Le azioni statunitensi diminuiscono mentre diminuisce la fiducia nei tagli dei tassi di interesse

Mercoledì mattina le azioni statunitensi sono scese mentre gli investitori guardavano al prossimo discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell per avere indizi sulla possibilità che i tassi di interesse rimarranno alti più a lungo.

L'indice S&P 500 (^GSPC) è sceso dello 0,1% circa, mentre il Dow Jones Industrial Average (^DJI) ha oscillato su entrambi i valori della linea piatta. Il Nasdaq Composite (^IXIC) ha guidato i ribassi, in ribasso di circa lo 0,4%, dopo che martedì i principali indicatori hanno chiuso in un mare di rosso.

I titoli azionari si sono allontanati da un forte inizio d'anno poiché i forti dati economici hanno smorzato le speranze di un triplo taglio del tasso della Fed. Gli investitori hanno ridotto le loro scommesse al punto da aspettarsi un allentamento minore e successivo a quello previsto dai politici.

Il presidente della Fed di Atlanta Raphael Bostic ha aggiunto a queste preoccupazioni mercoledì, dicendo alla CNBC che si aspetta che la Fed effettui il suo primo taglio dei tassi nel quarto trimestre.

L'attenzione ora si sposta su Powell, il cui discorso sulle prospettive economiche nel corso della giornata sarà valutato per capire se la riunione di giugno della Fed porterà una svolta alla politica. Verranno monitorate anche le presenze di Michael Barr e di altri funzionari della Fed.

Tutti gli occhi sono anche puntati su chi vincerà l'aspra battaglia per procura tra la Disney e l'investitore attivista Nelson Peltz, con i risultati del voto degli azionisti previsti più tardi mercoledì. Fonti hanno detto a Reuters che le indicazioni erano che la Disney avesse abbastanza sostegno per evitare il cambiamento del consiglio proposto da Trian di Peltz.

Nei singoli movimenti azionari, le azioni Intel (INTC) sono scese di circa il 5% dopo che la società di chip ha registrato forti perdite operative nella sua attività di fonderia.

Nel frattempo, la rivale TSMC (TSM) è stata costretta a fermare alcune operazioni di produzione di chip in seguito al forte terremoto che ha colpito Taiwan, sollevando preoccupazioni riguardo al fornitore di Apple (AAPL) e Nvidia (NVDA). Le sue azioni quotate negli Stati Uniti sono leggermente scese.

Lui vive5 aggiornamenti

  • L'umore attuale degli investitori

    È sorprendente vedere come il difficile inizio di aprile per i mercati abbia gettato gli investitori in uno stato di panico.

    Tieni presente che proprio la settimana scorsa eravamo vicini ai massimi record per l’S&P 500!

    A tal fine, ecco uno sguardo intelligente all'attuale stato d'animo degli investitori da parte del team di intelligence di JPMorgan oggi.

    Conclusione: gli investitori cercano una scusa per realizzare profitti.

    Lo stratega Andrew Tyler dice:

    “L'azione di ieri ha suscitato una serie di domande sul fatto se questa sia la fine del rally, su quanto le persone dovrebbero preoccuparsi per i mercati e se l'azione dei prezzi preannuncia qualcosa di molto peggio nell'economia. Non credo che nessuna di queste lo sia; il mercato ha chiuso all'1% rispetto al massimo storico… toccato la scorsa settimana. È possibile che si verifichi un calo del 2-3%, ma riteniamo che sia necessario assistere a un deterioramento macroeconomico o a una stagione degli utili che mostri crescita sequenziale negativa Le azioni rimangono sensibili alla volatilità delle obbligazioni, più dei livelli di rendimento, come abbiamo visto questa settimana con il rendimento dei titoli a 10 anni in aumento di 15 punti base e l'indice S&P 500 venduto a meno dell'1%.

  • Bostic della Fed prevede che la Fed taglierà i tassi di interesse nel quarto trimestre

    Il presidente della Fed di Atlanta, Raphael Bostic, ha dichiarato mercoledì mattina alla CNBC di ritenere che un percorso dell'inflazione più al ribasso del previsto significherà probabilmente che il primo taglio dei tassi da parte della Fed non arriverà prima del quarto trimestre del 2024.

    “Penso che sarebbe appropriato per noi iniziare a scendere alla fine di quest'anno, nel quarto trimestre”, ha detto Bostic in un'intervista alla CNBC. “Se questo percorso rallenta in termini di inflazione, dovremo essere più pazienti di quanto molti si aspettassero”.

    I commenti di Bostic arrivano mentre i recenti dati sull'inflazione elevata hanno costretto gli investitori ad abbandonare le loro speranze in un taglio dei tassi all'inizio dell'estate. Mercoledì mattina, gli investitori prevedevano una probabilità del 60% che la Fed tagliasse i tassi di interesse nella riunione di giugno. Un mese fa, gli investitori avevano previsto una probabilità del 74%. Secondo FedWatch dell'ECM.

  • Azioni aperte miste

    Mercoledì mattina le azioni statunitensi sono scese mentre gli investitori guardavano al prossimo discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell per avere indizi sulla possibilità che i tassi di interesse rimarranno alti più a lungo.

    L'indice S&P 500 (^GSPC) è sceso dello 0,1% circa, mentre il Dow Jones Industrial Average (^DJI) ha oscillato su entrambi i valori della linea piatta. Il Nasdaq Composite (^IXIC) ha guidato i ribassi, in calo di circa lo 0,4%, dopo che i principali indicatori hanno chiuso in un mare di rosso.

  • Tesla viene messo in panca di rigore da JP Morgan

    Non seppellire la mano qui.

    L'analista di JPMorgan Ryan Brinkman ha tagliato il suo obiettivo di prezzo per Tesla (TSLA) a 115 dollari da 130 dollari questa mattina, il che presuppone un ribasso di circa il 30% rispetto ai livelli di prezzo attuali (il titolo è già sceso del 33% da inizio anno). L’obiettivo di prezzo rivisto deriva dal “declassamento” di Brinkmann delle sue stime su Tesla dopo un rapporto poco brillante sulle consegne.

    Alcuni numeri interessanti dal rapporto Brinkman:

    • L'EPS per il primo trimestre dovrebbe essere pari a 0,42 dollari, in calo rispetto alla stima precedente di 0,69 dollari. Il consenso attuale è di circa $ 0,60.

    • Si prevede un flusso di cassa libero “significativo” pari a 1,3 miliardi di dollari nel primo trimestre rispetto a una stima precedente di 300 milioni di dollari di flusso. Brinkman dà la colpa a Tesla che ha troppe scorte dopo un trimestre deludente.

    Cosa dice Brinkman sulle azioni Tesla:

    “Sebbene le azioni Tesla siano scese del -59% rispetto al massimo storico di 409,97 dollari raggiunto il 4 novembre 2021 (contro S&P 500 +11%), il titolo ci sembra ancora costoso, con affari eccezionali” E risultati straordinari, a differenza Azioni Tesla.” La tendenza degli ultimi trimestri richiede che cresca nei prossimi anni fino a raggiungere il nostro obiettivo di prezzo di 115 dollari (che, con una capitalizzazione di mercato di 401 miliardi di dollari, notiamo nervosamente che Tesla è la casa automobilistica di maggior valore al mondo, davanti ai 391 dollari di Toyota). miliardi), per non parlare della valutazione attuale di 167 dollari per azione (580 miliardi di dollari).”

  • Intel sta aprendo ulteriormente i suoi libri contabili e il titolo sta subendo un duro colpo

    Le azioni Intel (INTC) sono in fase di riprogrammazione nella fase di pre-marketing.

    Le azioni sono scese del 4% poiché Intel ha perfezionato il modo in cui ha riportato i dati finanziari agli investitori. Questo era un evento atteso, ma i numeri relativi al business della fonderia (che è stato l'obiettivo principale del CEO Pat Gelsinger, come mi ha spiegato su Yahoo Finance Live due settimane fa) potrebbero aver sorpreso molti per strada.

    Intel ha affermato che la sua attività di produzione di chip ha registrato una perdita di 7 miliardi di dollari nel 2023, superiore alla perdita di 5,2 miliardi di dollari nel 2022. Le vendite sono diminuite del 31% su base annua a 18,9 miliardi di dollari. Si prevede che l’attività raggiungerà il pareggio intorno al 2030.

    Queste rivelazioni probabilmente ravviveranno la conversazione sul perché Intel sta costruendo fabbriche per produrre chip per altri, il che ha un costo significativo.

    L'analista di Stifel Ruben Roy ha fornito un'analisi più semplice per comprendere il titolo dopo le informazioni divulgate:

    “Crediamo che Intel abbia davanti a sé una strada difficile poiché l'azienda inizia una fase di transizione pluriennale che prevede un'elevata intensità di capitale e un ambizioso piano d'azione di progettazione con l'aspettativa di passare attraverso cinque transizioni di nodi di processo in quattro anni. Mentre Intel sta portando avanti il ​​suo piano, concorrenti come AMD (AMD) e Nvidia continuano (NVDA) a innovare le loro roadmap tecnologiche. Intel deve inoltre affrontare una crescente concorrenza da parte delle tecnologie CPU di produzione interna sia nel mercato dei PC consumer che in quello dei data center. Considerato questo, vediamo catalizzatori al rialzo limitati per il titolo nel medio termine.

READ  Tutti i voli dell'Alaska Airlines sono stati bloccati dalla Federal Aviation Administration (FAA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto