L’apparizione alla convention libertaria di Donald Trump non sarà prevista dal copione

Donald Trump è stato fischiato quando è apparso alla Libertarian National Convention, che è stata interrotta dai partecipanti che lo hanno fischiato per tutto il tempo e hanno mostrato cartelli che esprimevano la loro opposizione all’ex presidente.

Trump ha tenuto un discorso sabato sera alla convention prima della scelta domenicale del candidato presidenziale. È stato il primo ex presidente in 50 anni di storia a parlare all’evento, che ha attirato circa 1.000 persone al Washington Hilton.

Tuttavia, ha dovuto affrontare molte difficoltà durante il suo discorso. Ad esempio, l’ex presidente ha esclamato in diversi punti, quando ha parlato alla folla, che se fosse stato eletto presidente a novembre, avrebbe nominato libertari nei suoi “posti di gabinetto e di alto livello”. Ha affermato di aver compiuto mosse libertarie durante il suo mandato, tra cui il taglio delle tasse e il ritiro dei programmi federali sulla diversità, l’equità e l’inclusione.

In risposta alle pose, Trump ha deriso i libertari per il loro record elettorale. “Ma se vuoi vincere, fallo. Se devi perdere, non farlo”, ha detto Trump sorridendo alla folla del Washington Hilton. “Forse non vuoi vincere. Ottieni il tuo 3-4%. [in the general election] ogni anno.”

Il candidato presidenziale repubblicano Donald Trump si rivolge alla Convenzione Nazionale del Partito Libertario al Washington Hilton il 25 maggio 2024 a Washington, DC, mentre parla ai libertari sabato.


Foto di Chip Somodevilla/Getty Images

Il Libertarian Party, formato nel 1971, favorisce il capitalismo senza supervisione del governo e diritti civili, è il terzo partito politico americano per registrazione degli elettori, ma non ha una grande influenza sulla politica americana. Riceve tipicamente il 3% dei voti nazionali e ha pochi funzionari eletti.

READ  Yoon Suk Yeol: il presidente della Corea del Sud è sopraffatto da una piccola cipolla?

Alcuni partecipanti avevano cartelli che prendevano in giro Trump e il suo movimento Make America Great Again. Secondo l’Associated Press, “Niente dittatori!” L’identità è stata presa dagli agenti della sicurezza.

Ad un certo punto, un partecipante al convegno è stato intervistato durante i lavori e ha detto che Trump avrebbe dovuto “andare da solo”, ed è stato acclamato dai sostenitori. Un altro ha detto che i presenti hanno partecipato a “nominare i libertari”.

“Non dobbiamo concedere questo tempo ai non libertari”, ha aggiunto.

Anche il senatore Mike Lee, repubblicano dello Utah, ha ricevuto critiche quando si è espresso a sostegno di Trump.

Tuttavia, alcuni hanno mostrato il loro sostegno al Partito Repubblicano, cantando “Vogliamo Trump” durante il suo discorso.

In una dichiarazione via email Newsweek Sabato sera, Jason Miller, consigliere senior della campagna di Trump, ha affermato di essere “assolutamente” consapevole che “questa non è esattamente una base di partenza” per il favorito repubblicano.

“Ci saranno persone che lo vogliono lì e persone che non lo vogliono lì, ma stiamo lottando e gareggiando per voti non convenzionali per unire il Paese”, ha detto Miller.

“Il presidente Trump si prenderà il merito di aver dimostrato e chiarito che vuole ottenere voti dai membri del Libertarian Party e dalle persone che si considerano più libertarie”.