van Hollen, che è stato la forza trainante dietro la creazione della nota sulla sicurezza nazionale, ha espresso disappunto per il rapporto.

“L’amministrazione ha eluso tutte le domande difficili su come prendere una decisione reale”, ha detto venerdì sera ai giornalisti il ​​democratico del Maryland. “Penso che quello che stanno cercando di fare è chiarire che capiscono quanto sia grave la situazione, ma non vogliono fare alcun passo per ritenere il governo Netanyahu responsabile di quello che sta succedendo.”

Senato Democratici sulla commissione per le relazioni estere. Jeff Merkley era d’accordo con i commenti di Van Hollen, dicendo alla CNN che la dichiarazione era “un’enorme farsa diplomatica”.

“Da un lato dice che è molto ragionevole concludere che ci sono restrizioni sugli aiuti, è molto ragionevole concludere che le nostre armi sono state usate in violazione del diritto internazionale, e poi dice che non vogliamo farlo. ha bisogno di una risposta”, ha detto Merkley su “Erin Burnett Outfront”.

Il democratico dell’Oregon è stato uno dei pochi membri del Congresso a mettere piede a Rafa, in visita a gennaio.

“Ovviamente, la politica c’entra e la strategia c’entra, ma è deludente perché è così importante in questo momento perché stiamo usando la leva per persuadere Israele a cambiare il suo comportamento”, ha detto.

Venerdì scorso, Van Hollen ha affermato che “lo scopo di questo rapporto non è fornire un’istantanea in tempo” e ha accusato l’amministrazione di prendere gli impegni israeliani “per oro colato” nonostante le indagini dei gruppi per i diritti umani abbiano riscontrato violazioni della legge.

Tuttavia, un alto funzionario del Dipartimento di Stato ha affermato che questo è sempre retrospettivo e sono in corso processi per valutare le operazioni attuali. Non esiste un periodo di tempo per prendere le decisioni nell’ambito di tali processi.

“In qualsiasi conflitto che coinvolga partner stranieri, è spesso difficile effettuare valutazioni o determinazioni rapide e definitive sul fatto che specifici articoli o servizi di difesa statunitensi siano stati utilizzati in modo coerente con il diritto internazionale”, osserva il rapporto.

“Tuttavia, sono stati segnalati abbastanza incidenti da sollevare serie preoccupazioni”, ha affermato.

“Mentre Israele ha la conoscenza, l’esperienza e gli strumenti per attuare le migliori pratiche per mitigare i danni ai civili nelle sue operazioni militari, i risultati sul campo, compresi gli alti livelli di vittime civili, sollevano interrogativi sostanziali sul fatto che l’IDF le stia utilizzando in modo efficace in tutti i casi”, si legge nel rapporto.

READ  Novak Djokovic ha rifiutato di entrare in Australia a causa di un'esenzione dal vaccino

Secondo un alto funzionario del Dipartimento di Stato, il pacchetto di rapporti è uno strumento utile affinché l’amministrazione Biden possa rivolgersi al governo israeliano per ottenere informazioni e sollecitare cambiamenti comportamentali. Il rapporto sarà condiviso con il governo israeliano, ha detto il funzionario.

Da mesi i funzionari dell’amministrazione Biden chiedono a Israele di limitare il bilancio delle vittime civili e di fornire maggiori aiuti a Gaza. Per quanto riguarda gli aiuti umanitari, la dichiarazione afferma che il governo degli Stati Uniti “ha profonde preoccupazioni per le azioni e l’inazione di Israele dopo il 7 ottobre, che hanno contribuito in modo significativo alla consegna costante e prevedibile degli aiuti tanto necessari e alla portata complessiva della Palestina. I civili – sebbene migliorati – sono non abbastanza.

Tuttavia, si legge, “non valutano attualmente che il governo di Israele stia interdicendo o limitando in altro modo il transito o la distribuzione dell’assistenza umanitaria statunitense ai sensi della sezione 620I della legge sull’assistenza estera”. Limita l’assistenza.

Il rapporto definisce “l’impatto delle operazioni militari israeliane sugli attori umanitari” una particolare area di preoccupazione, citando una serie di incidenti tra cui Colpo mortale Linea di assistenza mondiale per la cucina centrale.

In seguito allo sciopero del mese scorso, Biden ha avvertito il primo ministro israeliano Netanyahu che Israele deve fare di più per affrontare la situazione umanitaria o affrontare un cambiamento nella politica statunitense. Nelle ultime settimane, i funzionari statunitensi hanno affermato che Israele ha compiuto passi importanti a seguito di quel dialogo, ma c’è ancora molto da fare. Tuttavia, l’accesso agli aiuti umanitari è nuovamente crollato in seguito al lancio di operazioni militari israeliane “limitate” a Rafah, dove milioni di palestinesi sono fuggiti.

Il rapporto è stato oggetto di un intenso dibattito in tutta l’amministrazione per mesi. Le organizzazioni per i diritti umani hanno valutato la campagna militare israeliana come una violazione del diritto umanitario.

Alla fine del mese scorso, Amnesty International ha valutato che le armi fornite dagli Stati Uniti a Israele erano state utilizzate “in gravi violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani e in modo contrario alla legge e alla politica statunitense”.

Un funzionario di Amnesty International ha dichiarato venerdì: “Questa affermazione suona come la versione internazionale di ‘pensieri e preghiere’: ammettere che esiste un problema, ma non fare nulla di significativo per fermare la perdita di vite umane”.

“Nonostante i vaghi commenti del presidente Biden all’inizio di questa settimana, la sua amministrazione oggi ha reso forte e chiara la sua posizione: quando il governo degli Stati Uniti ritiene che un attore che un avversario stia violando il diritto internazionale, è pronto a puntare il dito e ad agire rapidamente, ma ritiene il governo di Israele al di sopra della legge, Israele “Nonostante prove schiaccianti ammettano che le forze armate stanno violando il diritto internazionale e uccidendo civili palestinesi con armi americane a spese dei contribuenti americani”, ha affermato Amanda Glassing, direttrice nazionale delle relazioni governative e di advocacy di Amnesty International USA.

READ  La lira torna alla grande dopo che Erdogan ha svelato le misure anti-dollaro

Van Hollen ha detto venerdì che “non è credibile che il governo americano abbia meno informazioni di organizzazioni come Amnesty International, Human Rights Watch, Oxfam”.

Un alto funzionario del Dipartimento di Stato ha affermato di non poter rispettare gli standard per le valutazioni effettuate da tali organizzazioni, ma ha affermato che il processo del governo statunitense è stato molto diligente e ha considerato qualsiasi misura di responsabilità intrapresa dal governo israeliano.

Il presidente ha ammesso alla CNN che “civili sono stati uccisi” a causa delle bombe fornite dagli Stati Uniti. Il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha detto giovedì che Biden stava parlando della “tragica perdita di vite civili in questo conflitto”, che non è una determinazione legale ai sensi del diritto umanitario internazionale.

Anche le organizzazioni umanitarie hanno messo in dubbio i risultati del rapporto.

“Siamo sconcertati e sconvolti dal rapporto dell’amministrazione Biden al Congresso, in particolare dai risultati secondo cui Israele non ha rifiutato gli aiuti a Gaza”, ha affermato Kate Phillips-Barasso, vicepresidente per la politica globale e la difesa dei diritti di Mercy Corps.

“Negli ultimi sette mesi le organizzazioni umanitarie hanno pubblicamente e ripetutamente descritto le sanzioni israeliane, che hanno impedito la consegna degli aiuti umanitari ai 2,2 milioni di persone che vivono a Gaza”, ha affermato.

“Ancora più convincente delle testimonianze delle organizzazioni umanitarie è la terribile situazione in cui la popolazione di Gaza è intrappolata in una zona di conflitto e rischia la fame”, ha continuato. “Se gli aiuti umanitari fossero stati adeguatamente facilitati – come li chiama l’NSM – 1,1 milioni di persone non si sarebbero trovate ad affrontare catastrofiche condizioni di carestia a chilometri di distanza dal cibo disponibile. Il governo degli Stati Uniti aveva abbandonato gli aiuti aerei e aveva speso notevoli sforzi e risorse costruendo navi galleggianti per le consegne via mare. , fornendo aiuti “direttamente o indirettamente”. Implicitamente” indica che le autorità sono già giunte alla conclusione che esiste un ostacolo.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori segnalazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto