L’aurora boreale potrebbe apparire su alcune parti degli Stati Uniti venerdì notte: previsioni


L’aurora boreale potrebbe apparire su alcune parti del nord degli Stati Uniti nella notte tra venerdì 31 maggio e sabato 1 giugno. Anche i meteorologi attendono con ansia la prossima settimana.

Lui gioca

BOULDER, Colorado – Parti degli Stati Uniti settentrionali potrebbero vedere l’aurora boreale da venerdì sera a sabato, e potrebbe esserci un’altra abbagliante aurora boreale la prossima settimana, anche se è troppo presto per saperlo con certezza, dicono i meteorologi spaziali.

Innanzitutto, maggiori informazioni su cosa potrebbe accadere all’inizio di giugno. Il gruppo di macchie solari responsabili della spettacolare aurora avvenuta in tutto il paese il 10 maggio si è spostato di fronte alla Terra, creando potenzialmente le condizioni per un altro spettacolo, di tipo federale. Centro di previsione meteorologica spaziale Lo ha detto a Boulder, in Colorado. Molto semplicemente, quelle macchie solari innescano tempeste solari che possono portare alle aurore qui sulla Terra.

Ma, ancora una volta, i migliori esperti dicono che è ancora troppo presto per confermare se lo spettacolo avrà luogo la prossima settimana.

Dove potrebbe apparire l’aurora boreale venerdì sera?

L’aurora boreale potrebbe apparire su alcune parti del nord degli Stati Uniti nella notte tra venerdì 31 maggio e sabato 1 giugno. “L’aurora boreale potrebbe diventare visibile su alcuni stati del Midwest settentrionale e superiore, da New York all’Idaho”, ha affermato l’SWPC.

Questa aurora, se dovesse verificarsi, sarà il risultato di una tempesta geomagnetica che colpirà la Terra venerdì. Un avviso di tempesta geomagnetica G2 (moderata) è in vigore sulla Terra venerdì e sabato, ha affermato SWPC.

READ  I fisici affermano di aver scoperto un potente squilibrio nell’universo

Il più grande spettacolo dell’aurora boreale la prossima settimana? È troppo presto per dirlo.

La prossima settimana potrebbero essere possibili aurore più diffuse, hanno detto i meteorologi. Tutto dipenderà dal fatto che il Sole rilasci o meno un brillamento solare e/o un’espulsione di massa coronale verso la Terra, che potrebbe innescare tempeste geomagnetiche e quindi aurore boreali.

Sebbene l’ammasso di macchie solari noto come Area 3697 sia ora tornato ad affrontare la Terra, è troppo presto per dire se invierà un’altra espulsione di massa coronale, ha affermato Sean Dahl, un meteorologo senior dell’SWPC.

“Stiamo prevedendo cose da 93 milioni di miglia di distanza, quindi è molto difficile”, ha detto Dahl “E la nostra conoscenza è limitata.” “Possiamo fare un ottimo lavoro nel prevedere se è probabile che si verifichi un brillamento e, in tal caso, quale livello potrebbe raggiungere, e lo stesso per le tempeste di radiazioni, ma non abbiamo modo di sapere se un brillamento è imminente. La scienza non lo sa non esistono e non abbiamo la scienza sufficiente per sapere quando una CME esploderà al largo del Sole.

Gli osservatori del cielo incrociano le dita

Gli entusiasti skywatcher esprimono sorpresa perché il 6 giugno è una luna nuova, il che significa che il cielo sarà molto scuro e qualsiasi crepuscolo che apparirà sarà più vibrante. Dahl, un astronomo dilettante e fotografo del cielo notturno che si è perso lo spettacolo del 10 maggio perché stava lavorando, ha detto che spera che emerga una nuova visualizzazione delle macchie solari.

“Non abbiamo modo di sapere se produrrà nuovamente una CME, ma il potenziale per un’esplosione è ancora alto in questa regione”, ha detto.

READ  L'Agenzia spaziale europea sospende la cooperazione con la Russia sulla missione ExoMars a causa dell'invasione dell'Ucraina

Hughes ha riferito da Boulder, Colorado. Cedro di Silver Spring, Maryland.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto